Aston Martin Vantage, piccola e affamata

| Ha fame di asfalto e fretta di ripetere il successo della prima generazione, rimasta in pista più di un decennio. I numeri, d'altra parte, ci sono tutti, a cominciare dai 314 km/h di velocità massima

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Sarà il fascino dei muscoli, che parlando di auto valgono quanto nella vita reale, ma la "Vantage" ha sempre avuto una vita semplice e fortunata. E pensare che nasce nel 2005, su design di Henrik Fisker, addirittura come la piccola di famiglia, il modello entry level di Aston Martin, il marchio britannico più amato dagli agenti segreti.

Il segreto - che segreto non è - sta tutto in due punti fermi: linee mozzafiato e prestazioni da urlo. Quanto basta per renderla da sempre una temibile concorrente della Porsche 911 e spingerla verso la soglia di 22mila esemplari messi insieme in una carriera insolitamente lunga, nella media automobilistica.

Un mix di ragionamenti, numeri e pensieri che spalanca le porte alla nuova Vantage, insieme alla sorella DB11 primo modello nato dalla gestione italiana di "Investindustrial", fondo della famiglia Bonomi che dal 2012 controlla il marchio.

Basta guardarla, la nuova Vantage, per capire che di cuori ne infrangerà ancora tanti: una coupé compatta, lunga 4,46 metri, con una linea ruggente, che riesce perfettamente a traghettare le tradizioni del passato stilistico anglosassone in una cifra che trasuda energia. Un look che non è immagine, ma funzionale alla necessità di tenere la bestia incollata a terra attraverso un largo uso di sfoghi e diffusori. 

Un po' a patti con la territorialità bisogna scendere sbirciando sottopelle, visto che buona parte della tecnologia è di fattura tedesca: ad esempio il propulsore, un V8 4 litri biturbo marchiato Mercedes-AMG con 510 CV e 685 Nm di coppia massima, accompagnato dall'automatico a otto rapporti con convertitore di coppia, che alla faccia dell'entry level portano la Vantage sulla soglia dei 314 km/h, con accelerazione 0-100 in 3,7 secondi. Come da tradizione del marchio di Gaydon, la piattaforma è in alluminio, la stessa della DB11, anche se rivista al 70%, che contiene il peso in appena 1.530 kg, perfettamente divisi fra i due assi. Nuove le sospensioni attive Skyhook e il differenziale posteriore elettronico dotato di Dynamic Torque Vectoring, che rendono possibili ed efficaci tre diverse modalità di guida: Sport, Sport Plus e Track.

In Italia la vedremo entro i primi tre mesi del prossimo anno, accompagnata da un listino che parte da 160mila euro.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici