Carta canta

| Là dove finisce il menù "à la carte" arriva il "Carton King", un ristorante di Taiwan, fatto di cartone. Tutto bello, sano e lodevole, tranne per i prezzi

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Pare che Huang Fang-liang sia un tipino pieno di estro, fantasia e voglia di rischiare. Un imprenditore, titolare e ideatore di un'idea che ormai è entrata a tutti gli effetti nell'elenco delle attrazioni di Taiwan: il "Carton Restaurant", un ristorante dove tutto, a parte pareti, personale e cibo, è figlio diretto della cellulosa. Huang Fang-liang, per i pochissimi che ancora non lo conoscono, in patria è una mezza celebrità: dopo il diploma a Taichung County entra nel mondo della carta lavorando per alcune aziende. Nel 1984 sceglie di mettersi in proprio, dando il via alla "PaperWare", una start-up che parte da un cartone da imballaggio rivoluzionario e poco dopo si lascia prendere la mano creando un campionario completo di cose in carta e cartone che oggi ha in catalogo più di 2000 oggetti diversi e qualcosa come 100 brevetti.

È sempre lui, Huang Fang-liang, a dare il via qualche tempo dopo alla sua creatura più famosa, il "Carton King Park", un'area dedicata al riciclo trasformata in sorta di parco di divertimenti con finalità socio-educative, a cui poco dopo si è aggiunto quello che al momento è l'unico ristorante al mondo a poter vantare lo scettro di totale eco-compatibilità. A pensarci, il ristorante - in un parco interamente dedicato alla carta - non poteva essere diverso da così, ma vale la pena comunque parlarne, perché unificare tutto ciò che è necessario in un locale attraverso il cartone non è roba da poco, per ricerca e investimenti.

Tutta carta, dall'inizio alla fine

Sì, perché quando si dice che lì dentro tutto è di carta, lo è davvero: tavoli, sedie, porta tovaglioli, armadi, lampade, soprammobili, paraventi, caminetto, attrezzature per cucina, piatti e bicchieri sono realizzati in materiale riciclabile, trattato in modo da essere impermeabile, resistente e durevole, ma più che altro felicemente destinato al macero una volta assolto il proprio compito. E fugati del tutto anche i timori di chi temeva rovinose cadute per via della carta, notoriamente non proprio uno dei materiali più resistenti su cui adagiarsi: la robustezza di tavoli e sedie, usati fino al deterioramento e poi sostituiti, è a prova di lottatore di Sumo. A testare il tutto è stato lo chef, un marcantonio da cento kg e oltre, che per dimostrare la tesi si è fatto filmare e fotografare mentre assaggiava i suoi piatti seduto su una sedia di cartone, e subito dopo ospitando sulle ginocchia uno dei suoi aiuti, altrettanto in carne. Ma non è stato questo, il gesto che più ha colpito l'opinione pubblica, quanto piuttosto le scene in cui si vede lo chef mettere sul fuoco un pentolone di cartone che contiene una zuppa fumante, e per di più senza mandare in cenere l'intero locale e l'annesso parco. Si tratta, è stato svelato poco dopo, di un materiale cartaceo particolare che può resistere alle alte temperature e può essere utilizzato un massimo di tre volte, prima di esaurire le proprietà ignifughe.

L'unica pecca del "Carton Restaurant"? Il conto: pare che fra il bello e meraviglioso che si spreca nei commenti sui social, emerga qualche pecca sulla qualità del cibo e soprattutto sui costi finali, giudicati un po' pretenziosi. A proposito: fumare è ovviamente vietatissimo, ma si accettano molto volentieri altre carte, quelle di credito.

Ristoranti
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Chiude il naked restaurant di Parigi
Chiude il naked restaurant di Parigi
Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef
Vado di fretta, solo un po' di tartufo
Vado di fretta, solo un po
Quando la realtà supera la fantasia, può succedere che nasca il primo fast food al mondo dedicato al tubero più prezioso. Con prezzi da pranzo veloce e sapori da ristorante stellato
E per pranzo, un Lego-burger
E per pranzo, un Lego-burger
Nelle Filippine, un fast food propone panini realizzati come i celebri mattoncini che hanno accompagnato l'infanzia di intere generazioni
La crisi profonda delle stelle Michelin
La crisi profonda delle stelle Michelin
La fama della celebre guida Michelin, bibbia della ristorazione mondiale, sembra vacillare: tanti gli chef che pur di ottenere una stella si sono rovinati e molti quelli morti suicidi. Oggi, sono sempre di più quelli che dicono no, grazie
London Fried Club
London Fried Club
Secondo i veri londinesi, il "Fish Central" è uno dei pochi posti rimasti a proporre l'autentica ricetta del più tipico piatto locale
Nudi alla mensa
Nudi alla mensa
Per la verità non è esattamente una mensa, ma un ristorante così particolare da essere sommerso dalle prenotazioni. Il motivo? Prima di entrare bisogna spogliarsi