E Torino ritorna la casa dell'auto

| Terza edizione per il Salone che ha saputo riportare le quattro ruote in quella che per tanto tempo è stata la capitale indiscussa dell'auto. Un evento ricco di appuntamenti, vecchie glorie e novità

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Sembrava tutto perso, a Torino, un tempo capitale dell'auto e titolare di un salone "serio", come da buona tradizione sabauda. Un appuntamento che amava starsene ben lontano dai lustrini di altri eventi, come il "Motor Show" di Bologna che allora andava per la maggiore, al contrario un posto dove auto, sport e soprattutto spettacolo lavoravano in modo efficace alle biglietterie ma con un dubbio amletico di fondo: troppi eventi e troppe novità automobilistiche finivano per rubarsi la scena.

A Torino era un'altra storia, idealmente partita nell'aprile del 1900 e chiusa a doppia mandata nel maggio del 2002, quando i vertici di "GL Events" comunicano in una conferenza stampa che la storia fra Torino e il suo salone, spiacenti, si chiudeva qui. C'era di mezzo la più devastante crisi dell'auto dall'invenzione della ruota in poi, consacrata dalla retromarcia di tutti i marchi automobilistici, sfilati dall'elenco uno dopo l'altro fino a lasciare un vuoto pneumatico imbarazzante. Era l'annus horribilis dell'automobile, con una corsa all'affanno che virava sul rosso, tinta per una volta distante dall'idea di corsa e velocità. Anzi.

LA RINASCITA

Poi, tre anni fa, sulle luci della Mole plana un germoglio di speranza: dall'11 al 14 giugno, il parco del Valentino, oggi polmone verde adagiato sulle rive del Po e simbolo della città, ma un tempo scenario per sfide di gente come Ascari, Villoresi, Farina, Varzi e Nuvolari, torna ad ospitare un evento dal titolo emblematico: "Parco Valentino, Salone e Gran Premio". È un inizio con tanto di vetrina: una trentina di marchi presenti e cinquanta vetture in parata per tre km, nel cuore di Torino, a cui quella volta si aggiungono altre 500 veterane, questa volta spinte fino ai limiti della città, verso la splendida Reggia di Venaria. L'anno scorso, dall'8 al 12 giugno, seconda edizione e inizio nell'età dello sviluppo: il Salone dell'Auto di Torino mette i dentini, le case ospitate salgono a 44, più 12 fra carrozzieri e centri stile, coronati dall'anteprima di 25 modelli. Ma nulla sarebbe, senza cifre che parlano di 650.000 visitatori: quanto basta per calamitare l'attenzione del mondo dell'auto e di chi ancora non c'era, ormai consapevole che Torino c'è e bisogna tornarci, come un tempo.

LA NUOVA EDIZIONE

Tutto pronto per la terza edizione, dal 7 all'11 giugno prossimi sempre negli stessi spazi del Valentino, tornato ad essere l'epicentro dell'auto a Torino, come tanti anni fa. La formula resta invariata: un salone open air, il primo d'Europa del genere, con 55 case pronte a portare le proprie novità ed un programma di eventi che sono il simbolo più evidente di una consacrazione definitiva. Non mancano le celebrazioni, com'è ormai tradizione, con un inizio che migliore non era possibile sperare: i 70 anni della Ferrari, il sogno made in Maranello ormai eletto a simbolo dell'Italia che piace a tutti, italiani compresi. Alle "signore in rosso" è dedicata l'intera giornata d'apertura, mercoledì 7 giugno, per l'occasione radunate nel cortile del Castello del Valentino.

E le candeline salgono addirittura a 90 per l'anniversario della Volvo, marchio scandivano protagonista di un ideale viaggio nel tempo che parte dalle glorie del passato per arrivare ai modelli più attuali e tecnologici.

Sabato 10 torna uno dei momenti più attesi, il Gran Premio, in realtà una parata a cui partecipano prototipi, one-off e supercar che si conclude in piazza Vittorio Veneto.

A corollario il "Focus Elettrico", dedicato ad un futuro prossimo venturo che è già attuale, fra elettriche e ibride plug-in, ancora "Cars & Coffee", tappa obbligata per sollazzare gli occhi su supercar, hypercar, prototipi e one-off, il "Concorso d'Eleganza Asi", con 30 splendide signore d'epoca nello straordinario scenario delle bellezze artistiche della prima capitale d'Italia, il raduno "Turin Street Abarth", con le vetture di ogni epoca marchiate con lo Scorpione, lo "USA Cars Meeting" al Parco Dora, per gli amanti delle muscle car a stelle e strisce, il raduno "JDM", dedicato alle auto di produzione giapponese e quello della storica "Citroën 2 CV", per finire con l'arrivo de "La Classica", passerella conclusiva del tour internazionale di 40 supercar classiche.

LE NOVITÀ

Se i dati saranno confermati si attendono oltre 800 mila visitatori: una passerella irresistibile per i marchi che vogliono mostrare le loro ultime fatiche, e che proprio in questi giorni iniziano a svelare le carte. Fra le certezze le novità dello stand Mercedes: la AMG GT-R, la "bestia del Green Hill", entrata da poco nella Hall of Fame del circuito del Nürburgring per il record assoluto sul giro, la nuova Classe E Coupé e la smart fortwo "Atomic Yellow", una tailor made griffata "Brabus". Il Gruppo PSA ha già annunciato la propria presenza con quattro novità: la Citroën C3, la DS 7 Crossback e le nuove Peugeot 5008 e 3008, quest'ultima eletta qualche mese fa "Auto dell'Anno".

Debutto per la nuova CX-5, il mid-size Suv marchiato Mazda che arriva alla seconda generazione dopo il lancio del 2012 e un confortante volume di vendite. E anteprima nazionale anche per la Ford Fiesta, settima generazione di un'inossidabile utilitaria di segmento B nata nel lontano 1976.

LE POLEMICHE

Dove arrivano le auto, qualche pasticcio scoppia: è matematico. Le associazioni ambientaliste "Pro Natura", "Italia Nostra" e "Salviamo il paesaggio" hanno da poco recapitato alla sindaca Appendino una formale lettera di protesta, schierandosi contro la decisione di concedere nuovamente gli spazi del Parco del Valentino al rinato Salone dell'Auto. C'è di mezzo anche la concessione a titolo gratuito del suolo pubblico, con un mancato introito per le casse comunali di circa 250 mila euro.

 

INFO UTILI

Salone dell'Auto di Torino

Dove: Parco del Valentino

Quando: 7-11 giugno 2017

Orari: dalle 10 alle 24 (merc. 7 dalle 14)

Ingresso: gratuito (con biglietto elettronico)

Contatti: www.parcovalentino.com

Convenzioni: 30% di sconto sui biglietti Trenitalia

                          Ingressi a tariffa ridotta nei musei torinesi

                          Sconti nei locali che espongono la vetrofania "Friends of Salone dell'Auto"

Motor Shows
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Da Bologna, sede storica, a Modena, dove il distretto automotive italiano ha la sua culla più prestigiosa. Cambio anche della data: da dicembre a maggio
California dreamin'
California dreamin
Una carrellata di alcune fra le più scenografiche novità presentate sulla sacra erba di Pebble Beach, il regno californiano dove l’esclusivo è normale
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Addio al Motor Show di Bologna
Addio al Motor Show di Bologna
Per la terza volta nella sua storia, la celebre kermesse di donne, motori e sport ospitata a Bologna Fiere chiude i battenti. Ma questa volta sembra una fine definitiva
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa
E' ancora e sempre Motor Show
E
In quella che sarà ricordata come l'edizione della crisi, si salvano i capisaldi della più colorata, celebre (e unica) kermesse automobilistica italiana, passata attraverso anni bui e tempestosi