Terrore a Barkan, uccisi due israeliani

| Le forze di sicurezza cercano un palestinese di 23 anni che ha sparato contro i lavoratori di una fabbrica in Cisgiordania. Ferita grave anche una donna. il governo: "Atto terroristico"

+ Miei preferiti

Le forze di sicurezza stanno ricercando un uomo armato che ha ucciso due israeliani e ne ha ferito gravemente un terzo all'interno di una zona industriale in Cisgiordania. L'attacco è avvenuto in una fabbrica di Barkan, nel nord della Cisgiordania, secondo il portavoce delle forze di difesa israeliane (IDF), il tenente colonnello Jonathan Conricus. Le vittime sono Kim Levengrond Yehezkel, 29 anni, e Ziv Hajbi, 35 anni, lavoravano entrambe nella fabbrica, ha detto Conricus. Una donna, 54 anni, è stata portata in ospedale con ferite da arma da fuoco, ha detto MDA. È in una condizione severa ma stabile. Il sospetto, un palestinese di 23 anni, proveniente dal villaggio di Shuweika in Cisgiordania, è entrato in fabbrica e ha aperto il fuoco con un "Charles", un'arma automatica rudimentale prodotta nelle officine clandestine di Hamas, ha detto Conricus. Il portavoce ha definito la sparatoria un attacco terroristico. Le autorità stanno anche indagando sulla possibilità che l'indagato possa aver cercato vendetta contro il suo datore di lavoro.

Il giovane che ha sparato aveva il permesso di entrare nel parco industriale e ha lavorato nella fabbrica, ma era stato assente dal lavoro per alcuni giorni, ha detto l'IDF, aggiungendo che non aveva precedenti penali. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha espresso le sue condoglianze in una riunione settimanale del Gabinetto la domenica mattina. "Questo è stato un gravissimo attacco terroristico in cui due israeliani sono stati brutalmente assassinati e un cittadino è stato ferito", ha detto Netanyahu. "A nome mio e di tutti i ministri del governo vorrei inviare le condoglianze alle famiglie delle due persone uccise e le nostre speranze e preghiere per una rapida guarigione della donna ferita".

 

 

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future