Suor Patricia, l’incubo dei potenti

| Può una suorina di Brooklyn cambiare le scelte strategiche di potenti multinazionali? Certo. L’ha fatto con la ExxonMobil, la Ford e la General Motors. E ora è il turno della Apple

+ Miei preferiti

Ha l’aria tranquilla, ama da morire i cardigan e l’aria che si respira nella sua Brooklyn, la città alle porte di New York dov’è nata sessant’anni fa. Si chiama Patricia A. Daly, è una suora delle “Dominican Sisters of Caldwell” del New Jersey, ma più che altro lo strenuo difensore dei diritti dell’umanità, spesso calpestati dalle grandi multinazionali nel nome del dollaro.

Suor Patricia studia alla “Sacred Heart University”, dove fra matematica e storia si parla anche dei problemi del pianeta, allora concentrati sul Vietnam e la violenza che domina i ghetti delle metropoli americane. Terminati gli studi si unisce alle suore del New Jersey, e siccome ha stoffa e nessuna paura di alzare la voce e sbattere i pugni, un sacerdote la vuole ai vertici del “TriState Coalition for Responsible Investment”, organizzazione che gestisce 200 miliardi di dollari di investitori cattolici.

Da quel momento, le sue battaglie puntano ovunque ci sia un sopruso, e più chi ha di fronte è grande e grosso, più Patricia mostra i muscoli. Succede con la Ford e la General Motors, costretti da un lato ad elargire diritti migliori ai propri dipendenti e dall’altro a tenere sempre a mente i cambiamenti climatici. Un copione che si ripete anche con il colosso petrolifero “ExxonMobil”, costretto a scelte aziendali che tengano conto del riscaldamento globale. Basti pensare che alla richiesta di pensare all’ambiente firmata da suor Patricia, si è dovuto piegare perfino Rex Tillerson, segretario di Stato e amministratore delegato del colosso petrolifero.

Questo per essere chiari e per spiegare che, se l’impero Apple sta per varare degli strumenti che proteggano i bambini dagli smartphone, è tutto merito suo, ancora una volta.

Patricia oggi fa parte di “Jana Partners” e del “California State Teacher’s Retirement System”, due fondi che unendo le forze significano due milioni di dollari in azioni Apple. Senza ombra di dubbio, uno dei modi migliori per poter alzare la voce, sicuri che qualcuno all’ascolto ci sia sempre. È andata esattamente così qualche giorno fa, quando i due fondi (di cui per inciso fanno parte anche Sting e sua moglie Trudie Styler) hanno preso carta e penna, scrivendo una lettera inviata a Cupertino, quartier generale del marchio della mela. Nella letterina, una richiesta precisa riferita alla “device addiction”, il rischio di assuefazione e dipendenza dall’iPhone: studiate dei sistemi che tutelino i bambini.

A rispondere a nome dell’azienda, rimbalzando le accuse, è stato Tony Fadell, uno degli ingegneri che ha lavorato allo sviluppo di iPhone e iPod: “Apple ha sempre protetto i bambini, e lavoriamo per creare prodotti che ispirino, intrattengano ed educhino i più piccoli, oltre ad aiutare i genitori con strumenti di protezione online”. Come finirà? Molti dubbi non ce ne sono, perché suor Patricia ‘per contratto’ perdona, ma non dimentica.

Mondo
Il totale disastro politico di Trump
Il totale disastro politico di Trump
Dopo il summit con Putin di Helsinki, l’America compatta si scaglia contro l’endorsement verso la Russa e le infelici frasi pronunciate dal presidente davanti a tutto il mondo: “Sta svendendo la nostra democrazia per calcoli personali”
Il modello ucciso per gelosia
Il modello ucciso per gelosia
E' iniziato il processo per la morte di Harry Uzoka, indossatore per grandi firme della moda ucciso lo scorso gennaio da un amico-collega: era invidioso della sua carriera e della fidanzata
I ragazzi di Tham Wang piangono Saman il Navy Seal
I ragazzi di Tham Wang piangono Saman il Navy Seal
Sobria cerimonia, lontana dalla spettacolarizzazione degli ultimi giorni, per i "cinghialotti" salvati dagli incursori thailandesi. Lacrime e choc quando hanno saputo che Saman Kunan aveva perso la vita per loro
Un'altra spia venuta dal freddo
Un
Nelle stesso ore del summit di Helsinki, una spia russa finiva in manette: uno dei possibili tasselli del Russiagate
Lo strano caso della modella rapita
Lo strano caso della modella rapita
Il sequestro lampo di Chloe Ayling, modella inglese di vent’anni: per la stampa britannica una storia al limite del paradossale
Scorpioni alien invadono le città brasiliane
Scorpioni alien invadono le città brasiliane
Nel 2017, 184 morti soprattutto bambini. La specie del Tityus Serralatus sta colonizzando i quartieri residenziali, costituendo un concreto pericolo per le popolazioni. In 4 anni decessi raddoppiati
L’ex indossatrice diventata senzatetto
L’ex indossatrice diventata senzatetto
Nativa dell’Ohio, si trasferisce a New York e diventa una delle migliori amiche di Grace Kelly, di cui è damigella d’onore nel giorno del matrimonio. Affetta da depressione, finisce per vivere sulla strada
Sopravvive bevendo l’acqua del radiatore
Sopravvive bevendo l’acqua del radiatore
Una giovane dell’Oregon esce di strada sulla suggestiva Highway 1, in California: la ritrovano due escursionisti una settimana dopo
Polizia spara e uccide, rivolta a Chicago
Polizia spara e uccide, rivolta a Chicago
Ferito a morte un uomo che sembrava armato durante un normale controllo. Folla in strada lancia bottiglie contro la polizia, danneggiate auto e arredi. Quattro arresti
Farc, processo per 8 mila sequestri
Farc, processo per 8 mila sequestri
Solo 4 dei 31 imputati per la lunga stagione di violenze, sequestri e delitti dei guerriglieri delle Farc in Colombia presenti in aula. Si preannuncia un processo dai tempi lunghissimi