NanÓ: i sapori della nonna on delivery

| Nasce "NanÓ Chef Away", un sito e una app da cui ordinare le specialitÓ di alcune delle migliori gastronomie torinesi: perchÚ l'appetito vien navigando (in rete)

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Se i giovani non vanno alla gastronomia, sarà la gastronomia ad andare dai giovani. Detto così, sembra lo sgraziato adattamento di un celebre detto proverbiale, ma in concreto è realmente ciò che si nasconde dietro al progetto "Nanà Chef Away", presentato questa mattina presso la sede dell'Ascom Torinese.

Un'idea che parte dall'antica tradizione delle gastronomie torinesi, botteghe a volte minuscole in cui da sempre basta entrare per scoprire universi interi fatti di specialità di ogni tipo, pronte da mettere in tavola. Una tradizione radicata, ma che inevitabilmente ha finito per scontrarsi con il mondo 3.0, fatto di velocità supersoniche che tolgono il piacere della spesa per lasciare il posto alla rete, croce e delizia delle nuove generazioni. Nel caso specifico, l'avvento prepotente del fenomeno "food delivery", la consegna a domicilio di qualsiasi cosa desideri la gola, da scegliere sullo schermo di uno smartphone e vedersi recapitare all'ora e nel giorno preferito. Un trend che ha letteralmente spiazzato una categoria artigianale come le gastronomie, più tarate per la dimensione del quartiere e abituate ad accontentare le signore che allungavano il giro dopo il mercato. Take away antesignani che hanno resistito fino a rendersi conto che quella clientela, per quanto affezionata, non bastava più a far quadrare i conti.

"Nanà, Chef Away" vuol essere proprio la risposta a tutto questo: il punto d'incontro fra un presente che si misura in byte e la tradizione dell'insalata russa e il vitello tonnato fatti come faceva la nonna. Per la prima volta, nel carrello virtuale di www.nanachefaway.it non finiscono piatti di ristoranti, ma porzioni di specialità preparate da una dozzina, per adesso, delle più celebri e blasonate gastronomie torinesi, selezionate con grande cura dopo una lunga fase di ricerca. Dalla "Gastronomia Rosada" di via Magenta, al "Pastificio Ferri" di corso Giulio Cesare, da "Scaiola", nel cuore della Crocetta, alla macelleria "Brezzo e Colombano", la Coalvi più antica d'Italia. E ancora "Grani di Pepe" di Orbassano, il "Pastificio Sapori" di via Mazzini e la loro gastronomia, in via San Tommaso, "Ferrero", in via Bertola, "Desiderio" di via Vanchiglia, "Pasta e Pasticci", maestri del gusto di Druento e la "Biobottega" di corso Vittorio Emanuele.

Ristoranti
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida pi¨ celebre del mondo. NovitÓ, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef
Vado di fretta, solo un po' di tartufo
Vado di fretta, solo un po
Quando la realtÓ supera la fantasia, pu˛ succedere che nasca il primo fast food al mondo dedicato al tubero pi¨ prezioso. Con prezzi da pranzo veloce e sapori da ristorante stellato
E per pranzo, un Lego-burger
E per pranzo, un Lego-burger
Nelle Filippine, un fast food propone panini realizzati come i celebri mattoncini che hanno accompagnato l'infanzia di intere generazioni
La crisi profonda delle stelle Michelin
La crisi profonda delle stelle Michelin
La fama della celebre guida Michelin, bibbia della ristorazione mondiale, sembra vacillare: tanti gli chef che pur di ottenere una stella si sono rovinati e molti quelli morti suicidi. Oggi, sono sempre di pi¨ quelli che dicono no, grazie
London Fried Club
London Fried Club
Secondo i veri londinesi, il "Fish Central" Ŕ uno dei pochi posti rimasti a proporre l'autentica ricetta del pi¨ tipico piatto locale
Nudi alla mensa
Nudi alla mensa
Per la veritÓ non Ŕ esattamente una mensa, ma un ristorante cosý particolare da essere sommerso dalle prenotazioni. Il motivo? Prima di entrare bisogna spogliarsi
Il ristorante pi¨ esclusivo del pianeta
Il ristorante pi¨ esclusivo del pianeta
Le prenotazioni riapriranno nel 2025, dopo essere state chiuse tre anni fa: l'incredibile storia di un locale nato nel seminterrato della casa di uno chef di enorme talento
Rock and charity: Soul Kitchen, il ristorante senza conto di Bon Jovi
Rock and charity: Soul Kitchen,
il ristorante senza conto di Bon Jovi
Il frontman dell'omonima rock band americana, da sempre in prima fila per aiutare chi ha bisogno, ha aperto un locale dove l'imperativo Ŕ dare da mangiare, non guadagnarci
The Grill, la nuova meta della New York che conta
The Grill, la nuova meta
della New York che conta
Sulle ceneri del ristorante del Four Season, chiuso un anno fa, Ŕ nato un locale affidato a due giovani e talentuosi chef italo-americani
Il mouse-restaurant di Malm÷
Il mouse-restaurant di Malm÷
Un negozio di primizie ed un bistrot a misura di topolini: un'opera di street art piacevole, ma difficile da visitare