La new wave dei distributori automatici

| Caviale, granchi, tartufi, burritos, uova fresche e pizze cotte al momento: per le "vending machine" è iniziata l'invasione gourmet

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Su, dai, siamo sinceri: chi non ha mai sentito il bisogno di una cucchiaiata di caviale nel cuore della notte? Ebbene, c'è chi ha pensato come dire addio a questa imperdonabile mancanza dell'umanità. Sulle colline di Beverly Hills, dove ricchi & famosi studiano come immolare valigiate di dollari alla ricerca di esclusività, accanto ai soliti distributori di bevande e merendine è da poco comparso il primo - e per adesso unico al mondo - distributore automatico pensato per dispensare proprio generose porzioni di caviale. Un'eccentricità voluta dalla "Beverly Hillsh Caviar", azienda specializzata nel "luxury-food", come vengono definite le voglie di gola di chi non ha problemi di contanti, che oltre a mettere a disposizione della clientela di passaggio ben 24 varietà diverse di caviale, ha voluto includere anche altre prelibatezze come escargot, tartufi e vini pregiati. Ogni contenitore, corredato da piatti e posate in madreperla, garantisce la freschezza del prodotto per tre ore. Ah, già, i prezzi: si parte dai 60 dollari a confezione, ovvero pochi grammi, ma quello è l'ultimo dei problemi, via.

Eppure quella californiana non è l'unica eccentricità legata alla nuova ondata di distributori automatici, sempre più lontani dall'idea della merendina dall'aria tristissima e ogni giorno più vicini al principio di esclusivo, per di più in formato 24 ore su 24. In giro per il mondo, carta di credito alla mano, c'è davvero di che togliersi ogni sfizio, perfino i più impensabili. A Nanjing, in Cina, è in fase di test avanzato un distributore di granchi freschissimi: si chiama "Livecrab" e insieme al granchio si ottiene un salsa vinegar e un tè allo zenzero. In Giappone, per non essere da meno, qualcuno ha pensato che fosse necessario porre rimedio a chi, quando fa la spesa, dimentica le uova. L'Eggs vending machine è un'apparecchiatura sofisticata, studiata in ogni dettaglio per adagiare le uova delicatamente sul morbido prima di spalancare lo sportello e consegnarle. Per chiudere il capitolo oriente con una tappa a Singapore, dove un'inspiegabile passione nazionale per la purea ha fatto da spinta propulsiva all'idea che un distributore automatico di patate schiacciate fosse un piccolo passo per un goloso, ma un passo enorme per l'umanità.

Ancora in California, questa volta all'interno del campus della "Spoon University" di Los Angeles, è comparso il primo "BurritoBox": un distributore automatico di tortillas messicane che prepara tutto al momento, e nell'attesa regala all'affezionata clientela una connessione wi-fi per ingannare il tempo, peraltro contenuto in pochi minuti. È invece ormai piuttosto diffuso il "Cupcakes Atm", ovvero una sorta di bancomat che spaccia cupcakes, i tipici e coloratissimi dolcetti americani.

Come dite? Roba per posti abitati da gente strana? Più o meno, visto che anche in Europa si inizia a fare sul serio: fra le ampie sale della stazione di Francoforte, in Germania, fa registrare code chilometriche non un distributore automatico di birra e salsiccia, ma "Lets Pizza", una macchinetta che per quattro euro appena offre in cambio pizze cotte su pietra, per adesso in due sole varianti: margherita o con salame.

E tutto questo solo per restare sul cibo, perché volendo andare oltre, di macchinette automatiche stracolme di stranezze se ne trovano ad ogni angolo: sulle spiagge di Sidney, in Australia, stanno diventando normalità i distributori automatici di infradito in gomma. E a Dubai, per finire in bellezza, il passatempo del momento sono le macchinette che ingoiano denaro contante e restituiscono piccoli lingotti d'oro.

News
Bontà loro (e nostre)
Bontà loro (e nostre)
Domenica 26 è il Cake Day, la giornata della torta. Per celebrarla come si deve, un ideale percorso di gola attraverso l'Europa, alla ricerca di specialità che valgono il viaggio
Sinfonia per minestrone e vellutata
Sinfonia per minestrone e vellutata
La Long Island Vegetable Orchestra, diretta da un professore di musica tedesco, è uno degli ensemble più richiesti di New York. Ma l'idea di un'orchestra "all-green" nasce a Vienna parecchi anni fa
L'espresso del Maggiolino
L
L'idea di un giovane artista di Denver: allestire un minuscolo bar mobile all'interno di un Beetle Volkswagen d'epoca
Anche Berlino sta scadendo
Anche Berlino sta scadendo
È un successo clamoroso, il primo supermercato al mondo a vendere soltanto cibi oltre la data di scadenza. L'idea di un sognatore che ha imparato l'arte del riciclo sulla propria pelle così bene da voler cambiare il mondo
Dolce un po' salato
Dolce un po
Il gelato al cioccolato di Pupo non c'entra: Donut Burger è l'ultima mania di junk-food made in USA, l'incontro fra l'hamburger e le ciambelle dolci
Il beverone che vale una colazione
Il beverone che vale una colazione
Si chiama "Coffiest" ed è la bevanda sostituiva dei pasti che impazza nella Silicon Valley: nasce per chi non ha tempo o voglia di sedersi a tavola, ma le vitamine gli servono comunque
The coffee experience
The coffee experience
Non è solo una semplice tazza di caffé, ma una vera esperienza sensoriale per gli occhi e il palato: è il segreto di Esmeralda Geisha 601, la miscela più cara al mondo
Professione Idrosommelier
Professione Idrosommelier
Sta nascendo un nuovo mestiere, accompagnato dal fiorire del business dell'acqua: perché tutti imparino a scegliere quella giusta
La mentuccia che allunga la vita
La mentuccia che allunga la vita
È la città di Toyama, in Giappone, a guidare il "Global Perilla Network", un progetto globale che ha come protagonista una pianta superfood dai poteri anti-age
Great Balls on Fire
Great Balls on Fire
Non è solo la terra ad essere rotonda, ci sono altre cosine, appartenenti a diversi animali, di cui in molte parti del pianeta la gente è golosa