Thailandia, la strage sulle strade

| Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone

+ Miei preferiti
Guidare in Tailandia può essere un’esperienza divertente, ma durante i cosiddetti “sette giorni pericolosi” a cavallo del capodanno i rischi aumentano in modo spaventoso.

Le autorità confermano che il periodo delle feste è segnato da un aumento esponenziale di morti e feriti. Gli sforzi per reprimere le cause - guida in stato di ebbrezza, poliziotti corrotti e una generale debolezza nell’applicazione del codice della strada - si sono finora rivelati inefficaci. Tra il 27 dicembre e il 2 gennaio, 463 persone sono morte in 3.791 incidenti stradali, praticamente alla pari con i 423 morti dell’anno scorso, secondo il Dipartimento di prevenzione dei disastri.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che 22.941 persone muoiono ogni anno in Thailandia in incidenti automobilistici, rendendo quelle strade le più letali del Sud-Est asiatico. Si tratta di una media di 62 morti al giorno, secondo il rapporto dell’OMS del 2018 sulla sicurezza stradale globale - poco meno della media di 66 decessi al giorno nel periodo di Capodanno.

La stragrande maggioranza delle morti, il 73%, sono motociclisti, la forma di trasporto più popolare per la maggior parte delle famiglie del paese.

Uno dei maggiori ostacoli alla sicurezza stradale è la scarsa applicazione delle norme di circolazione. L’unità del Ministero dell'Interno per la sicurezza stradale ha dichiarato che la maggior parte dei decessi durante il periodo di Capodanno (41,5%) sono stati causati dalla guida in stato di ebbrezza e per il 28% da eccesso di velocità.

La provincia settentrionale di Chiang Mai, che ha registrato il secondo maggior numero di incidenti, con 16 morti, è un caso emblematico. È piuttosto comune vedere i motociclisti di Chiang Mai fermati dalla polizia perché non indossano il casco: si accordano con gli agenti, pagano e ripartono.

Nikorn Jumnong, ex vice ministro dei trasporti e presidente della “People’s Safety Foundation”, ha assicurato che se si vuole migliorare la sicurezza stradale, questo tipo di corruzione deve cessare. “È uno dei nostri problemi principali, ed è un problema a doppio senso, alimentato dalle forze dell’ordine corrotte e da cittadini che se ne infischiano della legge”.

A livello nazionale, poco più della metà dei motociclisti indossa un casco (e solo il 20% dei passeggeri), mentre il 58% degli automobilisti indossa le cinture di sicurezza, secondo il rapporto dell’OMS.

Oltre al mancato uso del casco e delle cinture di sicurezza, l’eccesso di velocità, la guida in stato di ebbrezza e la mancanza di sistemi di ritenuta per i bambini sono tra i maggiori rischi per la sicurezza stradale. “Dobbiamo cambiare il DNA del paese: l’educazione è la chiave. Abbiamo tante leggi e credo siano buone e più che sufficienti, ma è una questione di applicazione”.

La Thailandia sta comunque facendo progressi: Il numero di morti sulle strade è diminuito da 36,2 ogni 100.000 abitanti del 2015 a 32,7, secondo l’ultimo rapporto dell’OMS. Ma non si tratta dell’unico Paese che lotta per rendere le sue strade più sicure: il rischio di morte per incidente stradale è tre volte superiore nei paesi più poveri rispetto a quelli più ricchi.

Secondo i media locali, in Vietnam 111 persone sono morte in 147 incidenti tra il 29 dicembre e il 1° gennaio, secondo i media locali.

In tutto il mondo, gli incidenti stradali sono stati etichettati come “pandemia” e rappresentano l’ottava causa di morte per persone di tutte le età, prima dell’AIDS e della tubercolosi, come dimostrano i recenti dati dell’OMS, con 1,35 milioni di persone morte sulle strade nel 2016.

“La sicurezza stradale è un problema che non riceve l'attenzione che merita, ed è davvero una delle grandi opportunità per salvare vite umane in tutto il mondo”, ha dichiarato in una dichiarazione Michael R. Bloomberg, Fondatore e CEO di “Bloomberg Philanthropies” e Ambasciatore globale dell’OMS per le malattie non trasmissibili e le lesioni.

“Sappiamo bene quali interventi funzionano: politiche forti e applicazione delle norme, progettazione stradale intelligente e potenti campagne di sensibilizzazione possono salvare milioni di vite umane nei prossimi decenni”.

Il rapporto dell'OMS sottolinea che sono stati compiuti progressi in alcuni settori, ma non è abbastanza rapido da raggiungere l’obiettivo fissato dalle Nazioni Unite di dimezzare il numero di vittime della strada tra il 2016 e il 2020.

Galleria fotografica
Thailandia, la strage sulle strade - immagine 1
Thailandia, la strage sulle strade - immagine 2
Thailandia, la strage sulle strade - immagine 3
Thailandia, la strage sulle strade - immagine 4
Mondo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal