USA, ARMI VENDITE BOOM 316 MILA MORTI IN 9 ANNI

| Mitra e pistole nei supermarket, ogni anno 30 mila morti. Tra le vittime decine di bambini ma gli americani non rinunciano agli arsenali privati

+ Miei preferiti
ATLANTA
Reportage
di Germano Longo
Circa 357 milioni di armi su 320 milioni di abitanti. Sono i dati diffusi dal "Congressional Research Service", utilizzati dall'ex presidente Obama nel suo "Executive Action", il decreto che conteneva misure restrittive sul possesso di armi da fuoco. Una battaglia persa ancora prima di iniziare, minata come sempre dalla potentissima lobby del "National Rifle Association", pronta a rimandare al mittente ogni tentativo di limitare i grilletti in circolazione appellandosi al secondo emendamento, che nero su bianco ammette il possesso di armi per garantire la sicurezza in uno stato libero. E a nulla serve ricordare che quand'è stato scritto, nel dicembre del 1791, le cose erano leggermente diverse, e difendere casa e famiglia era una necessità. Ma per 40 stati su 50, nulla è cambiato: grazie a loro, gli Stati Uniti restano saldamente al comando nella classifica sull'uso delle armi, seguiti dallo Yemen. Non male, se si pensa che nel paese arabo è in atto da anni una sanguinosa guerra civile.

 

Inutile, o superfluo, ricordare anche le stragi improvvisa che ogni tanto spuntano nelle cronache, che nulla sono rispetto agli incidenti causati da armi da fuoco: 316 mila morti fra il 2004 ed il 2013, contro 36 vittime accertate per terrorismo sul suolo americano. Più o meno 30.000 persone ogni anno, 30 al giorno: grosso modo come il Congo. Per andare ancora di più nello specifico, nel solo 2015, 756 minori ci hanno lasciato la pelle: di questi, 19 erano bambini che si sono uccisi in modo involontario. Su tutti, resta emblematico il caso di Jamie Gilt, fervida attivista in favore del possesso di armi, che nel marzo del 2016 ha provato di persona gli effetti delle sue battaglie: suo figlio, un bimbetto di quattro anni appena, non solo ha trovato facilmente in casa una pistola, ma ha premuto il grilletto contro sua madre prima che questa riuscisse a levargliela.

Effetti collaterali inevitabili che fanno parte di una vera e propria cultura delle armi fortemente radicata, accompagnata dalla salda convinzione che Dio protegge, ma una Colt fa ancora di meglio. Nel 2012, alla domanda sul motivo principale per l'acquisto di un'arma, il 67% degli intervistati rispondeva per la criminalità crescente, i restanti si dividevano fra poligoni di tiro e battute di caccia. Nel 2013, il sito Atlantic Online si è spinto oltre, paragonando il numero di morti di ogni grande metropoli americana a posti ritenuti pericolosi: Atlanta non ha nulla da invidiare all'intero Sud Africa, Detroit è come El Salvador, Phoenix è uguale al Messico, Baltimora al Guatemala, Miami all'intera Colombia.

Va detto: anche i supermercati per famiglie, dove il 3x2 non manca e la fiera del bianco neanche, hanno il loro bravo angolino dedicato alle armi. Si trova di tutto, dai fucili alle pistole, dai coltelloni alla Rambo alle balestre, comprese frecce, cartucce, mirini e kit per la pulizia. E per chi non sa esattamente come muoversi niente paura: decine e decine di pubblicazioni sono pronte a spiegare ogni cosa nel dettaglio. Le nuove armi sono testate e consigliate, esattamente come si fa per un'auto. Per fare un esempio, sulla copertina dell'ultimo numero di "Personal & Home Defense", una coppia imbraccia i fucili mentre un bimbo, in mezzo a loro, si tappa le orecchie. Il titolo è quanto mai chiaro: "Don't be a victim. Get trained and armed". Al cambio attuale "Non essere la prossima vittima, allenati e armati".


Mondo
La straordinaria avventura del giovane Aldi
La straordinaria avventura del giovane Aldi
Lavora su una chiatta fissata a 125 km dalla costa indonesiana, ma una tempesta spezza l’ancoraggio e il ragazzo vaga nell’oceano per quasi 50 giorni
Nicaragua, il sanguinoso tramonto di Ortega
Nicaragua, il sanguinoso tramonto di Ortega
Ancora scontri a Managua, morto un 16enne e feriti gravi a causa di colpi d'arma da fuoco. In strada squadre di paramilitari. Da gennaio decine di morti. Il regime sandinista in preda alla crisi economica
Riad, nessuna pressione sul petrolio
Riad, nessuna pressione sul petrolio
L'Arabia Saudita risponde a un tweet di Trump che suggeriva un abbassamento dei prezzi del greggio.
Gli attentatori confessano tutto
anche troppo
Gli attentatori confessano tutto<br>anche troppo
Tre arrestati a Caracas, tra cui il capo del commando e due latitanti. Già 24 persone in carcere per l'attentato con i droni. Il governo accusa Messico, Chile e Colombia di averlo organizzato. Ma i dubbi restano
Orrore nella casa delle bambole
Orrore nella casa delle bambole
Infermiera accoltella tre bimbi e quattro adulti in una clinica clandestina di New York. Sono gravi. Scoperta la rete dell'immigrazione clandestina, donne asiatiche partoriscono per avere la cittadinanza Usa. La mano del racket
L'angosciante delitto del catamarano
L
Isabella Hellman, 41 anni, nel 2017 scomparve nel naufragio di uno yacht al largo di Cuba. Il marito si salvò ma adesso è accusato di omicidio. Movente, il patrimonio di lei. L'FBI ha trovato le sue ultime lettere
Tragedia Venezuela
agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Tragedia Venezuela<br>agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Ospedali al collasso, epidemie fuori controllo, malati abbandonati, mancano farmaci e non si opera più. La gente cerca cibo tra i rifiuti, emigrazione fuori controllo, scioperi continui. L'indifferenza di Maduro
Libia, verso l'offensiva finale
Libia, verso l
Nelle ultime ore 15 morti nello scontro tra fazioni rivali, già 112 morti in meno di un mese. L'esercito di Haftar si sta rafforzano in vista dello scontro finale per il controllo della Libia
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
Il governo iraniano accusa Gran Bretagna e Arabia Saudita per l'attentato armato a una parata militare, in cui sono state uccise 24 persone e ferite 20. tra le vittime, 10 pasdaran e alcuni bambini
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Non è la solita carica onorifica che vale più che altro in immagine, ma un incarico pieno, con il potere di siglare trattati internazionali