Turismo1/Nizza, un anno dopo resta il sangue di 80 innocenti

| Ad un anno esatto dalla strage terroristica, la capitale della Costa Azzurra ha faticato a riprendersi. Oggi, la Promenade des Anglais è forse il lungomare più blindato del mondo, anche se non sembra

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
GERMANO LONGO
Reportage
Il sangue macchia, non va via. Un anno fa, la mattina del 15 luglio, l'asfalto della Promenade des Anglais, a Nizza, ne era pieno. Era appena passata la notte più devastante nella storia recente di Francia, quella impressa nella memoria di tutti e nei fotogrammi dei turisti che avevano appena ripreso i fuochi d'artificio del 14 luglio, finendo per testimoniare la folle corsa del tir lanciato sulla gente da Mohamed Lahouaiej Bouhel, 31 anni, il terrorista di origini tunisine freddato dalla polizia dopo aver travolto tutto quello che incontrava.


Avevano cercato per tutta la notte di cancellarlo - quel sangue - di pulire, ma ormai era sceso in profondità, aveva intriso l'asfalto. È stato così per giorni, quegli stessi giorni in cui la capitale della Costa Azzurra contava uno dopo l'altro i propri morti, 86, scoprendo la triste consapevolezza di un'equazione ancora tutta da smontare: Nizza sta alla Francia come Molembech sta al Belgio.

Da allora è passato un anno esatto, e per traghettare nei ricordi più indelebili quella notte, a Nizza è arrivato anche Macron, il presidente ragazzino, che dall'enorme palco su Place Massena ha sentenziato quello che tutti i politici ripetono: "Non ci faremo intimidire". Ma un conto sono le parole, un altro svegliarsi una mattina e scoprire di dover dividere la Promenade des Anglais con pattuglie di soldati in mimetica, armati fino ai denti. Un po' intimiditi ci si sente, perché da questa parte del mondo certe cose non sono normali. O meglio, non lo erano.

Nizza in quest'anno è cambiata, il prezzo pagato la notte del 14 luglio 2016 si sente ancora nell'aria, e provare dimenticare non è facile: se bastasse un anno per ogni vittima servirebbe quasi un secolo.

Da mesi è sparito il mausoleo spontaneo di place Albert Premiere, un mare di messaggi, peluche, bandiere, sassi e pensieri diventato la penosa meta di chi lo scorso anno passava da Nizza. E anche la "Prom", la spettacolare passeggiata dove un tempo sfrecciavano le decapottabili dei divi di Hollywood, ha cambiato faccia, ma in modo discreto, perché questa città vive di turismo e ai turisti non piace sentirsi in zona di guerra: stonano fino a urlare, le infradito e gli anfibi militari.

Ma qualcosa bisognava fare, era necessario, perché le falle nell'apparato di sicurezza di quella notte e la facilità con cui il tir ha zigzagato fra la gente dovevano servire da lezione. Provare a ripetere qualcosa di simile, oggi, sarebbe impossibile: un lungo cavo di acciaio intrecciato corre lungo la Prom, e ogni due metri un palo entra nel terreno per diversi metri. Tutto è dipinto di bianco, non dà nell'occhio e sta perfino bene, a pochi passi all'azzurro del mare. Ma l'imperativo era fare in modo che a nessuno venisse più in mente di imitare la folle corsa di Mohamed Lahouaiej Bouhel.

Oggi, dopo Macron, dopo le bandiere, le parate e le parole, Nizza è di nuovo sola, come ogni anno piena di turisti che scendono in spiaggia a pochi metri da dove dei fiori ricordano che lì è morto qualcuno. Nell'aria ci sono polemiche, per le foto raccapriccianti pubblicate da "Paris Match" e per le parole dei familiari delle vittime, un po' abbandondati al loro destino da una città costretta a dimenticare nel nome del solito spettacolo che deve continuare.

Certezze, da queste parti, nessuna, a parte forse una, l'unica: Mohamed Lahouaiej Bouhel, un anno fa, è riuscito a sverniciare per sempre il 14 luglio, la festa più amata dai francesi. Quel giorno, a Nizza, non sarà mai più una festa.

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…