Sudafrica, la strage silenziosa
delle donne

| Migliaia di donne in piazza per chiedere al presidente di prendere posizione e per ricordare l’ennesima vittima: una ragazza di 23 anni suicida dopo essere stata violentata

+ Miei preferiti
“Nei villaggi piccoli e grandi, nelle città, nelle case, nelle scuole, al liceo, all’università, nei parchi e negli spazi pubblici: in Sudafrica è in corso una guerra contro il diritto delle donne alla sicurezza e all’uguaglianza. È un affronto alla nostra comune umanità”. Con queste parole forti, il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha finalmente preso posizione accompagnando il 9 agosto, la giornata delle donne e il ricordo di un episodio del 1956, quando in 20mila, a Pretoria, chiesero con forza di abrogare la legge che obbligava i neri a portare degli speciali lasciapassare, per poter entrare nelle zone riservate ai bianchi.

Ma un giorno che proprio quest’anno ha assunto un significato particolare per la discesa in piazza di migliaia donne, che da tempo sono così decise a lottare contro la “cultura dello stupro” da lanciare una sorta di ultimatum proprio a Ramaphosa: “fai qualcosa, prima che sia troppo tardi per tutti”.

L’ultima goccia, o forse tristemente solo la più recente, è stata la vicenda di Khensani Maseko, una studentessa di 23 anni che dopo aver annunciato le sue intenzioni con un post su Facebook, si è tolta la vita nel giorno del suo compleanno, il 3 agosto scorso. Khensani viveva a Johannesburg, era una ragazza tranquilla che lo scorso maggio aveva subito uno stupro da parte di un compagno di corso della “Rhodes University”. Intenzionata a rivendicare tutti i propri diritti di vittima, aveva denunciato l’accaduto alla direzione del college rivolgendosi anche a “Nkosi-Fassie”, un’organizzazione che si occupa di aiutare gli studenti in difficoltà. “Khensani si è presentata nel mio ufficio per chiedere aiuto: i suoi genitori sono stati immediatamente contattati e quando sono arrivati volevano portarla a casa - ha dichiarato Kerry Perumal, presidente della Nkossi-Fassie - ma la ragazza ha ribadito con forza che sarebbe tornata al college, perché non era lei a doversi vergognare. Nulla nel suo atteggiamento battagliero e orgoglioso poteva far pensare a tendenze suicide”.

La direzione del college ha dichiarato che l’autore dello stupro – di cui non è mai stato rivelato il nome - era stato sospeso immediatamente e che l’intera struttura stava collaborando attivamente da diverso tempo con la polizia sudafricana e la procura nazionale. “La tragica fine di Khensani non fermerà l’indagine”, ha dichiarato Sizwe Mabizela, vicepreside della Rhodes University.

La violenza sulle donne in Sudafrica sta assumendo numeri preoccupanti: secondo le stime pubblicate lo scorso giugno dal servizio statistico nazionale sudafricano, 138 donne su 100.000 sono state stuprate fra il 2016 e l’anno successivo. Una cifra tra le più alte al mondo. A questo si va aggiunto che il tasso di femminicidi è cinque volte superiore ad ogni altro paese al mondo.

La morte di Khensani Maseko ha scatenato l'indignazione pubblica in Sudafrica, dove le donne spesso usano i social media per condividere immagini di donne che sono state uccise dai loro partner. “Agosto è il mese della donna, ma le donne in questo paese non sono felici: non abbiamo nulla da festeggiare. Fin quando le leggi non cambieranno e i colpevoli avranno davvero paura delle conseguenze, donne e bambini continueranno a morire”.

Star Khulu, una ragazza di 28 anni, ha ammesso ai microfoni della CNN che ogni volta che deve uscire di casa cerca di non essere attraente: “Se sulla mia strada incrocio più di due uomini per volta devio percorso: qualche tempo fa un uomo mi ha afferrata per un braccio all’interno di un supermercato per chiedermi il perché non rispondevo ai suoi sorrisi. Provo di tutto, tutti i giorni, perché non voglio essere violentata”.

Mondo
Il peso specifico degli Omarosa tapes
Il peso specifico degli Omarosa tapes
La nuova tegola sulla testa di Trump sono le rivelazioni dell’ex responsabile delle relazioni pubbliche della White House. A dare forza alle sue accusa alcune registrazioni segrete
I tacchi ripieni di suor cocaina
I tacchi ripieni di suor cocaina
Nascondeva nei tacchi delle scarpe un kg di cocaina, la suora fermata all’aeroporto di Sydney che ora rischia una pesante condanna
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La tragedia del ponte Morandi che ha colpito al cuore il capoluogo ligure occupa le prime pagine dei siti delle maggiori testate del mondo
Taliban conquistano base miliare
Taliban conquistano base miliare
UccisI una quarantina di soldati governativi nel Nord Afghanistan, in 53 si sono arresi ai guerriglieri
Il flop dei suprematisti bianchi
Il flop dei suprematisti bianchi
Solo una trentina di attivisti di estrema destra alla marcia di Washington un anno dopo gli incidenti di Charlottesville. I contestatori erano più di un migliaio. Un temporale ha poi disperso i seguaci di Jason Kessler
Belgio, picchiati perché gay
Belgio, picchiati perché gay
Grave episodio di omofobia, le vittime, il fumettista italiano Mauro Padovani e il compagno Tom Freeman postano le foto dopo l'aggressione subita dai vicini di casa. Indaga la polizia
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Azione in una base terrorista nel Nord del Sinai, ad al-Arish. Trovate armi ed esplosivi
India, ucciso turista francese
India, ucciso turista francese
Nello Stato del Tamil-Nadu, un indiano di cui era ospite ha confessato l'oidio, ha tentato di bruciare il corpo, trovato poi in un canale
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Gli attivisti di Unite the Right marciano a Washington in nome della supremazia bianca. Fronteggiati dagli anti-razzisti, si temono incidenti. Trump condanna il razzismo e invita gli americani ad essere uniti
Maduro, violenze contro oppositori
Maduro, violenze contro oppositori
La polizia segreta di Maduro si accanisce contro i parlamentari Requesens e Borges, arrestati dopo l'attentato. Diffuso un video in cui emergono condizioni di grave degrado. Le "ammissioni"