Tamagotchi is back!

| Il pulcino virtuale di cui prendersi cura, "must have" degli anni Novanta, sta per tornare, ma i compiti dei "badanti" umani non cambiano: comprarlo significa fare attenzione ad ogni sua esigenza, morale e materiale

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nel 1996, la Repubblica Ceca entra nell'Unione Europea, un disastroso incendio distrugge "La Fenice", il prestigioso teatro veneziano, si sciolgono i "Take That", la boy-band più celebre del momento, e Damon Hill è campione del mondo di F1. Eppure, la notizia dell'anno non è fra queste, perché il 1996 è quello della nascita del "Tamagotchi", il giochino elettronico da passeggio che richiede impegno e costanza, visto che bisogna occuparsi di un esserino che ha bisogno di tutto, pena morire di stenti. Proprio l'ultimo passaggio, in Italia darà il via a polemiche infinite, capitanate dal capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio, che chiede di sequestrare su tutto il territorio nazionale un gioco considerato altamente diseducativo.

Quasi inutile aggiungerlo, alla faccia dei benpensanti, il Tamagotchi diventa la mania del momento: impossibile non averne almeno uno in tasca, spacciando trucchi, consigli e piaceri con gli amici afflitti dallo stesso morbo. Nell'arco di poco più di un decennio, fra il 1996 ed il 2007 arrivano in commercio ben 37 versioni - senza contare l'infilata di videogiochi e pellicole - per un totale di 82 milioni di pezzi venduti in tutto il mondo.

E dire che tutto si deve ad Aki Maita, giovane e timida programmatrice giapponese che propone l'idea alla "Namco Bandai", una holding nipponica lesta a intuire profumo di valuta straniera. Tutto si basa sulla parabola esistenziale di un pulcino, almeno secondo la diceria italiana, anche se in realtà si tratta di una minuscolo "virtual pet" alieno di una specie non meglio definita, che nel nome mescola due termini, uno giapponese e l'altro inglese: "tamago", l'uovo, e "watch", l'orologio. Farlo sopravvivere richiede impegno e un minimo di allenamento con gli unici tre tasti a disposizione: bisogna dargli da mangiare, giocarci, spegnergli la luce per farlo dormire, curarlo se si ammala, pulirgli i bisogni, pesarlo, sgridarlo quando è ora e controllare se è felice o triste, perché sarà solo un insieme di impulsi elettronici, ma rischia l'esaurimento e perfino la depressione.

Ma dopo essere svanito nel nulla, Tamagotchi è pronto a tornare. Ad annunciarlo la "Bandai Namco", nuova ragione della medesima azienda di allora, che per celebrare i vent'anni del loro più grande successo commerciale, sta per immettere sul mercato una nuova generazione di pulcini virtuali. Al grido di "Tamagotchi is back", l'invasione è ripartita dagli scaffali dei negozi giapponesi, dove si vende a circa 15 euro, seguita a ruota da quelli americani, che dagli inizi di novembre possono tornare a curare il pulcino che pulcino non è.

Il Tamagotchi 2017 è più piccolo e disponibile in sei modelli diversi, ma con la stessa confezione di vent'anni fa e i medesimi tre tasti con cui gestire ogni cosa, dalle coccole a problemi di stitichezza.

Mondo
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza