The coffee experience

| Non è solo una semplice tazza di caffé, ma una vera esperienza sensoriale per gli occhi e il palato: è il segreto di Esmeralda Geisha 601, la miscela più cara al mondo

+ Miei preferiti
Lo scrittore e accademico francese Georges Courteline amava ripetere "Si cambia più facilmente religione che caffè". Quelli di "Klatch Coffee", colosso della torrefazione d'alto lignaggio specializzato in miscele particolarmente ricercate, sono pronti a smontare qualsiasi precedente attaccamento alla "cup of joe", come gli americani chiamano il sacrosanto diritto al caffè del mattino.

La loro novità, a cui lavorano da tempo, si chiama "Esmeralda Geisha 601", nome particolare che fa allusione al prezzo in dollari per oncia della varietà di caffè alla base della nuova miscela, proveniente in massima parte da Panama.

L'unico difetto di Esmeralda, definita da Don Holly, uno dei massimi esperti del settore, "un modo per vedere il volto di Dio in una tazza", è il prezzo: circa 55 dollari a tazzina. Cifra necessaria per portarsi a casa una capsula da 15 grammi, sufficiente per una "mug" all'americana.

Una scelta precisa di marketing, per tenere altissimo il target di riferimento, insieme alla scelta di limitare la diffusione di Esmeralda a eventi particolari scelti con grande cura a cui accedere pagando addirittura un biglietto di ingresso, o dandola in esclusiva a locali di grande prestigio come l'Eleven Madison Park, ristorante newyorkese tre stelle Michelin che da qualche giorno ha inserito sul menù il caffè Esmeralda, a 24 dollari.

Il segreto della miscela per nababbi sta tutto nei sapori che si mescolano ad ogni sorsata: bacche, nocciole, frutta e gelsomino. E non è finita qui, perché Esmeralda non viene portata al tavolo semplicemente in tazzina, ma arriva seguendo un preciso rituale della durata di una decina di minuti che prevede la presenza di un alambicco in cui, magicamente, il caffè macinato entra per la prima volta in contatto con l'acqua calda, dando il massimo.

News
Bontà loro (e nostre)
Bontà loro (e nostre)
Domenica 26 è il Cake Day, la giornata della torta. Per celebrarla come si deve, un ideale percorso di gola attraverso l'Europa, alla ricerca di specialità che valgono il viaggio
Sinfonia per minestrone e vellutata
Sinfonia per minestrone e vellutata
La Long Island Vegetable Orchestra, diretta da un professore di musica tedesco, è uno degli ensemble più richiesti di New York. Ma l'idea di un'orchestra "all-green" nasce a Vienna parecchi anni fa
L'espresso del Maggiolino
L
L'idea di un giovane artista di Denver: allestire un minuscolo bar mobile all'interno di un Beetle Volkswagen d'epoca
Anche Berlino sta scadendo
Anche Berlino sta scadendo
È un successo clamoroso, il primo supermercato al mondo a vendere soltanto cibi oltre la data di scadenza. L'idea di un sognatore che ha imparato l'arte del riciclo sulla propria pelle così bene da voler cambiare il mondo
Dolce un po' salato
Dolce un po
Il gelato al cioccolato di Pupo non c'entra: Donut Burger è l'ultima mania di junk-food made in USA, l'incontro fra l'hamburger e le ciambelle dolci
Il beverone che vale una colazione
Il beverone che vale una colazione
Si chiama "Coffiest" ed è la bevanda sostituiva dei pasti che impazza nella Silicon Valley: nasce per chi non ha tempo o voglia di sedersi a tavola, ma le vitamine gli servono comunque
Professione Idrosommelier
Professione Idrosommelier
Sta nascendo un nuovo mestiere, accompagnato dal fiorire del business dell'acqua: perché tutti imparino a scegliere quella giusta
La mentuccia che allunga la vita
La mentuccia che allunga la vita
È la città di Toyama, in Giappone, a guidare il "Global Perilla Network", un progetto globale che ha come protagonista una pianta superfood dai poteri anti-age
Great Balls on Fire
Great Balls on Fire
Non è solo la terra ad essere rotonda, ci sono altre cosine, appartenenti a diversi animali, di cui in molte parti del pianeta la gente è golosa
Siamo alla frutta
Siamo alla frutta
Cavoli che non puzzano, kiwi grossi come olive, mele al sapore di pera: le nuove frontiere della biogenetica stanno per regalarci un cesto pieno di ibridi gustosi