Tav in Valsusa, via libera al tunnel di base Delrio e Borne: "Rispetteremo gli accordi"

| Allontanate le ombre dopo il vertice italo-francese di Roma sulla nuova linea ferroviaria Torino-Lione

+ Miei preferiti
In questo periodo di rapporti tesi per la storia dei cantieri navali nazionalizzati (a sorpresa) dal governo Macron e per la controversa questione dei profughi, Italia e Francia sembrano almeno trovare un accordo su una delle infrastrutture più importanti del Nord Ovest, la linea ferroviaria alta velocità Torino-Lione. Alla fine, dopo un lungo vertice a Roma, il ministro Graziano Delrio ha dichiarato: "Pur nel contesto di una revisione sulle grandi opere da parte del governo francese. per la Torino Lione i lavori proseguono e sono confermati gli impegni internazionali. Dunque, soddisfazione per l'andamento dei lavori e impegno dei due Paesi".

No Tav delusi, si aspettavano il blocco dei lavori

Precisazione non da poco. Il ministro Elisabeth Borne, in una breve intervista con il giornale ambientalista francese on line reporterre.net, aveva infatti annunciato che era in corso una revisione dei progetti il cui costo è superiore ai dieci miliardi, comprese le tratte di collegamento della Torino-Lione con il tunnel di base di cui è stato da tempo avviato la scavo. Questa notizia aveva creato un'onda di entusiasmo nel movimento NoTav che da 25 anni lotta contro l'Alta Velocità in Val Susa.Al centro del meeting italo-francese,  il Pacchetto mobilità in ambito UE  ed i progetti bilaterali come il collegamento ferroviario Torino-Lione e  l'Autostrada Ferroviaria Alpina.

"Rispettati i trattati internazionali"

"Un incontro fruttuoso - dichiara Delrio - in cui abbiamo registrato  convergenze sulle linee strategiche che come ministero stiamo perseguendo, quale la scelta di opere sobrie e utili, la revisione progettuale, favorire l'intermodalità e la interconnessione. Con la ministra, cui ho consegnato una copia delle nostre strategie "Connettere l'Italia", abbiamo concordato di far lavorare insieme i nostri esperti. Ho apprezzato che, la ministra Borne, pur nel contesto di una revisione sulle grandi opere  da parte del Governo francese, abbia affermato che per la Torino-Lione i lavori proseguono e sono confermati gli impegni internazionali. Dunque, soddisfazione per l'andamento dei lavori e impegno dei due Paesi".

Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue