Quando iI conto arriverà in vena

| C'è un nuovo metodo di pagamento elettronico all'orizzonte: si basa sull'intreccio dei capillari di un dito, unico e non replicabile

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Impronte digitali, scansione della retina, riconoscimento facciale? Per favore, cerchiamo di essere seri. A Londra, all'interno di un supermercato non distante dalla "Brunel University", è in fase di sperimentazione un nuovo sistema biometrico di pagamento basato su un parametro finora inedito: la scansione delle vene. Si chiama "Fingopay", è un lettore elettronico nato dalla collaborazione fra Hitachi e Sthaler, azienda specializzata nella ricerca di nuove frontiere dei pagamenti elettronici. Inserendo un dito nel lettore, Fingopay è in grado di mappare in pochi istanti l'intreccio dei capillari per generare un codice che autorizza la transazione attraverso bancomat o carte di credito.

I test in fase di ultimazione all'interno dell'ateneo seguono in realtà una prima fase di sperimentazione che ha coinvolto circa 2.000 clienti di un bar nel popolare quartiere di Camden.

Divisa, al momento, la comunità scientifica: secondo il parere di un analista informatico specializzato in cybersecurity, intervistato dalla BBC, le impronte digitali restano uno dei metodi di identificazione più sicuri. Di parere totalmente contrario un ingegnere, che trova nel flusso del sangue un grado di sicurezza assolutamente non replicabile.

Mondo
Gli attentatori confessano tutto
anche troppo
Gli attentatori confessano tutto<br>anche troppo
Tre arrestati a Caracas, tra cui il capo del commando e due latitanti. Già 24 persone in carcere per l'attentato con i droni. Il governo accusa Messico, Chile e Colombia di averlo organizzato. Ma i dubbi restano
Nicaragua, il sanguinoso tramonto di Ortega
Nicaragua, il sanguinoso tramonto di Ortega
Ancora scontri a Managua, morto un 16enne e feriti gravi a causa di colpi d'arma da fuoco. In strada squadre di paramilitari. Da gennaio decine di morti. Il regime sandinista in preda alla crisi economica
Riad, nessuna pressione sul petrolio
Riad, nessuna pressione sul petrolio
L'Arabia Saudita risponde a un tweet di Trump che suggeriva un abbassamento dei prezzi del greggio.
SOS dall'Oceano Indiano, navigatore solitario ferito
SOS dall
L'imbarcazione "Thuriya" dell'indiano Abhilash Tomy investita dalla tempesta è alla deriva nell'Oceano Indiano. Ha riportato una lesione alla schiena e non può muoversi per alimentarsi, prigioniero nello scafo. I soccorsi
Orrore nella casa delle bambole
Orrore nella casa delle bambole
Infermiera accoltella tre bimbi e quattro adulti in una clinica clandestina di New York. Sono gravi. Scoperta la rete dell'immigrazione clandestina, donne asiatiche partoriscono per avere la cittadinanza Usa. La mano del racket
L'angosciante delitto del catamarano
L
Isabella Hellman, 41 anni, nel 2017 scomparve nel naufragio di uno yacht al largo di Cuba. Il marito si salvò ma adesso è accusato di omicidio. Movente, il patrimonio di lei. L'FBI ha trovato le sue ultime lettere
Tragedia Venezuela
agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Tragedia Venezuela<br>agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Ospedali al collasso, epidemie fuori controllo, malati abbandonati, mancano farmaci e non si opera più. La gente cerca cibo tra i rifiuti, emigrazione fuori controllo, scioperi continui. L'indifferenza di Maduro
Libia, verso l'offensiva finale
Libia, verso l
Nelle ultime ore 15 morti nello scontro tra fazioni rivali, già 112 morti in meno di un mese. L'esercito di Haftar si sta rafforzano in vista dello scontro finale per il controllo della Libia
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
Il governo iraniano accusa Gran Bretagna e Arabia Saudita per l'attentato armato a una parata militare, in cui sono state uccise 24 persone e ferite 20. tra le vittime, 10 pasdaran e alcuni bambini
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Non è la solita carica onorifica che vale più che altro in immagine, ma un incarico pieno, con il potere di siglare trattati internazionali