Seagal, due stupri e molte molestie seriali

| L'attore denunciato da due attrici per gravi - presunte- violenze avvenute nel 1994. Regina Simons, allora 18enne, invitata a una festa ma c'era solo lui. Stessa tecnica per altre presunte vittime. Il ruolo criminale dei body guard

+ Miei preferiti

L’attore Steven Seagal stupratore e molestatore seriale? E’ accusato di molestie sessuali da due donne, secondo la rivista Rolling Stone, che  hanno lo denunciato alla polizia di Los Angeles. Seagal- Lui era già stato  era stato segnalato per molestie anche da alle attrici Portia de Rossi, Julianna Margulies, Katherine Heigl e Jenny McCarthy. Seagal è famoso per i film Nico, di cui scrisse anche il soggetto insieme al regista. Poi Duro da uccidereProgrammato per uccidere, e Giustizia a tutti i costi. Il successo vero nel 1992 con il film Trappola in alto mare, nuovamente diretto da Andrew Davis.

Per le sue (presunte) imprese suori dal set, sempre la stessa tecnica: avrebbe invitato le donne a raggiungerlo in luoghi dove avrebbero dovuto trovarsi altre persone e dove invece c’era soltanto lui o al massimo una guardia del corpo. Regina Simons, che aveva 18 anni, mormone, lavorò con lui sul set del film uscito nel 1994 «Deadly Ground», afferma che Seagal la invitò a una festa «per celebrare la fine delle riprese» ma scoprì di essere sola con lui. La Simons si sentì rispondere che gli altri ospiti «erano già andati via». La portò in una stanza e chiuse la porta mettendole le mani addosso: «Si spogliò e prima che potessi fare qualcosa era sopra di me e mi ha stuprato». Regina ha detto che all’epoca era ancora vergine: «Rimasi congelata, come se la mia anima fosse uscita dal corpo». La Simons aha allegato alla denuncia due testimonianze dell’epoca, quella di un’amica e di un vescovo mormone che saranno presto sentiti dalla polizia. Fabiola Davis, giovane attrice, ha accusato Seagal di averla pesantemente molestata nel 2002 durante «una audizione privata» nella sua stanza di albergo. Con l’attore era una guardia del corpo che tentò di impedirle di uscire. Le nuove accuse non sono le prime per Seagal.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera