Uccisa Daphne Galizia, svelò i "Malta files"

| Aveva svelato la rete di interessi che portava sull'isola del Mediterraneo i conti off shore dei potenti di tutta l'Europa

+ Miei preferiti

Meno di due settimane fa aveva sporto denuncia per le minacce ricevute: ma non è bastato a salvarle la vita. Oggi, intorno alle 15, Daphne Caruana Galizia, 53 anni, giornalista e blogger, è saltata in aria a sulla sua Peugeot 108 mentre si trovava a due passi da casa, a Bidnija, piccolo borgo rurale nella parte nord di Malta.

Secondo quanto si apprende dalla polizia, l'ordigno non sarebbe stato piazzato all'interno dell'auto, ma probabilmente comandato a distanza.

È la fine atroce e ingiusta della potente penna di "DCG", così firmava i suoi pezzi quella che tutti consideravano una cronista d'assalto scomoda, feroce e tagliente che per prima era riuscita a tirare i fili di un'inchiesta scottante come i "Malta Files", quei documenti che inizialmente riguardavano personalità maltesi coinvolte nei "Panama Papers", ma che aveva finito per svelare i nomi del mezzo milione fra industriali, manager, artisti, politici e finanzieri di mezzo mondo, italiani compresi, che hanno scelto di creare o trasferire sull'isola le sedi delle loro attività. Ad attirarli un'aliquota sui profitti ufficialmente fissata al 35% ma pronta a scendere fino al 5, a cui aggiungere interessi e royalties totalmente detassati, così come gli innumerevoli yacht che sempre di più attraversano il Mediterraneo battendo bandiera maltese.

Tanti gli interessi in ballo e di enorme peso anche politico il fitto elenco di nomi che avevano aperto gli occhi al vecchio continente, spostando il baricentro delle fughe di capitali da Lussemburgo, la Svizzera e le più sperdute isole caraibiche al cuore del Mediterraneo, l'arcipelago di Malta, 316 km quadrati trasformati "Nel lembo di terra che fa da base pirata all'evasione fiscale dell'Unione Europea".

Inserita nel ristretto elenco delle 28 personalità che stanno agitando l'Europa e da qualcuno ribattezzata "Miss Wikileaks", DCG aveva iniziato la carriera nel 1987 come opinionista del "Sunday Times of Malta", diventando poi capo redattore del "The Malta Indipendent". Ma è con il suo blog, "Running Commentary", che DCG era riuscita a diventare popolare per la capacità di svelare malefatte e intrallazzi. Da allora, non aveva mai smesso di indagare: le sue attenzioni, di recente, si erano spostate verso alcuni episodi di corruzione con implicazioni nei "Panama Papers" che coinvolgerebbero anche Michelle, la moglie di Joseph Muscat, primo ministro e leader del Partito Laburista, in carica dal marzo del 2013.

Il suo ultimo post alle 14:35 di oggi, a meno di mezzora dall'appuntamento con il destino: un resoconto sulla deposizione di Simon Busutiil, leader dell'opposizione e testimone nel processo ai danni di Keith Schembri, capo di gabinetto di Muscat, uno dei primi politici maltesi travolti dagli intrallazzi dei Panama Papers.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future