Tanti auguri "Cinquino"!

| Sessant'anni di storia e d'amore per la piccola creatura su ruote firmata da Dante Giacosa. Per festeggiare come si deve l'auto che ha cambiato la vita agli italiani, un maxiraduno ed una nostalgica versione in edizione limitata

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Il 6 luglio 1957, Paul McCartney e John Lennon si incontrano per la prima volta all'uscita di una chiesa di Liverpool: non sanno ancora, neanche loro, che quel giorno cambierà per sempre la storia della musica. Si stanno scrivendo i primi capitoli di un'altra storia anche a Torino, qualche migliaio di km più in giù, dove la Fiat presenta la "500". Sul progetto ha perso le notti Dante Giacosa, cuneese di Neive e padre di tutti i futuri designer italiani. È a lui, che nel 1935 Vittorio Valletta aveva chiesto "l'auto per tutti", allora una sorta di mantra per i regimi. Giacosa aveva risposto con la "Topolino", e dopo vent'anni gli toccava rimettere mano al progetto pensando a qualcosa di più moderno. Nel 1957, la 500 diventa davvero l'auto per tutti: è lunga meno di tre metri, ha una linea simpatica ed è essenziale, ma ha un solo, piccolo neo: costa 490 mila lire. Non poco, considerando che allora uno stipendio medio non supera le 40.000 lire.

Ma quello è un anno di cambiamenti veri: la cagnetta Laika è appena volata alla conquista dello spazio, e in televisione - per chi ce l'ha - non si perde "Il Musichiere", "Carosello" e "Lascia o Raddoppia". La 500, malgrado le aspettative, non decolla: passano pochi mesi e dagli stabilimenti di Mirafiori annunciano due nuove versioni, la "Normale" e la "Economica", lanciate rivedendo al ribasso i prezzi e con l'aggiunta della panchetta posteriore che porta i posti a quattro. È quanto basta agli italiani per trasformare la 500 in ciò che la Ford T è stata per gli americani: l'auto che ha messo le ruote ad un popolo intero.

Dai primi passi alla leggenda

È l'inizio di un successo clamoroso, forse il più grande dell'intera storia Fiat, perpetrato nel tempo come è accaduto a pochissimi altri modelli, tutti entrati nel ristretto elenco delle leggende su ruote. Di seguito arrivano la "Sport", una versione "spinta", con 21 CV e 105 km/h di velocità massima, seguita dalla "500D" e la "500F", che nel 1965 cambia verso alle portiere controvento.

Ma soprattutto, la 500 entra nella storia sociale d'Italia: è lei ad accompagnare l'ultimo "boom" economico che questo paese ricordi, e sempre lei a convincere gli italiani che almeno una volta all'anno, per riposarsi un po', è giusto fare le "vacanze".

L'ultima versione di quella generazione vede la luce nel 1972 con la "R", anche se esce affiancata dalla "126" che sulla carta dovrebbe raccoglierne le fortune dal 1975, anno della definitiva uscita di produzione, dopo 3,9 milioni di esemplari. Non va così: la 500, e solo lei, resterà un mito per milioni di persone.

Le celebrazioni

Da quei giorni sono passati esattamente 60 anni, e martedì 4 luglio il marchio Fiat, diventato FCA dopo la fusione con Chrysler, darà il via alle celebrazioni per le sessanta candeline, destinate a raggiungere il clou con un maxiraduno previsto a Garlenda, nell'entroterra di Albenga, nel week end fra il 7 e l'8 luglio. Un appuntamento che si annuncia memorabile, organizzato dal "Fiat 500 Club Italia" a cui hanno risposto migliaia di appassionati, in arrivo da 15 paesi diversi.

E ci sarà anche una torta, di dimensioni adeguate al numero di invitati, per festeggiare i 60 anni della "superutilitaria" che di super aveva poco, ma piaceva tanto proprio per quello.

Le "500 Anniversario"

Non è solo una versione speciale in edizione limitata e in versione berlina o cabrio, ma un vero tuffo nostalgico nell'epopea della "Dolce Vita", quello che si nasconde dietro alla "500 Anniversario", lanciata da Fiat per celebrare il compleanno della piccola utilitaria più amata di sempre.

Due le tinte, "Arancio Sicilia" e "Verde Riviera", accompagnate da cromature d'antan sul cofano e calotte dei retrovisori cromate, oltre agli storici loghi Fiat e cerchi da 16" vintage o ispirati alle ruote a raggi. Per l'abitacolo, sedili in tessuto a righe orizzontali in perfetto stile "sixties" con logo ricamato. Gamma motori a benzina, GPL e gasolio, con potenze comprese fra 69 e 95 CV.

Ma la nostalgia non toglie nulla alle dotazioni tecnologiche: fra gli optional il pacchetto UconncetTM Link Plus con quadro strumenti digitale, radio Uconnect HD Live, predisposizione Apple Car Play e Android AutoTM, navigatore integrato TomTom.

La 500 Anniversario, disponibile esattamente da martedì 4 luglio, data della presentazione ufficiale di sessant'anni prima, arriva nei concessionari a 13.600 euro. Non poco, considerando (ancora una volta) gli stipendi di oggi, ma quanto basta per celebrare un amore che poche altre auto possono dire di aver vissuto.

Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici