Seagal, due stupri e molte molestie seriali

| L'attore denunciato da due attrici per gravi - presunte- violenze avvenute nel 1994. Regina Simons, allora 18enne, invitata a una festa ma c'era solo lui. Stessa tecnica per altre presunte vittime. Il ruolo criminale dei body guard

+ Miei preferiti

L’attore Steven Seagal stupratore e molestatore seriale? E’ accusato di molestie sessuali da due donne, secondo la rivista Rolling Stone, che  hanno lo denunciato alla polizia di Los Angeles. Seagal- Lui era già stato  era stato segnalato per molestie anche da alle attrici Portia de Rossi, Julianna Margulies, Katherine Heigl e Jenny McCarthy. Seagal è famoso per i film Nico, di cui scrisse anche il soggetto insieme al regista. Poi Duro da uccidereProgrammato per uccidere, e Giustizia a tutti i costi. Il successo vero nel 1992 con il film Trappola in alto mare, nuovamente diretto da Andrew Davis.

Per le sue (presunte) imprese suori dal set, sempre la stessa tecnica: avrebbe invitato le donne a raggiungerlo in luoghi dove avrebbero dovuto trovarsi altre persone e dove invece c’era soltanto lui o al massimo una guardia del corpo. Regina Simons, che aveva 18 anni, mormone, lavorò con lui sul set del film uscito nel 1994 «Deadly Ground», afferma che Seagal la invitò a una festa «per celebrare la fine delle riprese» ma scoprì di essere sola con lui. La Simons si sentì rispondere che gli altri ospiti «erano già andati via». La portò in una stanza e chiuse la porta mettendole le mani addosso: «Si spogliò e prima che potessi fare qualcosa era sopra di me e mi ha stuprato». Regina ha detto che all’epoca era ancora vergine: «Rimasi congelata, come se la mia anima fosse uscita dal corpo». La Simons aha allegato alla denuncia due testimonianze dell’epoca, quella di un’amica e di un vescovo mormone che saranno presto sentiti dalla polizia. Fabiola Davis, giovane attrice, ha accusato Seagal di averla pesantemente molestata nel 2002 durante «una audizione privata» nella sua stanza di albergo. Con l’attore era una guardia del corpo che tentò di impedirle di uscire. Le nuove accuse non sono le prime per Seagal.

Mondo
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Il presidente del Venezuela assomiglia sempre di più a Maria Antonietta. Il popolo muore di fame e lui va in uno dei ristoranti più cari di Istanbul. L'opposizione si scatena: "Lui e la first lady si fanno beffe dei venezuelani"
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Ha partecipato ad azioni di salvataggio e protezione in tutto il mondo: ora i suoi trent’anni di carriera stanno per diventare un film
#MeToo McDonald's: non siamo nel menu
#MeToo McDonald
I lavoratori Usa del gigante della ristorazione in sciopero gli abusi sessuali. "Non denunciamo perché abbiamo paura di perdere il posto", raccontano i dipendenti. Ma le molestie "accadono ogni giorno"
Medico e fidanzata stupratori seriali
Medico e fidanzata stupratori seriali
Noto medico e la sua complice agganciavano le vittime, forse decine, in bar o feste. Le ubriacavano e poi somministravano droghe e psicofarmaci. Le violenze nel lussuoso alloggio del chirurgo, apparso anche in tv
Ogni cinque secondi muore un bambino
Ogni cinque secondi muore un bambino
Le stime Unicef: nel 2017 morti 6 milioni e 300 mila bambini, la maggior parte nei primi cinque anni di vita. Le percentuali più alte in Africa e nell'area sub-sahariana. Mortalità record in Somalia e Ciad
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Risarcimento record a New York per gli abusi subiti da quattro vittime da parte di un insegnante laico di religione, uno dei più ingenti di sempre
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Accade in Irlanda, un 83enne ha affrontato tre rapinatori in una sala scommesse costringendoli alla fuga, i giovani invece erano fuggiti per la paura
I bimbi dimenticati in obitorio
I bimbi dimenticati in obitorio
La vicenda è avvenuta a Catherine, in Australia: molte famiglie non hanno i soldi per pagare i funerali
Helene Pastor, l'odio l'ha uccisa
Helene Pastor, l
Prima udienza in Tribunale per i dieci accusati del delitto. Sentenza il 19 ottobre. I figli della miliardaria, Gildo e Sylvia, parte civile contro l'ex console polacco. Scambi di accuse tra gli imputati
Ecco la Marijuana Cola
Ecco la Marijuana Cola
La multinazionale pronta a produrre una bevanda con un componente della droga più famosa dai tempi degli hippie. Cambio di filosofia, che ora punta al benessere dei consumatori