Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati

| Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada

+ Miei preferiti
Chrystal è morta mentre cercava di recuperare qualcosa con cui ripararsi dal freddo in un contenitore per la raccolta di abiti usati. Un dramma della povertà accaduto in un sobborgo di Toronto, in Canada: i vigili del fuoco sono stati costretti a tagliare il contenitore di metallo per liberarla, ma nonostante gli sforzi, la donna è morta.

Patricia O’Connell, direttore esecutivo dell’ospizio per donne “Sistering”, non è lontano dalla posizione del contenitore, ha descritto Chrystal come un “Bella persona. La conoscevamo tutti, siamo distrutti”.

La morte della donna arriva giorni dopo che un uomo di 34 anni è morto con le stesse modalità: rimanendo intrappolato in un contenitore di abiti dismessi di West Vancouver.

Sulla scia della sua morte, Jeremy Hunka della “Union Gospel Mission” ha riferito che si tratta di “Una morte orribile. Troppi dei nostri ospiti, che non hanno la possibilità di cambiare vita, stanno morendo nello stesso modo”.

La settimana scorsa, un rapporto della stampa canadese ha rivelato che negli ultimi quattro anni sette persone in Canada sono morte mentre tentavano di recuperare indumenti dai contenitori, progettati in modo da evitare i furti. Ma ci sono fondati timori che possano intrappolare persone come i senzatetto in cerca di vestiti caldi o di un riparo durante il freddo inverno canadese.

Dopo una tragedia simile in passato, un portavoce di Vancouver Fire Rescue ha spiegato: “La maggior parte dei decessi sono dovuti a problemi respiratori. Il meccanismo del contenitore restringe il tronco della vittima, rendendo difficile la respirazione. Rimanere a testa in giù per lunghi periodi può essere fatale: la vittima può morire per asfissia a causa della pressione degli organi che pesano sui polmoni, o può essere vittima di un ictus”.

Mondo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal