Parigi sepolta dalla neve, migliaia di auto bloccate

| Nevicata record, auto bloccate, caos e soccorsi. Treni in ritardo o soppressi, idem voli e linee pubbliche, parte il piano "Grande Freddo". Perturbazione in corso almeno sino a domani, 32 compartimenti coinvolti

+ Miei preferiti

Migliaia di auto bloccato lungo le principlai direttive nei sobborghi di Parigi ma anche nei quartieri metropolitan, con tanto di sonowboard a Montmartre.. L'ecczionale nevecata ìha mobilitao oltre 2 mila 500 tra pompieri e forze di polizie e mezzi di soccorso sanitario. La Torre Eiffel ha chiuso i battenti a causa delle avverse condizioni climatiche: a Parigi infatti sono previsti fino a dieci centimetri di neve. Ma è tutta la metà settentrionale della Francia a patire le conseguenze di un brusco calo della pressione e delle temperature, che hanno causato ritardi nella circolazione ferroviaria, sia dei treni veloci che del trasporto urbano: 22 dipartimenti hanno attivato il piano “grande freddo”, mentre Meteo-France ha dichiarato l’allerta arancione neve e ghiaccio per 32 dipartimenti. Spessa di qualche centimetro, la neve è rimasta intatta su alcuni monumenti e nei parchi pubblici offrendo foto spettacolari a cittadini e turisti. In alcune zone meridionali dell’Ile-de-France, la regione della capitale, lo strato di neve potrebbe arrivare fino a dieci centimetri, ma l’allerta riguarda anche il resto del Paese.

Secondo quanto spiegato da Mètèo France, il territorio francese sarà quasi completamente imbiancato ancora dopodomani. Una netta inversione di rotta dopo un mese di gennaio eccezionalmente caldo rispetto alla norma. Le nevicate attese nelle prossime ore a Parigi non dovrebbero avere un impatto negativo sul livello della Senna che continua a scendere progressivamente dopo la piena dei giorni scorsi.

 
Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera