Scandalo pedofilia nella Chiesa tedesca

| Uno studio commissionato dalla Conferenza Episcopale In Germania, svela un numero impressionante di casi di stupro e violenza perpetrati dal 1946 al 2014. Ma quasi nessuno dei preti coinvolti ha avuto conseguenze

+ Miei preferiti
La pubblicazione ufficiale del rapporto commissionato dalla Conferenza Episcopale tedesca alle università di Mannheim, Heidelber e Giessen, era prevista per la fine di settembre. Ma il quotidiano “Spiegel” è riuscito ad anticipare una parte dei contenuti, sufficiente a dare un quadro dai numeri allarmanti: fra il 1946 ed il 2014, quasi 3.700 minori sarebbero stati molestati e abusati da preti cattolici tedeschi.

In Germania è la notizia del momento, un polverone mediatico che fa discutere e un coro di voci indignate che si chiedono il perché di tanti anni di silenzi e insabbiamenti. Per il Vaticano, decisamente in affanno, l’ennesimo capitolo nell’ormai voluminoso libro dei casi di pedofilia, perversione che sembra annidarsi proprio dove non avrebbe dovuto mai esserci.

Le cifre, ancora una volta, rendono meglio delle parole: in 70 anni, 1.670 preti avrebbero abusato sessualmente di 3.677 minori. Per la maggioranza ragazzini con meno di 13 anni, e in un caso su sei si parla di stupro e violenza sessuale.

Lo studio riguarda il 4% dei sacerdoti attivi in Germania e sull’analisi di 38mila documenti di 27 diocesi tedesche: una piccola parte di quelli persi o distrutti, che lascia immaginare proporzioni del fenomeno decisamente più vaste.

Il seguito è perfino peggio: solo il 38% dei casi è diventato oggetto di inchiesta, e di questi la quasi totalità si è chiusa con pochissime conseguenze per i preti incriminati. Qualcuno fu trasferito o spostato ad altro incarico, ma nessuno finì mai per risponderne davanti alla legge.

Stephan Ackermann, portavoce della Conferenza Episcopale tedesca, dichiara la Chiesa “Sconcertata e piena di vergogna. Il fine della ricerca era fare qualcosa nell’interesse delle vittime, permettere alla chiesa stessa di conoscere a fondo gli errori e trovare il modo perché non si ripetano mai più”.

Dal vaticano, al momento, nessuna reazione. Qualche giorno fa, la Sala Stampa Vaticana ha convocato per il prossimo febbraio una riunione delle conferenze episcopali che ha l’obiettivo di proteggere e tutelare i minori.

Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue