Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame

| La sportiva stradale americana più potente della storia, erede di una dinastia iniziata nel lontano 1953 e oggi diventata un mostro da 340 km/h di velocità massima

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Dove pensano di guidarla, quelli che la sognano, non si sa: in America bastano 20 miglia all’ora in più per rischiare l’arresto. In Europa non si arriva a tanto, ma fra multe e punti che saltano la sfiga sa perfettamente che strade prendere.

Eppure le auto servono proprio a questo: sognare ad occhi aperti di viaggiare verso l’orizzonte, senza verbali sul sedile a fianco. Esattamente quel che sta succedendo a Detroit, stand Chevrolet, dove da giorni bisogna fare una coda ordinata, prima di posare gli occhi sull’ultima nata del marchio del farfallino: la Corvette ZR1 model year 2019.

Dalla sua, la Corvette ha la storia: nasce nel 1953 su idea del designer Harley Earl, che convince la GM sulla bontà di una sportiva da trasformare in leggenda, a dio piacendo. Il prototipo lo svelano lo stesso anno al “Motorama Show” di New York: per i tempi è un concentrato di innovazione, con due posti secchi, carrozzeria in fibra di vetro e la meccanica, al contrario, pescata dalla banca d’organi Chevrolet. Sotto al cofano un mostruoso 4,6 litri con sei cilindri in linea normalmente utilizzato sui veicoli commerciali ed un cambio automatico con due sole marce, più retro. Fuori, una linea così aggressiva da mettere paura ai bambini.

Negli Settanta arriva il package “ZR1”, destinato a fare storia a sé. L’intenzione del marchio, sferrare un attacco alle prime della classe, da Ferrari a Porsche, sfidandole a colpi di modelli sempre più estremi.

Se tutto questo non fosse diventato un successo, non saremmo qui parlare della nuova Corvette, versione anno di grazia 2019: non una vera novità assoluta, visto che si è già mostrata a Dubai prima e Los Angeles dopo, ma a certe cose non ci si abitua mai.

La Corvette 2019 è una sessantacinquenne in splendida forma, con linee mozzafiato affinate nelle gallerie del vento e nessuna soluzione di comodo: paraurti mordi-asfalto con prese d’aria in evidenza, necessarie per raffreddare i 13 radiatori, muscoli che guizzano ovunque, splitter posteriore in carbonio, appendici laterali. Chi ancora teme di passare inosservato, trova a catalogo il “Sebring Orange Design Package” - per celebrare i successi nell’omonima competizione endurance - con carrozzeria, pinze freno, dettagli, cinture e impunture dei sedili in tinta arancio evidenziatore.

Se le parole non bastano, quel che manca lo spiegano i numeri: V8 turbo a benzina con doppio sistema di alimentazione (diretta e indiretta), 6,2 litri di cilindrata, 755 CV di potenza, 969 Nm di coppia massima, cambio manuale a sette rapporti (o automatico a otto, per la prima volta nella storia), 340 km/h di velocità massima, da 0 a 100 in meno di 3 secondi. Per essere ancora più chiari: nessun’altra Chevrolet, aveva mai osato tanto.

Il telaio è alluminio purissimo e leggerissimo, così tanto da contenere il peso in 1.614 kg, le sospensioni autolivellanti e gli interni un tripudio di nappa e impianti audio prestigiosi. Forse all’appello manca solo il prezzo: 119mila dollari per la versione chiusa, 4.000 in più per la roadster.

Galleria fotografica
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 1
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 2
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 3
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 4
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 5
Chevrolet Corvette ZR1: la bestia ha fame - immagine 6
Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici