Un uomo incaprettato nel bagagliaio la prova capienza di un sito francese

| Pensando forse di essere spiritoso, un giornalista della rivista "Automoto Magazine" ha girato un video che suona come un insulto alla Sicilia

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

La capienza dei bagagliai delle auto si misura in litri: convenzione adottata dal Sistema Internazionale che si spiega per la capacità dei liquidi di adattarsi e riempire ogni spazio a disposizione. Da qui in poi, è chiaro che ognuno può scegliere di testare la capienza come crede: c'è chi lo fa con le borse della spesa, chi impilando valigie e chi, come un giornalista della rivista francese "Automoto Magazine" in vena di spiritosaggini, ha pensato di ideare un metodo che rischia di trasformarsi in un delicato incidente diplomatico fra Italia e Francia.

La troupe francese ha scelto di ambientare in Sicilia, a Corleone, la prova su strada della Skoda Karoq, nuovo suv compatto del marchio boemo controllato da Volkswagen. Una prova accompagnata da un video, che già dalla primissime battute lascia perplessi: la Karoq entra in scena preceduta dalle note de "Il Padrino", la celeberrima aria composta da Nino Rota per la pellicola di culto, diretta da Francis Ford Coppola nel 1972: da allora, squisitezze musicali a parte, la soluzione più semplice per richiamare alla memoria l'immagine poco edificante di "Cosa Nostra".

Ma non finisce qui: dopo aver mostrato rapidamente la modularità dei sedili posteriori della Karoq, il giornalista si sposta sulla parte posteriore e utilizzando il telecomando dell'auto, apre il portellone a comando elettrico, alzando il velo sul contenuto del bagagliaio: un uomo incaprettato.

Una scenetta che si conclude con una battuta, infelice almeno quanto l'idea stessa del video: "Da queste parti si usa così".

Il vespaio, a quel punto, si è alzato compatto e con i pungiglioni in canna: migliaia i siciliani che hanno tempestato di proteste il sito della rivista transalpina, a cui si è aggiunto il commento di Giuseppe Lumia, senatore e componente della Commissione Antimafia, che sul caso ha promesso un'interrogazione parlamentare.

Una tempesta perfetta che ha costretto il sito a rimuovere il video, anche se troppo tardi. 

Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue