La grande compattezza

| Lancio in notturna per la smart electric drive, versione full electric della citycar più amata dai romani. Come sfondo, il panorama irripetibile della Città Eterna

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

C'è un legame speciale fra Roma, la città eterna, e Smart, la citycar sempreverde. È la forza dei numeri a dirlo, con 160.000 immatricolazioni dalla prima generazione ad oggi, uscite da quello che è considerato il primo smart center del mondo. Un successo spinto a forza dai problemi di traffico della capitale, perennemente congestionata, che ai romani non lascia scampo: lo scooter, o la Smart, appunto.

Nasce da qui l'omaggio in notturna che il marchio tedesco di proprietà del gruppo Daimler AG ha scelto di decretare all'amore duraturo e felice fra Roma e la piccola citycar che sta dovunque. Una riconoscenza che più volte si è trasformata in eventi a cui il marchio di Böblingen ha abbinato la propria immagine: la Maratona, i Mondiali di beach volley e l'Outdoor Urban Art Festival. E non a caso proprio a Roma, nel 2008, è partito il progetto di mobilità a emissioni zero "e-mobility Italy".

Nel "core" de Roma

Un tour notturno, ovvero due "electric night" pensate per riscoprire gli angoli più suggestivi - e inaccessibili alle auto non elettriche - della città eterna, una sorta di omaggio che incarna perfettamente lo stile de "La Grande Bellezza", il film di Paolo Sorrentino vincitore di un premio Oscar. È questo lo scenario scelto per la premiére del lancio della "smart electric drive", la quarta generazione che porta in dote le emissioni zero. A muoverla è un propulsore da 60 kW (81 CV al cambio attuale), che assicura un'autonomia di 160 km e una spinta iniziale di 160 Nm. Per Roma, basta e avanza.

Dai dati ufficiali, la smart electric drive permette un risparmio annuale che può arrivare a 3.000 euro, comprensivo di bollo (è esentata per cinque anni), manutenzione ordinaria ridotta al minimo, e parcheggio, visto che non paga sulle strisce blu e può circolare senza problemi nelle zone a traffico limitato.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici