Nutella superscontata
in Francia è ressa

| Sta accadendo in questi giorni in alcuni centri commerciali della Loira, in Francia, dove i barattoli del cremoso best-seller della Ferrero vanno letteralmente a ruba. Gli addetti: «Mai vista una cosa simile»

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Che la Nutella piaccia a tutti, grandi e piccini, è cosa risaputa. Il prodotto viene esportato in decine e decine di Paesi di tutto il mondo e il suo successo sta nell’inconfondibile gusto che in tanti hanno cercato vanamente di imitare. Un po’ come accade per altri prodotti di successo a partire dalla Cola. Da ieri, un'offerta speciale per il prodotto “made in Alba”  ha provocato resse mai viste nei supermercati della Loira, descritte come vere e proprie "sommosse" dagli impiegati della catena Intermarché, sconvolti dall'accalcarsi dei clienti che cercavano di aggiudicarsi i barattoli da 950 grammi a 1,41 euro.

Addirittura in un supermercato dell'Horme gli addetti agli scaffali sono stati spintonati e strattonati, uno è uscito dalla calca con un occhio nero. A Saint-Chamond un altro dipendente di Intermarché ha raccontato che sui nastri delle casse «non si vedeva che Nutella, mai visto niente di simile, abbiamo venduto quello che di solito vendiamo in tre mesi». E a Rive-de-Gier, rincara un cliente, «si sono buttati come animali sugli scaffali, a una donna hanno tirato i capelli, a una signora anziana è stato gettato uno scatolone in testa, un'altra aveva una mano insanguinata. E' stato impressionante».

All'Intermarché de Montbrison hanno tentato di correre ai ripari limitando la vendita a tre barattoli a persona. «Niente da fare - ha detto sconsolato il direttore locale - è scattato l'andirivieni, compravano, uscivano e rientravano per comprare ancora». L'operazione Nutella superscontata continuerà anche oggi e domani (sabato).

Il successo della Nutella sta scritto in oltre 50 anni si storia. Era il 20 aprile 1964 quando dalle linee della Ferrero, ad Alba, uscì il primo barattolo di crema spalmabile. Da quel momento le merende per i bambini non sarebbero state mai più le stesse. Il prodotto ebbe successo istantaneo: nel 1965 uscì in Germania e l’anno successivo in Francia. Da quel momento è stata una continua escalation, tanto da diventare uno dei prodotti di consumo più popolari, citato in romanzi, canzoni e opere cinematografiche.

 

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future