Nigeria, capitale africana del bob

| La Nazionale femminile nigeriana è entrata per la prima volta ai prossimi Giochi Olimpici Invernali. Un esempio e una lezione per tutti

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 1993, uscì nei cinema un film prodotto dalla Disney: "Cool Runnings, quattro sotto zero". Una pellicola ispirata alla vera storia della Nazionale di bob giamaicana, entrata per la prima volta ai giochi olimpici invernali di Calgary del 1988. Se il destino fosse un tizio giusto sarebbero dovuti tornare a casa con una medaglia, ma così non fu. E in fondo fa lo stesso.

Vent'anni dopo quell'impresa, la storia sta per ripetersi, anche se cambia continente. Questa volta tocca alla Nigeria, il più popoloso paese africano, un posto affacciato sul Golfo di Guinea e con una stagione delle piogge che può durare dai 4 ai 6 mesi. Piogge che mai e poi mai, si trasformano in neve, sia chiaro.

Ma neanche questo è bastato a fermare Seun Adigun, Ngozi Onwumere e Akuoma Omeoga, tre energiche e avvenenti atlete che, per la prima volta nella storia del loro paese, sono riuscite a provare per l'ennesima volta che l'impossibile non esiste: trascinare la Nazionale nigeriana di Bob alle prossime olimpiadi invernali, in programma a Pyeongchang, Corea del Nord, dal 9 al 25 febbraio del 2018.

Una storia di coraggio, testardaggine e volontà, nata addirittura grazie ad un finanziamento pubblico necessario per creare dal nulla una nazionale che in Nigeria non era esattamente una delle priorità. Da lì in poi tutto si è trasformato in un impegno agonistico che le tre atlete hanno preso alla lettera, volando ovunque ci fosse un po' di neve a disposizione, dalla Nuova Zelanda al Canada, fino a superare brillantemente le cinque gare di qualificazione necessarie per strappare un pass olimpico.

Il sogno delle tre non è neanche conquistare una medaglia, ma aprire la Nigeria ai giochi invernali e perché no, magari un giorno ospitare le Olimpiadi Invernali. Piogge permettendo.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera