Quattro ore di boxe a 321 metri di altezza

| È la speciale sessione di allenamento organizzata per il campione del mondo dei massimi Anthony Joshua sulla pista di atterraggio del Burj al-Arab, il luxury-hotel di Dubai

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Ama farsi chiamare "AJ", e contraddirlo non è saggio: un po' per il metro e 98 cm di altezza, un altro per i 115 kg di peso e il resto per le tre corone che si porta sulla testa, una per ognuno dei titoli mondiali di boxe conquistati: IBF, WBA e IBO, categoria pesi massimi. Ecco perché quando Anthony Oluwafemi Olaseni Joshua, questo il suo nome per intero, si è messo in testa di emulare alcuni suoi colleghi sportivi, organizzando la più suggestiva delle sessioni di allenamento, non dev'essere stato facile dirgli di no.

Così è stato: la piattaforma di atterraggio degli elicotteri del lussuosissimo "Burj al-Arab", a 321 metri dal suolo, è diventata per un giorno la sua palestra d'allenamento, esattamente come prima di lui avevano fatto Tiger Woods, Rory Mcllroy, Roger Federer e Andre Agassi.

La tabella di allenamento di Anthony è imbarazzante per qualsiasi altro esponente del genere umano: quando si avvicinano gli incontri, ovvero sempre, AJ manda giù 5.000 calorie al giorno, necessarie per reggere alle quattro ore di allenamento quotidiano, che filma e regolarmente posta su Instagram.

L'ennesimo campione sopra le righe

Che Anthony Joshua sia un personaggio è risaputo: inglese di Watford con origini nigeriane, classe 1989, un passato con qualche pagina da dimenticare e una scalata vertiginosa nella stratosfera della boxe non gli bastano, perché ha in mente ben altro: riscrivere per intero la storia del pugilato. Per tanti è il nuovo Tyson: è un ragazzo con la testa calda e la rissa facile che impara a tirare di boxe a 18 anni, tirato sul ring dal cugino, uno dei tanti che non sa più cosa inventarsi per dargli qualche regola. Neanche quattro anni dopo porta a casa l'oro alle Olimpiadi di Londra.

Nel 2013 entra nel professionismo, ma più che altro macina venti incontri, tutti finiti con un ko. In mezzo, nel 2011, un arresto per droga, chiuso con 100 di lavori socialmente utili, e la scoperta di altre discipline che giura lo aiutino a completarsi: il motocross, gli scacchi e i saggi di economia.

Inutile chiedergli dove vuole arrivare, perché non lo sa. O meglio, non sa come spiegare che in questa vita i limiti non ci sono e non ci devono essere. Tanto non c'è nessuno che provi a dirgli di darsi una calmata.

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…