Fritto di stelle

| Ben prima di diventare celebrità, tanti nomi dello starsystem hanno iniziato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro partendo dai gradini più bassi

+ Miei preferiti

Nessuno nasce star del cinema o della musica. Anzi, la maggior parte delle volte, scavando nel passato dei nomi che oggi macinano miliardi di dollari ad ogni sforzo, si scoprono inizi umili, se non addirittura umilianti. In America, dove l'arte di cominciare presto a sbarcare il lunario fa parte della cultura di una società basata sull'indipendenza personale, sono tanti coloro che prima di finire sulle copertine dei giornali sono passati per locali puzzolenti assai a servire frappè giganteschi, patatine fritte e hamburger che trasudavano formaggio e ketchup. Non ci credete? Qualche tempo fa, un sito americano ha passato la setaccio al vita di un bel po' di star che oggi si muovono solo dietro ingaggi fiabeschi, con squadre di truccatori, visagisti e personal trainer, e che fino ad una manciata di anni fa faticavano ad arrivare a fine mese.

Per essere precisi, gli inizi di molte star si sono consumati dietro ai banchi di McDonald's, la catena fast food più celebre e discussa del pianeta. Certo, il rovescio della medaglia, a volerlo cercare, è il solito: per quanti ce l'hanno fatta, sono molti di più quelli rimasti a servire panini.

Rachel McAdams

La deliziosa biondina di "Midnight in Paris" di Woody Allen, inizia la carriera diretta da Paolo Virzì, che nel 2002 la sceglie per "My name is Tanino". Canadese, è figlia di un camionista e un'infermiera, per cui inizia presto a darsi da fare trovando un lavoro come cameriera in un fast food.

James Franco

Californiano amatissimo dalle donne, abbandona presto gli studi per dedicarsi alla recitazione, lavoricchiando come e dove può. Ricorderà anni dopo che McDonald's, mentre scaldava i motori sognando di diventare una celebrità, è stato per anni l'unico punto di riferimento della sua vita.

Jay Leno

Per 22 anni ha tenuto i telespettatori americani incollati  davanti al "Tonight Show", vero programma culto per il mondo della tivù. Oggi colleziona di auto, ma negli anni 70, quando la fame superava di gran lunga la fama, sbarcava il lunario come addetto alle friggitrici di un fast food di Andover, nel Massachusetts.

Sharon Stone

Difficile immaginarla mentre incarta hamburger e panini, eppure quello è stato il primo lavoretto della diva per eccellenza, emblema di bellezza e del tempo che per lei sembra non passare mai.

Macy Gray

È forse l'unica artista ad aver ringraziato pubblicamente la catena fast food americana, per averle dato l'opportunità di lavorare. Incartava panini e canticchiava, ma nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe diventata una delle regine della musica soul e jazz.

Shania Twain

La regina del country pop, con 6 album all'attivo e un bilancio che parla di 80 milioni di copie vendute nel mondo, cresce in una famiglia con grosse difficoltà economiche e giovanissima finisce in un fast food di Timmins, Ontario, Canada.

Pink

Qualche problema con la droga in giovane età, per questa figlia ribelle della rurale Pennsylvania, e ricordi poco piacevoli della sua esperienza nei fast food: in più interviste ha dichiarato di considerato quel periodo come uno dei suoi incubi peggiori.

Seal

Inglese di Londra, mix di genitori nigeriani (la mamma) e brasiliani (il papà), prima di portare sull'altare la top Heidi Klum lavoricchia alla meno peggio, fermandosi per una sola settimana in un fast food: giusto il tempo di ritirare lo stipendio.

Carl Lewis

Il "figlio del vento", vincitore di 10 medaglie olimpiche in quattro olimpiadi, era veloce anche nei suoi primi lavoretti. Nel fast food dove lavorava, aveva imparato a fare in fretta con le patatine fritte, per evitare che si raffreddassero.

Jeff Bezos

Non sapete chi è? Pensate che Amazon è roba sua, e di seguito immaginate il patrimonio di questo signore, classe 1964 da Albuquerque, New Mexico. Nei suoi racconti non manca mai l'esperienza di gioventù nei fast food, dove ha imparato cose fondamentali assai, come rompere un uovo con una mano sola.

News
Bontà loro (e nostre)
Bontà loro (e nostre)
Domenica 26 è il Cake Day, la giornata della torta. Per celebrarla come si deve, un ideale percorso di gola attraverso l'Europa, alla ricerca di specialità che valgono il viaggio
Sinfonia per minestrone e vellutata
Sinfonia per minestrone e vellutata
La Long Island Vegetable Orchestra, diretta da un professore di musica tedesco, è uno degli ensemble più richiesti di New York. Ma l'idea di un'orchestra "all-green" nasce a Vienna parecchi anni fa
L'espresso del Maggiolino
L
L'idea di un giovane artista di Denver: allestire un minuscolo bar mobile all'interno di un Beetle Volkswagen d'epoca
Anche Berlino sta scadendo
Anche Berlino sta scadendo
È un successo clamoroso, il primo supermercato al mondo a vendere soltanto cibi oltre la data di scadenza. L'idea di un sognatore che ha imparato l'arte del riciclo sulla propria pelle così bene da voler cambiare il mondo
Dolce un po' salato
Dolce un po
Il gelato al cioccolato di Pupo non c'entra: Donut Burger è l'ultima mania di junk-food made in USA, l'incontro fra l'hamburger e le ciambelle dolci
Il beverone che vale una colazione
Il beverone che vale una colazione
Si chiama "Coffiest" ed è la bevanda sostituiva dei pasti che impazza nella Silicon Valley: nasce per chi non ha tempo o voglia di sedersi a tavola, ma le vitamine gli servono comunque
The coffee experience
The coffee experience
Non è solo una semplice tazza di caffé, ma una vera esperienza sensoriale per gli occhi e il palato: è il segreto di Esmeralda Geisha 601, la miscela più cara al mondo
Professione Idrosommelier
Professione Idrosommelier
Sta nascendo un nuovo mestiere, accompagnato dal fiorire del business dell'acqua: perché tutti imparino a scegliere quella giusta
La mentuccia che allunga la vita
La mentuccia che allunga la vita
È la città di Toyama, in Giappone, a guidare il "Global Perilla Network", un progetto globale che ha come protagonista una pianta superfood dai poteri anti-age
Great Balls on Fire
Great Balls on Fire
Non è solo la terra ad essere rotonda, ci sono altre cosine, appartenenti a diversi animali, di cui in molte parti del pianeta la gente è golosa