Molto belle, tanto svestite e perché no, parecchio cattive

| La "Lingerie Football League" è un campionato con sette squadre di figliole che sta rubando la scena ai campioni della palla ovale. Un successo tutto al femminile, in perenne lotta fra muscoli e femminilità

+ Miei preferiti

In America, dove il football è una cosa dannatamente seria, qualcuno inizia a preoccuparsi: le signorine della Lingerie Football League cominciano a dar fastidio al campionato dei maschietti, quello che fa ruotare dollari a fiumi. E dire che tutto è iniziato quasi per scherzo nel 2004, con due sole squadre iscritte ed un evento unico che doveva stabilire le campionesse. Ma certe cose difficilmente passano inosservate, specie se a scendere in campo non sono nerboruti bestioni con le spalle larghe ma ragazze equipaggiate con protezioni per testa, spalle, gomiti e ginocchia, ma null'altro. Nel senso che al posto della divisa, le figliole scendono in campo in mutandine e reggiseno.

Questo spiega, per riallacciarci a quel che dicevamo prima, un'ascesa fulminea, con le due timide squadre nel 2004 diventate quattro l'anno successivo e oggi ferme a sette formazioni, tutte pronte a sfidarsi senza sconti per arrivare alla finalissima, la Lingerie Bowl. Con spalti gremiti in ogni ordine di posto, sponsor in crescita e gli sguardi sempre più incarogniti dei colleghi maschi.

Un fenomeno in puro stile yankee, passato attraverso un mare di critiche per essere offensivo nei confronti della donna e parodia sexy di uno sport da molti considerato una religione. A mettere tutti d'accordo l'impegno delle fanciulle, che coinvolte in veri campionati hanno alzato il tasso tecnico, stupendo spettatori abituati bene con schemi e soprattutto placcaggi degni dei maschi. In effetti, tutto si può dire, tranne che le fanciulle in campo facciano sconti: botte e lividi non si contano, così come le riparazioni di mascelle e incisivi.

Ma quando lasciano gli stadi, le signorine tornano ad essere ragazze come tutte le altre, e di volta in volta approfittano della loro notorietà per posare in favore della Peta (la lega americana per la protezione degli animali), o per accettare le lusinghe del compianto Mister Heffner e fare altrettanto sulle pagine di Playboy, con ancor meno stoffa a coprirle e tutto esaurito nelle edicole. Quasi dimenticavamo i nomi delle squadre, una vera strizzata d'occhio al sorriso con un pizzico di malizia: Los Angeles Temptation, Chicago Bliss e Seattle Mist, a cui stanno per aggiungersi le Denver Dream e le Washington Warriorettes. Hanno invece gettato la spugna Dallas Desire, Miami Caliente, Orlando Fantasy e San Diego Seduction. Che peccato.

Mondo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili