L’orco che viene dal freddo

| Viktor Lishavsky è accusato di 900 fra stupri e violenze, tutti ai danni di bambini che - come un uomo amorevole - adottava di continuo da cinque anni, per alimentare il proprio harem personale

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sembrava difficile - meglio, impossibile - superare lo schifo di Richard Huckle, inglese del Kent considerato fra i peggiori pedofili della storia. Non è così, malgrado i 22 ergastoli collezionati per 71 capi d’accusa: al peggio bisogna fare spazio.

Il peggio, questa volta, arriva dal freddo della Russia, Amursk per la precisione, regione di Chabarovsk, Siberia del sud, 40mila abitanti e uno, in particolare, che è difficile considerare fra gli esseri umani. Si chiama Viktor Lishavsky, ha 37 anni, e dallo scorso giugno è rinchiuso nel carcere di Komsomol'sk-na-Amure, con un fardello pesantissimo formato da 919 capi d’accusa che gli varranno più di una condanna definitiva.

In città lo conoscevano tutti, perché era un uomo con il cuore grande così: si offriva di adottare i bambini rinchiusi nella tristezza degli orfanatrofi, per dare loro una casa e una famiglia. Tutto questo, almeno, fin quando non è emersa la più agghiacciante e abominevole delle verità: Viktor è forse il peggior pedofilo nella storia dell’umanità.

Di giorno lavorava come calzolaio, e prima di tornare a casa, passava ogni sera a pregare nella chiesa evangelica. Poi, la sera, insieme alla moglie Olga si occupava delle creature che gli affidavano, protette in un’abitazione di grandi dimensioni che era riuscito ad affittare grazie ai 310 euro che lo Stato gli passava per ognuno dei bimbi adottati. Nessuno sospettava nulla, nessuno poteva immaginare, almeno fino al giorno in cui una delle sue vittime, una ragazzina uscita da quell’inferno poco tempo prima, si è confidata con la maestra, togliendo il velo ad un vero inferno.

Come succede spesso in questi casi, l’indagine - partita immediatamente - ha permesso alla polizia di scoprire una realtà impressionante: 248 stupri e 358 abusi sessuali violenti consumati ai danni di ragazzine con meno di 13 anni di età, schiave del sesso di quello che considerava il suo “harem” personale. A questi, nel giro di poco, si sono aggiunte altre 22 accuse per atti violenti, di cui 11 con minacce di morte e molti altri con l’aggravante della tortura.

Ma a cadere nella rete di Viktor il mostro non erano solo i bambini che insieme alla moglie riusciva ad adottare: alle cifre bisogna aggiungere altri 122 crimini sessuali e 151 stupri avuti sfruttando lo stato indifeso delle vittime, ancora e sempre su ragazzine fra i 14 ed i 17 anni. Per un totale, imbarazzante perfino da immaginare, di 900 violenze sessuali.

Una notizia che oltre allo shock di un paese intero ha scatenato pesanti polemiche contro i servizi sociali della città, accusati di completa inefficienza e inettitudine, per non essersi mai accordi di nulla, continuando per cinque lunghi anni a consegnare bambini indifesi direttamente nelle mani del peggior orco della storia. I funzionari regionali del ministero dell’educazione hanno abbozzato una timida difesa, assicurando che dalle numerose visite fatte in quella che nessuno sospettava fosse la casa degli orrori, non è mai trapelato nulla di strano: “Viktor Lishavsky sembrava un padre modello”. Sembrava.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera