BMW X3, la regina è tornata

| Piace, è sempre piaciuta, e visti i lusinghieri apprezzamenti dei mercati a Monaco di Baviera l'hanno voluta premiare dandole tecnologie e soluzioni nuove, ma soprattutto un feeling con la strada che farà scuola

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Il 2003 si era chiuso male per il mercato dell'auto: 10,2% in meno di immatricolazioni rispetto ai dodici mesi precedenti. A remare erano chiamati un po' tutti, costretti anche a ripiegare nei cassetti ambizioni e speranze, per guardare i bilanci che davano il sudore freddo lungo la schiena.

Erano gli anni dei Suv, acronimo di Sport Utilty Vehicle, nuovo segmento ma soprattutto speranza concreta di riportare nei concessionari la gente, che sembrava avercela a morte con l'auto.

A stupire, per tempismo e coraggio, era arrivata BMW, granitico marchio tedesco capace di calcoli difficilmente sbagliati, che con una convizione ammirevole lancia la X3, sorellina un po' in scala ridotta della X5, per l'occasione definita la prima "SAV" della storia, dove la "A" che sostituisce la "U" di Utility significa "Activity". Una dedica aperta a sportivi, famiglie e amanti di un lusso che non disegna neanche finire la domenica passando su uno sterrato.

Come sia andata lo dicono le cifre: 1,5 di esemplari venduti in quindici anni e due generazioni, 92.000 solo in Italia.

La terza generazione

Non cambia la filosofia del look - deciso, sportivo e dinamico - e neanche le proporzioni che l'hanno resa un successo: sbalzi ridotti e perfetta ripartizione dei pesi tra gli assi, come si usa fra chi il fuoristrada ama farlo davvero. Grande risalto per il doppio rene anteriore, sempre più delineato e tridimensionale, con lo "sguardo" accentuato dai fendinebbia esagonali. Dietro dominano lo spoiler al tetto e il doppio terminale di scarico.

Tre gli allestimenti (xLine, M Sport e Luxury Line), arricchibili a piacere attingendo nella consueta lista infinita di optional che rende possibile crearsi la propria versione "tailor made", unica e irripetibile, almeno per calcoli statistici di probabilità. Tra i più evidenti il clima automatico trizona, il pack Ambient Air, sedili con aerazione attiva, sistema cargo posteriore, tetto panoramico in vetro e sistema di riscaldamento da fermo, quest'ultimo abbinato alla "BMW Display Key" che chiude e apre l'auto via radio e permette di visualizzare lo stato di salute dell'intera vettura.

Tenicamente, gli specialisti di Monaco di Baviera hanno lavorato puntando ad un sostanziale miglioramento dell'assetto attraverso la dinamica e la sensibilità dello sterzo. Ad aiutare sono anche i sistemi come l'assetto M Sport, il Dynamic Damping Control, l'impianto frenante sportivo e il "BMW Co-Pilot", sistema che raggruppa l'Active Cruise Control, l'assistente di sterzata Driving Assistant Plus, il Lane Change Assistant e il Lane Assist con sistema anticollisione laterale.

Uno sguardo alla scuderia

Due diesel e tre benzina, come "entrée": iniziando dall'alto merita una sosta l'M40i da 360 CV, seguito dal 3.0i xDrive da 252 e dal 20i da 184. Per i diesel ilxDrive20d da 190 CV e xDrive30d da 265. Tutti, indistintamente, abbinati alla nuova generazione di cambio automatico Steptronic a otto rapporti e alla trazione integrale xDrive.

Arriverà nei concessionari a novembre, dopo la passerella del Salone di Francoforte, con prezzi che vanno da 49.900 a 71.800 euro per la versione top di gamma.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici