Sudafrica, la strage silenziosa
delle donne

| Migliaia di donne in piazza per chiedere al presidente di prendere posizione e per ricordare l’ennesima vittima: una ragazza di 23 anni suicida dopo essere stata violentata

+ Miei preferiti
“Nei villaggi piccoli e grandi, nelle città, nelle case, nelle scuole, al liceo, all’università, nei parchi e negli spazi pubblici: in Sudafrica è in corso una guerra contro il diritto delle donne alla sicurezza e all’uguaglianza. È un affronto alla nostra comune umanità”. Con queste parole forti, il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha finalmente preso posizione accompagnando il 9 agosto, la giornata delle donne e il ricordo di un episodio del 1956, quando in 20mila, a Pretoria, chiesero con forza di abrogare la legge che obbligava i neri a portare degli speciali lasciapassare, per poter entrare nelle zone riservate ai bianchi.

Ma un giorno che proprio quest’anno ha assunto un significato particolare per la discesa in piazza di migliaia donne, che da tempo sono così decise a lottare contro la “cultura dello stupro” da lanciare una sorta di ultimatum proprio a Ramaphosa: “fai qualcosa, prima che sia troppo tardi per tutti”.

L’ultima goccia, o forse tristemente solo la più recente, è stata la vicenda di Khensani Maseko, una studentessa di 23 anni che dopo aver annunciato le sue intenzioni con un post su Facebook, si è tolta la vita nel giorno del suo compleanno, il 3 agosto scorso. Khensani viveva a Johannesburg, era una ragazza tranquilla che lo scorso maggio aveva subito uno stupro da parte di un compagno di corso della “Rhodes University”. Intenzionata a rivendicare tutti i propri diritti di vittima, aveva denunciato l’accaduto alla direzione del college rivolgendosi anche a “Nkosi-Fassie”, un’organizzazione che si occupa di aiutare gli studenti in difficoltà. “Khensani si è presentata nel mio ufficio per chiedere aiuto: i suoi genitori sono stati immediatamente contattati e quando sono arrivati volevano portarla a casa - ha dichiarato Kerry Perumal, presidente della Nkossi-Fassie - ma la ragazza ha ribadito con forza che sarebbe tornata al college, perché non era lei a doversi vergognare. Nulla nel suo atteggiamento battagliero e orgoglioso poteva far pensare a tendenze suicide”.

La direzione del college ha dichiarato che l’autore dello stupro – di cui non è mai stato rivelato il nome - era stato sospeso immediatamente e che l’intera struttura stava collaborando attivamente da diverso tempo con la polizia sudafricana e la procura nazionale. “La tragica fine di Khensani non fermerà l’indagine”, ha dichiarato Sizwe Mabizela, vicepreside della Rhodes University.

La violenza sulle donne in Sudafrica sta assumendo numeri preoccupanti: secondo le stime pubblicate lo scorso giugno dal servizio statistico nazionale sudafricano, 138 donne su 100.000 sono state stuprate fra il 2016 e l’anno successivo. Una cifra tra le più alte al mondo. A questo si va aggiunto che il tasso di femminicidi è cinque volte superiore ad ogni altro paese al mondo.

La morte di Khensani Maseko ha scatenato l'indignazione pubblica in Sudafrica, dove le donne spesso usano i social media per condividere immagini di donne che sono state uccise dai loro partner. “Agosto è il mese della donna, ma le donne in questo paese non sono felici: non abbiamo nulla da festeggiare. Fin quando le leggi non cambieranno e i colpevoli avranno davvero paura delle conseguenze, donne e bambini continueranno a morire”.

Star Khulu, una ragazza di 28 anni, ha ammesso ai microfoni della CNN che ogni volta che deve uscire di casa cerca di non essere attraente: “Se sulla mia strada incrocio più di due uomini per volta devio percorso: qualche tempo fa un uomo mi ha afferrata per un braccio all’interno di un supermercato per chiedermi il perché non rispondevo ai suoi sorrisi. Provo di tutto, tutti i giorni, perché non voglio essere violentata”.

Mondo
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza