"Sono catalano, torno per votare No l'unità del Paese è un valore importante"

| La comunità spagnola in Piemonte alla vigilia del referendum per l'indipendenza della Catalogna

+ Miei preferiti
"Perché voterò NO? Perché per me l'unità della Patria è un valore in cui credo. Sono catalano e rientrerò a Barcellona per il referendum, i miei amici sono quasi tutti indipendentisti ma non sono d'accordo con loro, pur senza nessun fanatismo". Nicolas Duarte ha 36 anni e vive da tempo in Piemonte. Lavora per una multinazionale, è un tifoso del Barcellona e le vacanze "le passo a casa da anni, in un sobborgo della capitale - dice - che per me è il posto più bello del mondo". Ma se il referendum è dichiarato illegale dal governo centrale, perché votare? "La ragione è semplice, il Si prevarrà con alte percentuali ma almeno chi non è d'accordo ha la possibilità di esprimere una sua opinione, e dunque, come tanti altri catalani, se i seggi saranno aperti ci andrò".

Intolleranza. Vero o no che c'è un clima non piacevole nei confronti di chi vorrebbe restare in una nazione unita? "Non esattamente. Lo è per chi ostenta una fede contrapponendola a un'altra. Certo, se qualcuno espone la bandiera nazionale fuori dalla finestra, si espone a gesti di intolleranza, sino ad ora, a parte qualche caso, è stata solo verbale. O se vai a parlare in castigliano (lo spagnolo ufficiale, ndr) nelle enclavi più indipendentiste, non risulterai simpatico, ma non vi immaginate niente di così grave". Nicolas ha frequentato scuole dove il castigliano è insegnato come una lingua straniera, parla abitualmente in catalano e la sua cultura è profondamente radicata nei valori e nelle abituddini locali. Ma giudica negativamente il tifo contrario ai colori spagnoli dei catalani nelle partite della nazionale e in pari modo i fischi ai giocatori catalani da parte del pubblico spagnolo. "Intanto la nostra storia si intreccia nei secoli e la conquista dell'unità del Paese è un valore a cui non si può rinunciare. Ma immaginiamo che la classe dirigente catalana insista ancora con la "Catalexit", quante aziende se ne andranno? L'Europa chiuderà i finanziamenti e i sostegni ai contadini e alle imprese, ci sarà un arretramento generale. La Catalogna deve riaprire un dialogo con il governo centrale per ottenere invece ulteriori possibilità di crescere economicamente, come la creazione di di infrastrutture che non abbiano più solo Madrid come epicentro ma anche Barcellona. Credo in una vera autonomia, che siano restituiti ai Catalani i soldi delle tasse che pagano di più rispetto ad altre regioni". Che succederà domani? "Non lo so, sappiamo che alcuni seggi sono presidiati, che il governo ha mandato la Guardia Civil a chiudere i centri telematici, che ci sono denunce e azioni di polizia. Questo non va bene, e non va bene il clima di radicalizzazione. Il governo centrale agisce però nel rispetto della Costituzione e delle leggi, gli indipendentisti cercano lo scontro finale. Per questo vado a votare, ci sono tante persone che sono contrarie a lasciare la Spagna, ci vuole una testimonianza coraggiosa anche se sarà inutile".


Mondo
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni