Grande il Salone Auto 2017 ma si può ancora migliorare

| Un appuntamento che cresce ad ogni edizione richiede l'obbligo di lavorare su ogni dettaglio, per non lasciare nulla al caso e togliere di mezzo l'idea troppo torinese di fare le cose a metà

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Germano Longo
Settecentomila visitatori: è la cifra ufficiale dei visitatori della terza edizione del Salone dell'Auto di Torino. Niente da eccepire, un successo a tutto tondo, che sarebbe rimasto tale anche fermandosi a centomila in meno, per dire.

Ma tanta affluenza e tanti marchi, 56 questa volta, sono un fardello che in qualche modo investe gli organizzatori di una responsabilità sempre maggiore. Un merito di fondo c'è, e va dato subito: rimettere mano ai cocci lasciati dal vecchio salone, quello in scena fra il 1900 e il 2002, non era cosa semplice. Per cui l'idea va sorretta e sostenuta, perché rappresenta la chances concreta per l'ex capitale dell'auto di ritrovare un posto nel sempre più ristretto elenco dei saloni dove chi conta dev'esserci, per forza.
Perso tempo prezioso 

Ma questi sono anni che non perdonano, in cui non c'è tempo da perdere e neanche ci si può permettere il lusso di inciampare: la terza edizione significa l'altare su cui la kermesse del Valentino diventa grande e deve iniziare a fare sul serio, lasciandosi alle spalle qualche incertezza che a volte è sembrata un piccolo peccato di gioventù. Tanti gli eventi a corollario che sulla carta sembravano promettere cose epocali, e a conti fatti erano una via di mezzo - assai torinese - fra un semplice "porte aperte" da concessionario e qualche svogliato stand da piazza di paese. Il "Forum Elettrico", per dirne uno, poteva essere l'occasione per parlare di futuro e imporsi agli occhi del mondo, invitando esperti veri e coinvolgendo marchi, perché il domani si gioca lì. Ma limitare la faccenda a qualche venditore e pochi test drive è un peccato, nient'altro che questo.
Ferrari ma in tono minore 

Vale lo stesso principio per i 70 anni del marchio Ferrari, celebrazione di una leggenda che da sempre basta ventilare nell'aria per richiamare migliaia di persone, e invece contenuto in otto vetture, che per quanto rappresentative restano sempre otto, anche a contarle da capo. Per chiudere con il "Gran Premio", il grande show del Salone, indeciso se chiudere al traffico le vie del percorso o aprirle a singhiozzo fra un gruppo e l'altro. Probabilmente gli intasamenti hanno convinto qualcuno che fosse necessario dare qualche valvola di sfogo al traffico, e di questo parte della responsabilità va divisa con il popolo torinese: si sapeva tutto da un pezzo, e avventurarsi con la propria macchina sul limitare del percorso significava più o meno sporgersi da un balcone senza ringhiera per vedere l'effetto che fa. Solo mentre cadi, capisci che non era il caso di guardare.

Motor Shows
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa
E' ancora e sempre Motor Show
E
In quella che sarà ricordata come l'edizione della crisi, si salvano i capisaldi della più colorata, celebre (e unica) kermesse automobilistica italiana, passata attraverso anni bui e tempestosi
Sema Show 2017: you drive me crazy
Sema Show 2017: you drive me crazy
Il più esagerato, colorato e vitaminizzato dei saloni automobilistici si è appena concluso: uno sguardo d'insieme sulla sana follia americana verso tutto ciò che si muove su ruote ruote
Salone dell'Auto 2018: Torino nel cuore
Salone dell
La quarta edizione, presentata con largo anticipo, dimostra di voler cementare il nuovo rapporto fra la città della Mole e l'automobile
Salone di Francoforte, assenze di peso
Salone di Francoforte, assenze di peso
A poco più di un mese dalla kermesse tedesca a cadenza biennale, sono tanti i marchi che hanno scelto di non esserci, o di essere presenti in formato "light