Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze

| Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale

+ Miei preferiti
Si aggiunge anche la voce di Donald Trump, all’intricato caso della scomparsa e l’uccisione di Jamal Khashoggi, giornalista e dissidente svanito nel nulla il 2 ottobre scorso. Un caso internazionale che sta mettendo a dura prova le diplomazie, fomentato da notizie come quella svelata dalla “CNN”, secondo cui Khashoggi sarebbe riuscito a registrare torture, sevizie e l’uccisione sul suo Apple-Watch.

A prendere posizione in queste ore è il presidente americano Trump, che ai microfoni della “CBS” ha pubblicamente promesso “Una punizione severa” se mai venisse accertato che dietro la sparizione del giornalista, residente in America, ci fosse l’Arabia Saudita.

Una versione dei fatti che Abdulaziz bin Saud bin Naif bin Abdulaziz, ministro dell’interno saudita, ha seccamente respinto, liquidando le notizie diffuse dai media di tutto il mondo come “menzogne e accuse prive di fondamento”. Il ministro ha ribadito l’interesse di Riad a collaborare attivamente alle indagini per fare completa chiarezza sulla scomparsa. Secondo la versione più accreditata, e confermata dal governo turco, che ha dichiarato di essere in possesso di file audio e video che la proverebbero, Jamal Khashoggi sarebbe stato ucciso e fatto a pezzi a da agenti dei servizi segreti all’interno del consolato saudita di Istanbul.

Più cauta la posizione di Christine Lagarde, direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (FMI), che ha dichiarato di essere “inorridita” dal caso Khashoggi, ma al momento ha confermato la propria partecipazione al forum economico previsto a Riad dal 23 al 25 ottobre prossimi. Stati Uniti e Gran Bretagna, in particolare, starebbero seriamente valutando l'ipotesi di boicottare la così detta "Davos del deserto", summit dei grandi della finanza patrocinato dal principe ereditario Mohamed bin Salman.

Mondo
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni