Supercar Weekend, il raduno dell'estate

| Una placida cittadina dell'Hampshire ospita circa 600 bolidi di ogni tempo, compresa una folta rappresentanza di sogni italiani su ruote

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

La caprette, il prossimo week end, probabilmente smetteranno di fare ciao. Troppa la gente attesa a Beaulieu, nome francese di un antico villaggio inglese della contea dell'Hampshire che nei giorni normali è patria di 900 abitanti, forse qualcuno in meno, visto il caldo che anche da quelle parti quest'anno picchia duro.

Il fine settimana, fra sabato 5 domenica 6 agosto, ha un titolo che sembra un chiaro invito a rifarsi le pupille: "Supercar Weekend". Un mega raduno di campagna per circa 600 gioielli a quattro ruote di collezionisti privati che non si limitano a sonnecchiare parcheggiate sui prati o a sfilare in favore di selfie, ma si gettano nella mischia sfidandosi in prove di varia natura, dall'accelerazione alla frenata.

Ma se l'attesa è forte, come ogni anno, quest'anno i motivi per non perdere le verdi campagne di Beaulieu sono ben altri: ad esempio la presenza di numerose Ferrari, reduci dai festeggiamenti regali che proprio l'Inghilterra sta tributando al marchio di Maranello per i suoi 70 anni. Coprotagoniste assolute una lunga teoria di Maserati e Lamborghini di ogni epoca, che divideranno la scena con altrettanti gioielli Ford, Dodge, Honda, Lexus, McLaren, Bentley, Aston Martin e Jaguar. A impreziosire l'edizione, la presenza del Lotus Driver's Club e del Porsche Great Britain.

Per completare la dose di adrenalina, merita una visita il "National Motor Museum", fondato nel 1952 da Edward Douglas-Scott-Montagu, barone di Beaulieu, e dedicato alla figura del padre, uno dei pionieri dell'automobilismo anglosassone ma soprattutto colui che ha instradato al piacere dell'automobile re Eduardo VII.

Nato con un patrimonio di appena cinque esemplari custoditi, nel 1972 il Museo ha toccato quota 300 veicoli, a cui si aggiungono una vasta biblioteca fatta di libri, riviste, fotografie, film ed una rara collezione di "Spirit of Ectasy", la statuetta che ancora oggi troneggia sui cofani delle Rolls-Royce.

Motor Shows
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Il Motor Show cambia nome e indirizzo
Da Bologna, sede storica, a Modena, dove il distretto automotive italiano ha la sua culla più prestigiosa. Cambio anche della data: da dicembre a maggio
California dreamin'
California dreamin
Una carrellata di alcune fra le più scenografiche novità presentate sulla sacra erba di Pebble Beach, il regno californiano dove l’esclusivo è normale
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Addio al Motor Show di Bologna
Addio al Motor Show di Bologna
Per la terza volta nella sua storia, la celebre kermesse di donne, motori e sport ospitata a Bologna Fiere chiude i battenti. Ma questa volta sembra una fine definitiva
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa
E' ancora e sempre Motor Show
E
In quella che sarà ricordata come l'edizione della crisi, si salvano i capisaldi della più colorata, celebre (e unica) kermesse automobilistica italiana, passata attraverso anni bui e tempestosi