Tutti in coda per il curriculum

| È successo a Madrid, dove per rispondere all’annuncio di un albergo bisogna portare il curriculum di persona. Proteste e insulti da tutta la Spagna

+ Miei preferiti
Chiamasi economisti di Bruxelles quella categoria di professionisti che fra numeri e proiezioni, stabiliscono se un paese è in ripresa oppure no. La Spagna, a sentir loro, è uno dei paesi della zona Euro ad aver reagito meglio alla crisi: una crescita del 3% annuo dell’economia e 500 mila nuovi posti di lavoro in un anno ne sarebbero la dimostrazione.

Sicuramente non erano così d’accordo le 10.000 persone che l’altra mattina si sono messe in paziente attesa per consegnare il proprio curriculum ad un prestigioso hotel della centralissima Plaza de Espana, a Madrid. Diecimila anime in cerca di lavoro che appena letta la campagna di “casting” della struttura, in cui annunciava la ricerca di 100 persone da inserire nel proprio personale, hanno messo sotto il braccio il foglio delle proprie esperienze sperando di essere fra i pochi ad averlo letto. Un’illusione durata poco: in brevissimo tempo, si è formato un cordone di persone lungo oltre un km e mezzo.

L’intera Spagna, grazie al passaparola dei social, si è mobilitata, coprendo di insulti l’albergo, accusato di abusare senza ritegno del bisogno della gente di trovare lavoro. I sospetti si concentrano sull’annuncio, in cui si specificava che non sarebbero stati presi in considerazione curriculum inviato via email, ma soltanto quelli consegnati di persona.

Malgrado pochi abbiano scelto di abbandonare la coda chilometrica, il malumore e la protesta serpeggiavano: “Ci sfruttano per farsi pubblicità”.

Mondo
Uno sconosciuto in casa
Uno sconosciuto in casa
Piccolo dramma senza vittime: in Giappone, un giovane vive per cinque mesi nella mansarda dell’appartamento di un’anziana signora che non sospettava nulla
"Ucciso dal Cartello, ha violato le regole"
"Ucciso dal Cartello, ha violato le regole"
Salvatore Ponzo, l'importatore genovese, 36 anni, ucciso in Costarica, non voleva sottostare ai diktat imposti dai coltivatori locali. Comprava i suoi prodotti da aziende fuori dal cartello
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all'aborto
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all
Il 70 per cento favorevole all'abograzine dell'articola che prevedeva l'aborto solo in caso di pericolo di vita per la madre. Paese lacerato. No prevalente nelle zone rurali, Si nelle aree urbane
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Condannata a pagare 25 milioni di dollari a una donna che si ammalò di mesatelioma. Nel talco sotto accusa tracce di asbesto che può causare tumori
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
La funzione vocale Alexa ha registrato - senza autorizzazione - una conversazione tra una coppia Usa e l'ha inviata a una persona inserita nei contatti. "Ehi guarda che ti stanno spiando", l'allarme. Amazon si scusa
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
21 anni, francese, trova lavoro come ragazza alla pari in Inghilterra, ma finisce in un incubo da cui non uscirà più. La prima fase del processo si è chiusa in queste ore: omicidio con l’aggravante della crudeltà
Costarica, torturato e ucciso
Costarica, torturato e ucciso
Il manager trovato morto in una scarpata era stato contattato da una ragazza su Badoo, il sito web per incontri, e poi attirato in un appartamento. Seviziato e poi ucciso, forse a scopo di rapina
"Sono guarita ma recupero difficile"
"Sono guarita ma recupero difficile"
Yulia Skripal, figlia dell'ex spia russa Serghei, dimessa dall'ospedale assieme al padre. Ancora ignoti gli autori dell'avvelenamento con il gas nervino del 4 marzo. "Mio padre sta ancora ancora male"
"Protesta pacifica e rispettosa, multe ingiuste"
"Protesta pacifica e rispettosa, multe ingiuste"
I portavoce di giocatori di football americano che si inginocchiano per protesta durante l'inno Usa, protestano contro le multe alle società: "Espressione democratica del dissenso"
Trump, bello twittare senza controlli
Trump, bello twittare senza controlli
Il presidente Usa usa un telefono solo per i tweet ma privo di qualsiasi protezione anti-hacker. I timori della Security, potrebbe essere attaccato. Ma lui insiste, controlli "scomodi"