Un uomo incaprettato nel bagagliaio la prova capienza di un sito francese

| Pensando forse di essere spiritoso, un giornalista della rivista "Automoto Magazine" ha girato un video che suona come un insulto alla Sicilia

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

La capienza dei bagagliai delle auto si misura in litri: convenzione adottata dal Sistema Internazionale che si spiega per la capacità dei liquidi di adattarsi e riempire ogni spazio a disposizione. Da qui in poi, è chiaro che ognuno può scegliere di testare la capienza come crede: c'è chi lo fa con le borse della spesa, chi impilando valigie e chi, come un giornalista della rivista francese "Automoto Magazine" in vena di spiritosaggini, ha pensato di ideare un metodo che rischia di trasformarsi in un delicato incidente diplomatico fra Italia e Francia.

La troupe francese ha scelto di ambientare in Sicilia, a Corleone, la prova su strada della Skoda Karoq, nuovo suv compatto del marchio boemo controllato da Volkswagen. Una prova accompagnata da un video, che già dalla primissime battute lascia perplessi: la Karoq entra in scena preceduta dalle note de "Il Padrino", la celeberrima aria composta da Nino Rota per la pellicola di culto, diretta da Francis Ford Coppola nel 1972: da allora, squisitezze musicali a parte, la soluzione più semplice per richiamare alla memoria l'immagine poco edificante di "Cosa Nostra".

Ma non finisce qui: dopo aver mostrato rapidamente la modularità dei sedili posteriori della Karoq, il giornalista si sposta sulla parte posteriore e utilizzando il telecomando dell'auto, apre il portellone a comando elettrico, alzando il velo sul contenuto del bagagliaio: un uomo incaprettato.

Una scenetta che si conclude con una battuta, infelice almeno quanto l'idea stessa del video: "Da queste parti si usa così".

Il vespaio, a quel punto, si è alzato compatto e con i pungiglioni in canna: migliaia i siciliani che hanno tempestato di proteste il sito della rivista transalpina, a cui si è aggiunto il commento di Giuseppe Lumia, senatore e componente della Commissione Antimafia, che sul caso ha promesso un'interrogazione parlamentare.

Una tempesta perfetta che ha costretto il sito a rimuovere il video, anche se troppo tardi. 

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera