California dreamin'

| Una carrellata di alcune fra le più scenografiche novità presentate sulla sacra erba di Pebble Beach, il regno californiano dove l’esclusivo è normale

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Da quelle parti, diventa chiaro il concetto che la California è un paradiso a disposizione di chiunque possa permetterselo. Fra ville, villaggi esclusivi, campi da golf, elicotteri e scorci romantici si dipana la “17 Mile Drive”, scenografica strada costiera protetta e controllata che corre da Pacific Grove a Pebble Beach, dove non c’è un filo d’erba fuori posto o una foca spettinata. Tecnicamente, Pebble Beach è una sorta di enclave in cui i residenti, tutti proprietari dei terreni su cui vivono, pagano di tasca propria il mantenimento delle strade.

È questo lo scenario in cui ogni anno, dal 1950, va in scena il “Concours d’Elegance”, uno dei più prestigiosi ed esclusivi appuntamenti motoristici del mondo, che mescola abilmente auto d’epoca a novità di rango. Chi conta, e ha un garage simile ad un museo, sogna di portarsi a casa il “Best of Show”, una sorta di Oscar dell’auto d’epoca.

Audi PB18 e-tron

È un prototipo che anticipa stile e tecnologia su cui si lavora a Ingolstadt: una supercar elettrica da 4,53 metri con batterie allo stato solido e tre motori, uno anteriore e due posteriori, trazione quattro e posizione di guida a scelta fra centrale o laterale. Assicura 500 km di autonomia e sviluppa 775 CV, coprendo 0-100 in 2 secondi netti. Se ancora non bastasse ci sono i dettagli, come i cristalli laterali a inclinazione differenziata, il set di bagagli esclusivo, per sfruttare al meglio i 470 litri del vano posteriore, e i cerchi da 22”.

BMW Z4

L’avevano promesso: lo stile sarà diverso. E per far colpo sul pubblico raffinato di Pebble Beach, BMW ha scelto di portare la “Z4 M40i”, la versione top di gamma, messa in riga dal 6 cilindri in linea da tre litri. Unico punto fisso, la trazione posteriore, ma in un tripudio di tecnologia amica come gli ammortizzatori a controllo elettronico, freni M Sport e differenziale elettronico. Sarà sul mercato la prossima primavera.

Ferrari 488 Pista Spider

Dici Ferrari e subito dopo Maranello, la patria, ti viene in mente la California, dove il Rosso si abbina perfettamente al verde dell’erbetta e al blu dell’oceano. Scenario ideale per presentare la nuova Serie Speciale, cinquantesimo modello di vettura ‘open air’ prodotta dal Cavallino Rampante. Grazie alla presenza del V8 biturbo da 3.902 cc con 720 CV eletto “Engine of the Year”, la 488 Pista Spider è la più performante di sempre. Parente stretta della 488 Pista, porta su strada il know-how della 488 Challenge e della 488 GTE.

Lamborghini Aventador SVJ 63

Sintesi di design, tecnologia, aerodinamica, prestazioni e piacere, per la guida e per gli occhi: sono i punti salienti della nuova generazione dell’iconica Aventador in edizione speciale, realizzata in soli 63 esemplari. A muoverla ci pensa il V12 da 770 CV e 720 Nm, traducibili in 350 km/h di velocità massima e 2,8 secondi per i soliti 0-100. In vendita a 349.116 euro: tirando un po’ i 116 li scontano.

McLaren 600LT Stealth Grey

La MSO, divisione speciale del marchio inglese, ha lavorato di fino per estremizzare il carattere sportivo di una supercar che fa girare la testa. Fibra di carbonio come se piovesse e dettagli come la presa d’aria F1 sul tetto, i sedili ultraleggeri, lo scarico alto, i cerchi a 10 razze e la verniciatura Stealth Grey sono la dotazione minima, ma le personalizzazioni non hanno praticamente limiti. Sotto al cofano il V8 da 3,8 litri twin turbo da 600 CV, quanto basta per toccare i 328 km/h e coprire 0-100 in 2,8 secondi.

Galleria fotografica
California dreamin - immagine 1
California dreamin - immagine 2
California dreamin - immagine 3
California dreamin - immagine 4
California dreamin - immagine 5
California dreamin - immagine 6
California dreamin - immagine 7
California dreamin - immagine 8
California dreamin - immagine 9
Motor Shows
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Da Bologna, sede storica, a Modena, dove il distretto automotive italiano ha la sua culla più prestigiosa. Cambio anche della data: da dicembre a maggio
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Addio al Motor Show di Bologna
Addio al Motor Show di Bologna
Per la terza volta nella sua storia, la celebre kermesse di donne, motori e sport ospitata a Bologna Fiere chiude i battenti. Ma questa volta sembra una fine definitiva
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa
E' ancora e sempre Motor Show
E
In quella che sarà ricordata come l'edizione della crisi, si salvano i capisaldi della più colorata, celebre (e unica) kermesse automobilistica italiana, passata attraverso anni bui e tempestosi
Sema Show 2017: you drive me crazy
Sema Show 2017: you drive me crazy
Il più esagerato, colorato e vitaminizzato dei saloni automobilistici si è appena concluso: uno sguardo d'insieme sulla sana follia americana verso tutto ciò che si muove su ruote ruote