Men in Black anti-alieni cercasi

| È tutto vero: la Nasa ha lanciato un bando di concorso per trovare figure professionali da destinare alla protezione planetaria

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Cercate lavoro, vi sentite portati per l'avventura, non vi spaventa avere a che fare con creature strane e vi piace l'idea di difendere il mondo? Bene, avete tempo fino al prossimo 14 agosto per rispondere al bando appena pubblicato dalla Nasa sul sito online "USAJobs", in cui si cercano "Men in Black". Non è uno scherzo, la celebre e serissima agenzia spaziale americana, pur senza citare la saga cinematografica, ha ufficialmente lanciato la selezione per aspiranti "Planetary Protection Officer", letteralmente degli ufficiali per la protezione planetaria. A loro spetta il compito, per nulla semplice, di arginare l'eventuale arrivo di popolazioni aliene, evitando le contaminazioni biologiche che rappresentano uno degli effetti collaterali alle esplorazioni spaziali. Il contratto iniziale parla di tre anni, con stipendio compreso fra 124.000 e 187.000 dollari: fra i requisiti necessari, una non meglio precisata "conoscenza avanzata nella protezione planetaria" e una certa esperienza nell'implementazione dei programmi spaziali.

Ufficialmente si tratta di una nuova figura professionale, anche se la definizione "Men in Black" - da cui prende il nome anche la serie di film interpretati da Will Smith (agente J) e Tommy Lee Jones (agente K) - è un chiaro riferimento ad un'unità speciale di agenti di cui la teoria del complotto sugli UFO insiste fin dal 1947: un'unità segretissima nata per ridurre al silenzio notizie e testimonianze sui presunti avvistamenti di astronavi aliene.

Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue