Turismo2/"Basta morti, in Egitto mai più"

| Crollano le prenotazioni e record di disdette. La rabbia e il dolore dei turisti italiani dopo l'accoltellamento di due turiste tedesche a Hurghada, paradiso del Mar Rosso

+ Miei preferiti
"E' un albergo bellissimo - rievoca amareggiato un trentenne torinese, appassionato di immersioni subacquee, mentre scorrono in tv le immagini dell'ultimo attentato sulle rotte delle vacanze - ci sono stato e Hurghada è bellissima. Ma adesso basta. E' troppo pericoloso...". C'è un'aria di rassegnazione e di tristezza, contro un destino ineluttabile che in molti avevano provato a dimenticare tra i tour operator italiani che hanno investito nelle strutture, spesso di priom'ordine, del Mar Rosso. L'uomo che ha raggiunto a nuoto l'albergo con due complici armati di coltelli e di carabine ad aria compressa,e che urlando ha fatto allontanre  gli egiziani " voi non c'entrate" accanendosi poi contro i soli turisti uoccidentali, ha provocato un danno forse mortale anche alle residue possibilità di sviluppo di queste aree dove sino a pochi anni fa il flusso di viaggiatori occidentali era altissimo. Uno degli attentori è stato arrestato, gli altri uccisi, forse confesserà agli agenti delle squadre speciali del ministero degli Interni egiziano, che usano metodi extralegem, o meglio li sanno usare assai bene, la rete dei complici e quant'altro potrebbe scatenare un'ondata repressiva nelle file radicali. Ma oggi piangiamo queste ragazze europee che erano a Hurghada per divertirsi, portando i loro soldi all'economia locale. Il governo Merke ha epsresso la "sua infignazione2 per l'attentato attende una piena ricostruzione da parte delle polizia locale. 
Due uomini armati di coltelli
Almeno due uomini armati - tre secondo alcune fonti - avevano assaltato l'hotel Bella Vista a Hurghada. Il ministero dell'Interno ha reso noto che sei turisti, due tedeschi, una coppia austriaca e un trentenne svedese, erano stati feriti con armi da taglio e infine ricoverati in ospedale. Uno degli assalitori Mohamed Hassan Mahfouz, 21 anni, è stato ucciso, l'altro ferito e arrestato. Erano armati di fucili ad aria compressa e coltelli. Triste il tentativo di nascondere la realtà da parte del governo egiziano, riferisce sempre il ministero dell'Interno, nessuna rivendicazione è giunta. Per il ministro del Turismo Hisham Zazou non si è trattato di un attacco terroristico, ma di un tentativo di rapina finito male. Si attende la rivendicazione dai siti web Isis. Il governo tedesco ha confermato questa mattina la nazionalità tedesca delle due donne. "Abbiamo la triste certezza che due turiste tedesche hanno perso la vita" nell'attentato, ha reso noto in un comunicato una portavoce del ministero degli Esteri di Berlino. Nell'attacco al resort Sunny Days Palacio,sono rimaste ferite anche altre quattro turiste di nazionalità ceca ed armena.
"Ho avuto l'ordine di uccidere da Isis"
L'attentatore, il 27enne Abdel-Rahman Shaaban, è uno studente originario della provincia di Kafr-al-Sheikh. A riferirlo, il giornale al-Masry al-Youm citando una fonte della sicurezza, secondo cui il giovane "non ha precedenti penali o dossier politici a suo carico e nel suo villaggio gode di buona reputazione". Le autorità continuano a indagare sulle motivazioni del gesto, ma stando a quanto riferisce una fonte di sicurezza, citata dall'agenzia di stampa Dpa, l'uomo avrebbe legami con il sedicente Stato islamico (Is). L'attentatore "comunicava con l'organizzazione Isis via internet e aveva ricevuto l'incarico di attaccare turisti stranieri sulle spiagge di Hurghada", ha dichiarato la fonte, vicina ad ambienti investigativi, senza aggiungere altri dettagli. Finora l'attacco non è stato rivendicato dall'Is. 

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…