Sinfonia per minestrone e vellutata

| La Long Island Vegetable Orchestra, diretta da un professore di musica tedesco, è uno degli ensemble più richiesti di New York. Ma l'idea di un'orchestra "all-green" nasce a Vienna parecchi anni fa

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Si chiama Dale Stuckenbruck, ha 63 anni, vive in America ma arriva dalla Germania e nel mondo della musica ci vive da sempre. Solista e musicista in diverse formazioni, con il suo violino ha preso parte alle registrazioni di centinaia di colonne sonore cinematografiche, oltre ad insegnare musica ai giovani in una scuola di Long Island, quella che i newyorkesi chiamano la loro spiaggia.

Nel 2005, con l'idea di preparare una lezione per alcuni studenti refrattari alla musica, il professor Stuckenbruck inizia ad esplorare l'idea di ricavare strumenti dove non sembra possibile. Si imbatte in un cesto di verdura fresca, e inizia la seconda parte della sua carriera. Circondato da una curiosità crescente, Stuckenbruck crea pian piano una vera orchestra in cui non c'è traccia di strumenti tradizionali: cetrioli, carote, zucche, peperoni, sedani, cavoli, melanzane, scalogno e canne da zucchero, svuotati ad arte, riproducono in modo (quasi) perfetto i suoni di legni ed ottoni.

Sta nascendo la "Long Beach Vegetable Orchestra", l'unica di New York e per questo richiestissima ovunque, dalle scuole agli eventi vegetariani-vegani che oggi sono di grande tendenza. Ai musicisti, oltre allo studio di partiture che vanno dal jazz alla classica, è richiesto un supplemento di impegno: imparare ogni volta a realizzare il proprio strumento dalla verdura assegnata e conservarlo fino al momento di entrare in scena in acqua e ghiaccio perché non perda consistenza e migliori il suono. Per essere ancora più precisi, carote, cetrioli e patate si prestano benissimo per diventare flauti e clarinetti, mentre madre natura ha fatto sì che peperoni e zucche potessero diventare, rispettivamente, delle maracas e dei tamburi, per arrivare ad una particolare varietà di ravanello che, lavorato ad arte, simula il suono corposo di un oboe.

In realtà, il professore non è il primo al mondo ad aver avuto l'idea di far suonare l'orto. Dal 1998, la "Vienna Vegetable Orchestra" ha messo insieme un'orchestra formata da 12 musicisti, ovviamente, ma anche da artisti, designer e ingegneri del suono per organizzare un repertorio trasformato in centinaia di spettacoli che attirano frotte di curiosi ad ogni replica. Anche perché, al termine di ogni concerto, i 70 kg di verdura che rappresentano l'intera strumentazione, finiscono in pentola, diventando un minestrone che viene servito caldo a tutti i presenti.

News
Bontà loro (e nostre)
Bontà loro (e nostre)
Domenica 26 è il Cake Day, la giornata della torta. Per celebrarla come si deve, un ideale percorso di gola attraverso l'Europa, alla ricerca di specialità che valgono il viaggio
L'espresso del Maggiolino
L
L'idea di un giovane artista di Denver: allestire un minuscolo bar mobile all'interno di un Beetle Volkswagen d'epoca
Anche Berlino sta scadendo
Anche Berlino sta scadendo
È un successo clamoroso, il primo supermercato al mondo a vendere soltanto cibi oltre la data di scadenza. L'idea di un sognatore che ha imparato l'arte del riciclo sulla propria pelle così bene da voler cambiare il mondo
Dolce un po' salato
Dolce un po
Il gelato al cioccolato di Pupo non c'entra: Donut Burger è l'ultima mania di junk-food made in USA, l'incontro fra l'hamburger e le ciambelle dolci
Il beverone che vale una colazione
Il beverone che vale una colazione
Si chiama "Coffiest" ed è la bevanda sostituiva dei pasti che impazza nella Silicon Valley: nasce per chi non ha tempo o voglia di sedersi a tavola, ma le vitamine gli servono comunque
The coffee experience
The coffee experience
Non è solo una semplice tazza di caffé, ma una vera esperienza sensoriale per gli occhi e il palato: è il segreto di Esmeralda Geisha 601, la miscela più cara al mondo
Professione Idrosommelier
Professione Idrosommelier
Sta nascendo un nuovo mestiere, accompagnato dal fiorire del business dell'acqua: perché tutti imparino a scegliere quella giusta
La mentuccia che allunga la vita
La mentuccia che allunga la vita
È la città di Toyama, in Giappone, a guidare il "Global Perilla Network", un progetto globale che ha come protagonista una pianta superfood dai poteri anti-age
Great Balls on Fire
Great Balls on Fire
Non è solo la terra ad essere rotonda, ci sono altre cosine, appartenenti a diversi animali, di cui in molte parti del pianeta la gente è golosa
Siamo alla frutta
Siamo alla frutta
Cavoli che non puzzano, kiwi grossi come olive, mele al sapore di pera: le nuove frontiere della biogenetica stanno per regalarci un cesto pieno di ibridi gustosi