Nigeria, capitale africana del bob

| La Nazionale femminile nigeriana è entrata per la prima volta ai prossimi Giochi Olimpici Invernali. Un esempio e una lezione per tutti

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 1993, uscì nei cinema un film prodotto dalla Disney: "Cool Runnings, quattro sotto zero". Una pellicola ispirata alla vera storia della Nazionale di bob giamaicana, entrata per la prima volta ai giochi olimpici invernali di Calgary del 1988. Se il destino fosse un tizio giusto sarebbero dovuti tornare a casa con una medaglia, ma così non fu. E in fondo fa lo stesso.

Vent'anni dopo quell'impresa, la storia sta per ripetersi, anche se cambia continente. Questa volta tocca alla Nigeria, il più popoloso paese africano, un posto affacciato sul Golfo di Guinea e con una stagione delle piogge che può durare dai 4 ai 6 mesi. Piogge che mai e poi mai, si trasformano in neve, sia chiaro.

Ma neanche questo è bastato a fermare Seun Adigun, Ngozi Onwumere e Akuoma Omeoga, tre energiche e avvenenti atlete che, per la prima volta nella storia del loro paese, sono riuscite a provare per l'ennesima volta che l'impossibile non esiste: trascinare la Nazionale nigeriana di Bob alle prossime olimpiadi invernali, in programma a Pyeongchang, Corea del Nord, dal 9 al 25 febbraio del 2018.

Una storia di coraggio, testardaggine e volontà, nata addirittura grazie ad un finanziamento pubblico necessario per creare dal nulla una nazionale che in Nigeria non era esattamente una delle priorità. Da lì in poi tutto si è trasformato in un impegno agonistico che le tre atlete hanno preso alla lettera, volando ovunque ci fosse un po' di neve a disposizione, dalla Nuova Zelanda al Canada, fino a superare brillantemente le cinque gare di qualificazione necessarie per strappare un pass olimpico.

Il sogno delle tre non è neanche conquistare una medaglia, ma aprire la Nigeria ai giochi invernali e perché no, magari un giorno ospitare le Olimpiadi Invernali. Piogge permettendo.

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…