Ready to fly

| Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo: la nuova creatura destinata a portare sulle piste di tutto il mondo il glorioso toro di Sant'Agata Bolognese

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Nell'agosto del 2014, sotto il sole californiano della Monterey car Week, iniziava la corsa della Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO: un mostro su ruote coniugato in 150 esemplari che da allora infiammano i campionanti continentali europei, americani, asiatici e mediorientali.

Ma quello delle competizioni è un mondo che va veloce - in tutti i sensi - abituato di continuo ad alzare l'asticella di sicurezza e prestazioni. Neanche quattro anni dopo, Lamborghini ha svelato i contorni della nuova "creatura suprema" assetata d'asfalto e bandiere a scacchi: la Huracán Super Trofeo EVO.

Una mossa necessaria per garantire alla prossima principessa dei trofei monomarca, dei campionati GT Cup e delle gare endurance un 2018 degno di essere incorniciato. Anche perché a certi livelli di ionosfera corsaiola, quattro anni, e neanche tutti, sono un tempo limite per rileggere totalmente l'aerodinamica utilizzando materiali sempre più leggeri, inserire nuovi sistemi di sicurezza e trasferire sottopelle le sofisticate novità elettroniche e meccaniche del marchio di Sant'Agata Bolognese. Oltre al grintoso "Grigio Titan", la livrea della nuova Huracán Super Trofeo EVO mostra orgogliosamente la nascita di una partnership con la maison di alta orologeria "Roger Dubuis".

Alta ingegneria

Un capolavoro d'ingegneria che nasce intorno ad un body kit inedito in fibra di carbonio realizzato dal reparto "Motorsport Lamborghini" con la collaborazione della "Dallara Engineering", che per salvaguardare la deportanza dal passato ha scelto di mantenere solo il fondo piatto, lo splitter anteriore e il diffusore posteriore. Si ispirano invece alle monoposto di F1 la nuova pinna longitudinale sul posteriore e la presa d'aria superiore. Insomma, un raffinato lavoro di tagli e calcoli applicati al coefficiente di penetrazione che testato sul circuito di Monza ha dato come risultato 1,5 secondi in meno a giro rispetto alla Huracán versione 2014. Non male, pensando che sotto al cofano è stata rinnovata la fiducia al V10 aspirato da 5,2 litri che sa come mettere alla frusta i 620 CV. Il cambio è il sequenziale a rapporti X-Trac, mentre il prezzo è fissato a 235.000 euro, tasse escluse. Per i tappetini bisogna trattare.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici