Seagal, due stupri e molte molestie seriali

| L'attore denunciato da due attrici per gravi - presunte- violenze avvenute nel 1994. Regina Simons, allora 18enne, invitata a una festa ma c'era solo lui. Stessa tecnica per altre presunte vittime. Il ruolo criminale dei body guard

+ Miei preferiti

L’attore Steven Seagal stupratore e molestatore seriale? E’ accusato di molestie sessuali da due donne, secondo la rivista Rolling Stone, che  hanno lo denunciato alla polizia di Los Angeles. Seagal- Lui era già stato  era stato segnalato per molestie anche da alle attrici Portia de Rossi, Julianna Margulies, Katherine Heigl e Jenny McCarthy. Seagal è famoso per i film Nico, di cui scrisse anche il soggetto insieme al regista. Poi Duro da uccidereProgrammato per uccidere, e Giustizia a tutti i costi. Il successo vero nel 1992 con il film Trappola in alto mare, nuovamente diretto da Andrew Davis.

Per le sue (presunte) imprese suori dal set, sempre la stessa tecnica: avrebbe invitato le donne a raggiungerlo in luoghi dove avrebbero dovuto trovarsi altre persone e dove invece c’era soltanto lui o al massimo una guardia del corpo. Regina Simons, che aveva 18 anni, mormone, lavorò con lui sul set del film uscito nel 1994 «Deadly Ground», afferma che Seagal la invitò a una festa «per celebrare la fine delle riprese» ma scoprì di essere sola con lui. La Simons si sentì rispondere che gli altri ospiti «erano già andati via». La portò in una stanza e chiuse la porta mettendole le mani addosso: «Si spogliò e prima che potessi fare qualcosa era sopra di me e mi ha stuprato». Regina ha detto che all’epoca era ancora vergine: «Rimasi congelata, come se la mia anima fosse uscita dal corpo». La Simons aha allegato alla denuncia due testimonianze dell’epoca, quella di un’amica e di un vescovo mormone che saranno presto sentiti dalla polizia. Fabiola Davis, giovane attrice, ha accusato Seagal di averla pesantemente molestata nel 2002 durante «una audizione privata» nella sua stanza di albergo. Con l’attore era una guardia del corpo che tentò di impedirle di uscire. Le nuove accuse non sono le prime per Seagal.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future