Trump: via i segreti su JFK

| Scadono il 26 ottobre i 25 anni di segretezza imposti da George Bush senjor sull'imponente documentazione messa insieme nel corso delle indagini sull'omicidio Kennedy

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Potrebbe essere l'unico provvedimento a garantirgli un posto nella storia degli Stati Uniti, o forse è soltanto il tentativo di riguadagnare fiducia e popolarità che ogni giorno si spingono verso i minimi storici. Sarà la storia a dirlo, fra qualche anno, quando anche Donald Trump sarà costretto a passare nelle file degli ex presidenti.

Ma il tweet diffuso in questi giorni, metodo caro al Tycoon, è di quelli che fanno rumore: "Pur essendo soggetto a dover attendere ulteriori informazioni, consentirò la divulgazione di documenti su JFK a lungo bloccati e classificati". Una mole immensa di carte e dossier custoditi negli archivi nazionali, composto da oltre 3.000 documenti segreti, frutto di anni di indagini sulla morte di John Kennedy, il presidente morto ammazzato nel novembre del 1963 a Dallas, un caso che ancora oggi resta una macchia scura e indecifrabile nella radiografia degli Stati Uniti d'America.

La scappatoia legale, immediatamente cavalcata da Trump, è il 26 ottobre, scadenza naturale del limite di segretezza fissato nel 1992 da una legge del Congresso americano controfirmata da George Bush padre, all'epoca necessaria per mettere un freno a illazioni complottistiche alimentate da pellicole come "JFK" di Oliver Stone, pellicola-denuncia dell'anno precedente che metteva in dubbio i risultati della Commissione Warren partendo dalle difficili indagini del procuratore distrettuale Jim Garrison. A Trump, in qualità di Presidente in carica, spetta la possibilità - concessa dalla Costituzione - di richiudere fino a data da destinarsi le porte della "Kennedy Assassination Records Collection Act", oppure di declassificare in modo parziale o totale la documentazione sull'omicidio del presidente.

Il dubbio a cui Trump accenna nel suo tweet - "l'essere soggetto a dover attendere ulteriori informazioni" - si riferisce alla parte più delicata dei file segreti, quelli messi insieme dalla CIA negli anni Novanta, anni troppo recenti per non provocare possibili imbarazzi ai vertici dell'agenzia.

Mondo
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni