McLaren 720 MSO Bespoke: parola di Bruce

| Una frase dello sfortunato pilota creatore della scuderia e del marchio che portano il suo nome, è incisa sulla carrozzeria di un pezzo unico, esposto a Dubai ma pronto per finire nel garage di un collezionista

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

"Life is measured in achievement, not in years alone": la vita si misura dai successi, non soltanto dagli anni. È una delle frasi più conosciute di Bruce McLaren, il pilota di origini neozelandesi fondatore del marchio che oggi ha trasformato il suo cognome nel sinonimo di straordinarie supercar.

Ed è proprio quella frase, uno dei simboli più esclusivi della "720 MSO Bespoke", una one-off presentata al Salone di Dubai (in programma dal 14 al 18 novembre), realizzata sulla 720S.

Distinguerla non sarà difficile, anche se vederla non è scontato, visto che si tratta dell'ordine preciso e dettagliato di un fortunato collezionista, a cui la "McLaren Special Operations" ha lavorato parecchio. Nel conto finale, il cui ammontare non è stato dichiarato, sono finite anche le 120 ore necessarie per l'infinità di dettagli inseriti sui fogli dell'ordine: livrea in Zenith Black satinato e doratura a pioggia su cerchi in lega e copertura del motore, dove l'oro non è semplice vernice ma una calotta a 24 carati. Alcantara, pelle nera, fibra di carbonio e finiture in oro si dividono gli interni. L'allestimento è il "Performance", con paraurti abbinati a splitter, aerobridge, estrattore, tetto e finiture del vano motore con fibra di carbonio a vista.

Invariata la parte meccanica della 720S, equipaggiata a sufficienza dal 4 litri biturbo con 720 CV che assicura 341 km/h e un'accelerazione 0-100 in 2,9 secondi. Sull'ala posteriore, per finire, la skyline di Dubai.

La leggenda Bruce

Nativo di Auckland, Nuova Zelanda, classe 1937, Bruce Leslie McLaren cresce dividendosi fra l'officina e la stazione di servizio della sua famiglia. Superata una malattia ossea degenerativa, a soli 15 anni partecipa alla sua prima gara automobilistica a bordo di una Austin 7 Ulster: due anni dopo affronta i circuiti, arrivando secondo nel campionato neozelandese 1957-58.

Del suo talento si accorge Jack Braham, ma per Bruce è ora di affinare la tecnica: in Europa lo aspetta l'inferno del Nürburgring, dove a quei tempi F1 ed F2 partivano insieme. McLaren in pista è un diavolo: primo nella F2 e quinto assoluto, dopo aver fatto penare i migliori piloti del mondo.

La sua carriera decolla al fianco di Braham, ma Bruce dimostra un grande talento anche sulla meccanica: dopo un paio d'anni di rodaggio, le sue McLaren non conoscono rivale nella "CanAm" statunitense del 1969.

L'anno dopo, il 2 giugno del 1970, sul circuito inglese di Goodwood, Bruce McLaren esce di strada durante alcuni test in pista della nuova M8D. Muore sul colpo: aveva soltanto 33 anni.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici