Il nuovo attacco coreano

| Pensata e ingegnerizzata per i mercati europei, dove i B-suv sono in crescita esponenziale, Kia Stonic vanta motori downsizing, ottime dotazioni e un look che conquista

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

I grandi brand automobilistici sanno tutto e lo sanno perfino in anticipo: studiano le tendenze dei mercati in modo così profondo e raffinato da poter prevedere cosa e quando andrà. I coreani di Kia, ad esempio, hanno capito che il trend dei suv sta spostando rapidamente il proprio baricentro dal segmento C a quello B, più popolare ma da sempre altamente redditizio. Attualmente, il B-suv mette insieme 1,1 milioni di nuove immatricolazioni ogni anno, più o meno il 7% totale, ma nel giro di appena tre anni potrebbe raddoppiare, raggiungendo la soglia dei due milioni. E se la profezia sarebbe corretta, bisogna arrivarci attrezzati a dovere per tempo.

 

La proposta di Kia si chiama Stonic, dovrà vedersela con compagni di classe come Renault Captur, Fiat 500X, Nissan Juke e Peugeot 2008, che non hanno alcuna intenzione di mollare, ma arriva con gli immancabili atout del marchio coreano: 7 anni e 150 mila km di garanzia.

 

Sviluppata sulla piattaforma della Rio e studiata a cavallo fra Eueopa e Corea, Stonic non faticherà a farsi notare, anche per un look che è il punto d'incontro fra un crossover ed un coupé, forte di linee nette che si alternano ad altre più morbide, esaltate dalla possibilità del bicolore (un vistoso giallo e nero al lancio). La familiarità Kia sta tutta nella griglia "tiger nose".

 

Proposta esclusivamente con trazione anteriore, Stonic ospita motorizzazioni dowsizing, per ridurre peso e non intaccare le prestazioni: per i benzina il tre cilindri 1.0 T-GDI con 120 CV e il quattro cilindri 1.4 Mpi da 100, per i diesel il 1.6 CRDi da 110 CV. A breve si unirà anche il 1.2 MPi da 84 CV per i neopatentati.

 

Sul fronte dell'elettronica, la sicurezza è garantita dalla collaborazione fra l'ESC e il VSM, che si occupano di vigilare sulla stabilità. A bordo sistema di infotainment con Apple CarPlay e Android Auto, radio con schermo da 7", sedili riscaldati e cruise control adattativo.

 

Stonic sarà la protagonista di un lungo tour attraverso le più note località balneari della penisola, con prevendite dal mese di luglio e porte aperte ad ottobre. Prezzi compresi in una forbice fra 16.000 e 22.000 euro.

 

 

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici