E' ancora e sempre Motor Show

| In quella che sarà ricordata come l'edizione della crisi, si salvano i capisaldi della più colorata, celebre (e unica) kermesse automobilistica italiana, passata attraverso anni bui e tempestosi

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Non sono stati anni facili per il "Motor Show", l'appuntamento bolognese che tradizionalmente chiude l'annata automobilistica italiana. Un paio di giri di calendario complicati su cui solo oggi, dopo le turbolenze della tempesta perfetta che si è abbattuta sul pianeta dell'auto, sembra tornare un po' di luce. La formula dell'edizione 2017, in programma dal 2 al 10 dicembre prossimo - come da trazione strategicamente posizionata a cavallo della festa di Sant'Ambrogio che fa da viatico ai milanesi e quella dell'Immacolata che raggiunge il resto degli italiani - è la medesima dello scorso anno, forse la prima a veder tornare marchi e visitatori (quasi) in massa.

Un'edizione che ha fatto tesoro dei suggerimenti richiesti lo scorso direttamente ai visitatori, che in modo compatto hanno preteso "più sport, più autoshow, più competizioni, più acrobazie", ma ha anche imparato la lezione di appuntamenti come Ginevra e il più recente salone di Torino, dove gli spazi degli stand sono democraticamente uguali per tutti e non si fanno distinzioni fra chi può e chi vorrebbe tanto.

Un'edizione pennellata su misura, che rifacendosi al proprio passato tenta già dallo slogan ("Passione a 360 gradi") di non tralasciare nessuno dei capitoli che l'hanno resa celebre: l'autoshow, che significa il mercato, e l'heritage, ovvero le storiche, quindi le aree test-drive, le gare, l'informazione, il futuro e la cultura dell'auto. In aggiunta, laa presenza di alcuni atenei italiani, con prototipi sviluppati dagli studenti e la nascita del salone "Off", modo molto in voga di indicare il coinvolgimento della città e di tutto ciò che resta all'esterno della fiera.

Fra le chicche dell'edizione 2017 l'annuncio e l'esposizione delle sette finaliste del premio "Car of the Year", ancora protette dalla segretezza, il ritorno delle moto e quello della mitica "Area 48", pronta ad ospitare cosine da tutto esaurito come il "Lamborghini Super Trofeo" e l'imprendibile "Memorial Bettega".

Chi ama le auto storiche avrà di che sollazzare le pupille nel padiglione di "Passione Classica", anche declinata alla compravendita di auto, moto e ricambi e un'altra al Racing. Ma un'edizione del Motor Show si misura da alcuni dettagli che se ci sono fanno la differenza e se mancano pesano come macigni. Oltre alla madrina, onore che è toccato (per citare qualche nome) alla Canalis, Belén, Nina Senicar ed Eleonora Pedron - quella dello scorso anno - il giro di boa si valuta sulla presenza o meno della "Scuderia Ferrari". Dopo anni di latitanza, Ferrari ci sarà, per tutta la durata del Motor Show, con l'epicentro provvisorio proprio nell'Area 48. Di sicuro richiamo anche il padiglione 26, che ospita "The World of Motorsport", ovvero il ben di dio dell'automobilismo sportivo: F1, Moto GP, GT e Rally.

Un po' di storia

Tutto nasce da un'intuizione di Mario Zodiaco, imprenditore dalla vita avventurosa assai che nel 1976 crede nella possibilità fare spazio ad un evento dedicato ai motori meno serioso del Salone di Torino, ai tempi unica kermesse italiana, e di quello di Ginevra, ancora distante dal diventare il più importante del vecchio continente. Per la prima edizione, Zodiaco si allea con due nomi che contano: Sandro Munari, il signore dei Rally, e Giacomo Agostini, divinità del motociclismo. Due anime che sintetizzano le ambizioni della sua creatura: i motori nel senso più largo del termine, spaziando dalle due alle quattro ruote. Ma intuisce anche, prima di molti altri, che a corredo dev'esserci un programma fatto di fumi, lampi, botti e minigonne, perché alla gente i sogni bisogna mostrarli.

Nel 1980, quattro anni dopo, la "Promotor" di Alfredo Cazzola acquista i diritti della manifestazione, trasformandola in una gioiosa macchina da guerra. Con la capacità di un "Richelieu" navigato, l'imprenditore bolognese riesce nella difficile impresa di riunire sul suo traghetto i marchi automobilisti, che pretendono tutti i riflettori e le attenzioni, e le esigenze dello spettacolo, che non può mancare. Sono anni lastricasti di oro puro, con le biglietterie che chiudono per troppa affluenza e cifre di visitatori che ad ogni nuova edizione parlano di milioni di persone partite da tutt'Italia.

Una formula che sembra infallibile e impermeabile, ma che nel 2008 - un anno dopo il passaggio del pacchetto ai francesi di "GL Events" - inizia a sgonfiarsi come un soufflé. Sono gli anni in cui esplode la crisi: le case automobilistiche tirano i remi in barca, la gente se ne sta a casa e le luci della ribalta si affievoliscono fino a spegnersi.

Ma per il grande "Barnum" dei motori il peggio deve ancora arrivare: nel 2013 la prima edizione annullata. L'anno dopo si torna, a ranghi ridottissimi, e poi fermarsi di nuovo nel 2015.

L'anno dopo, la minaccia di chiudere per sempre diventa così palpabile da convincere la società "Bologna Fiere" ad acquisire tutti i diritti.

 

MOTOR SHOW

FIERA DI BOLOGNA

2 - 10 dicembre 2017

INGRESSI

Costituzione e Nord

ORARI

giorni feriali: 9-18

festivi e prefestivi: 8.30/18.30

 

IL PROGRAMMA DEGLI EVENTI

AREA 48 MOTUL ARENA

SABATO 2 DICEMBRE 2017 (8:30 – 18:30)

Alfa Romeo 4C Club Italia

Ferrari day

Gara F.1 Storiche

Driving Experience FCA

Cerimonia Inaugurale

Maserati Hot Lap

DOMENICA 3 DICEMBRE 2017 (8:30 – 18:30)

Trofeo GTA – Scuderia del Portello

Gara Porsche Carrera Cup Italia

Lamborghini Hot Lap

Gara F.1 Storiche

Folco Team Stunt Show

Hot Lap Omniauto

Maserati Hot Lap

LUNEDì 4 DICEMBRE 2017 (9:00 – 18:00)

Gara Trofeo Gran Turismo Italia

Gara Historic Challenge by Scuderia Bologna

International Drift Battle by Drift GP

International Drifting Show Stunt by FFF Drifting Department

Driving Experience FCA

Folco Team Show Stunt

Hot Lap Omniauto

Maserati Hot Lap

MARTEDì 5 DICEMBRE 2017 (9:00 – 18:00)

Gara Trofeo TCR Italy

Gara Trofeo Abarth Selenia

International Drift Battle by Drift GP

International Drifting Show Stunt by FFF Drifting Department

Driving Experience FCA

Folco Team Stunt Show

Hot Lap Omniauto

Maserati Hot Lap

MERCOLEDÌ 6 DICEMBRE 2017 (9:00 – 18:00)

Gara Trofeo Nazionale Sport Prototipi

Gara Nascar Whelen Euro Series-Trofeo Angelo Caffi

King of Italy drifting

Driving Experience FCA

Folco Team Stunt Show

Hot Lap Omniauto

Maserati Hot Lap

GIOVEDÌ 7 DICEMBRE 2017 (9:00 – 18:00)

Gara Rally Trofeo Italia 2 Ruote Motrici

Gara Trofeo Suzuki Rally

Gara Rally Trofeo Italia Terra Yokohama

Parata 112 Abarth

Folco Team Stunt Show

Driving Experience FCA

Woman Motor Show Cup

VENERDÌ 8 DICEMBRE 2017 (8:30 – 18:30)

Gara Rally Trofeo Italia WRC

Gara Rally Trofeo Italia R5

Gara Supercross

Gara Quadcross Trofeo Motor Show

Folco Team Stunt Show

Gara Kart Cross

Parata Mustang

Parata Harley Davidson

Arena Cross-Supercross Internazionale "MotorShow Cup"

Quadcross Trofeo Motor Show

SABATO 9 DICEMBRE 2017 (8:30 – 18:30)

Gara Rally 30° Memorial Bettega

Gara Rally Trofeo Pucci Grossi Night Sprint

Gara Trofeo Italia Rally Autostoriche 2 Ruote Motrici

Gara Trofeo Italia Rally Autostoriche 4 Ruote Motrici

Gara Sidecar Cross Motor Show Cup

Gara Side by Side

Folco Team Stunt Show

DOMENICA 10 DICEMBRE 2017 (8:30 – 18:30)

Gara Rally 30° Memorial Bettega

Gara Trofeo Italia Rally Autostoriche 2 Ruote Motrici
Gara Trofeo Italia Rally Autostoriche 4 Ruote Motrici
Gara MX Epoca GR.5
Side by Side
Folco Team Stunt Show


Superstars (Motocross dei Campioni)

Motor Shows
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Da Bologna, sede storica, a Modena, dove il distretto automotive italiano ha la sua culla più prestigiosa. Cambio anche della data: da dicembre a maggio
California dreamin'
California dreamin
Una carrellata di alcune fra le più scenografiche novità presentate sulla sacra erba di Pebble Beach, il regno californiano dove l’esclusivo è normale
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Addio al Motor Show di Bologna
Addio al Motor Show di Bologna
Per la terza volta nella sua storia, la celebre kermesse di donne, motori e sport ospitata a Bologna Fiere chiude i battenti. Ma questa volta sembra una fine definitiva
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa
Sema Show 2017: you drive me crazy
Sema Show 2017: you drive me crazy
Il più esagerato, colorato e vitaminizzato dei saloni automobilistici si è appena concluso: uno sguardo d'insieme sulla sana follia americana verso tutto ciò che si muove su ruote ruote