Salone del Libro, la carica dei (primi) sessantamila

| Dopo i timori della fuga degli editori verso le luci milanesi, al Lingotto ha preso il via l'edizione numero Trenta. Sarà ricordata per i record

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Sara ha 16 anni, sua nonna Matilde 82. Sono fra le prime persone a varcare i cancelli del "Salone Internazionale del Libro" di Torino 2017: "Ormai è una piccola tradizione di famiglia: veniamo noi due da sempre, la prima mattina di apertura". Benvenuti al Lingotto, dove un tempo si oliavano i pistoni delle Fiat e da oggi - per cinque giorni - ci si ammanta di carta stampata. Un'edizione da incorniciare, e non tanto per le trenta candeline - roba comunque da applauso, visto che si parla di libri - ma perché suona come una rivincita del "sistema Torino", forse la prima, per una volta capace di non cedere all'avanzata dei milanesi, maestri dei lustrini ma forse a conti fatti meno attirati da quella piccola, pazza cosa chiamata cultura. Sara e Matilde, senza saperlo, sono un po' il succo del Salone del Libro appena iniziato, uno degli appuntamenti che Torino aspetta con più ansia, tutto l'anno, da trent'anni a questa parte, in un punto e croce unico che unisce la stoffa di cui sono fatte le generazioni: quelli avanti negli anni, che alle pagine da sfogliare non sanno rinunciare, e la "selfie generation", che in genere, se proprio deve leggere, preferisce uno schermo antiriflesso.

A chi invece piacciono i numeri eccoli, uno dopo l'altro: 496 espositori, 1.200 case editrici, 12 spazi ragionali e 1.379 eventi a spartirsi gli 11mila mq dei padiglioni del Lingotto Fiere. E visto che chi ben comincia eccetera, allora valgono oro i 56.000 tagliandi venduti fra online e biglietterie, prese d'assalto di buon mattino dal paziente popolo del libro, in code ordinate e composte malgrado il caldo e i controlli di sicurezza.

GLI OSPITI

Emozione & soddisfazione al taglio del nastro per Chiara Appendino, sindaco (sindaca) della città con tanto di assessore (assessora, a questo punto) alla cultura, Francesca Leon. Soddisfazione & sollievo, sbirciando le code alle biglietterie, per Nicola Lagioia, neo direttore editoriale, sorrisi & strette di mano invece per Piero Grasso, presidente del Senato, sbarcato a Torino insieme a Dario Franceschini e Valeria Fedeli, lui ministro dei beni e delle attività culturali, lei all'istruzione.

Ma un Salone "monstre", come questo, si nutre anche di nomi: dal blindatissimo faccia a faccia fra Maria De Filippi e Luciana Littizzetto (vietato a telecamere e macchine fotografiche), a "Demos, democrazia e popolo", la lectio magistralis di Massimo Cacciari, affollata almeno quanto quella delle due dive della tivù. Quindi Claudia Rankine, la poetessa americana di origini giamaicane autrice di "Citizen", ovvero pillole di ordinario razzismo ordinato in prose liriche, Bruce Sterling, autore di fantascienza statunitense naturalizzato a Torino, e Juan Manuele Soladinde Lozano, sacerdote messicano candidato al Nobel per la Pace per le battaglie contro il traffico dei migranti in Sudamerica.

Salone del Libro
Polizia, i segreti per risolvere i casi più intricati
Polizia, i segreti per risolvere i casi più intricati
Le ultime tecniche di indagine, bilancio della 16a partecipazione al Salone del Libro
Scrittori (buoni) da salvare, rischiano l'estinzione
Scrittori (buoni) da salvare, rischiano l
Da 15 anni, "Adotta uno scrittore" ha permesso di salvare da estinzione sicura più di 314 professionisti della saggistica e della narrativa
Dedicato a chi vive, respira e racconta l'arte
Dedicato a chi vive, respira e racconta l
"L'arte racchiusa in un libro": una finestra sulle figure poco conosciute di autori per mestiere e passione, ma ancor di più farla arrivare ovunque sia possibile
Giornalisti embedded, vita dura per uno scoop
Giornalisti embedded, vita dura per uno scoop
Marco Alpozzi, torinese, giovanissimo, è un fotoreporter che ha già portato la propria macchina fotografica su scenari di guerra difficili e pericolosi
100SESSANTA5MILA746
100SESSANTA5MILA746
Numeri impressionanti, con una crescita che rappresenta la vera scommessa del Salone torinese, guidato da Massimo Bray e diretto da Nicola Lagioia
JFK, cosa resta? A confronto con Trump
JFK, cosa resta? A confronto con Trump
Caretto e Colombo, illustri americanisti alle prese con il declino o la rinascita dell'Impero Usa
Salone dei veleni, se le parole contano davvero
Salone dei veleni, se le parole contano davvero
Contestato Minniti da due autonomi dello Spazio Neruda, De Bortoli insiste con la Boschi, Travaglio & Davigo spiegano le loro verità su Consip e altro. Il Salone dei
Niente Ikea, meglio il Salone milanesi (forse) già pentiti
Niente Ikea, meglio il Salone
milanesi (forse) già pentiti
In bilico tra il sesto scudetto della Juventus e una giornata trascorsa tra stand e conferenze
Storie di giovani coraggiosi
Storie di giovani coraggiosi
Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Graziano, ha approfittato della presenza dell'Esercito Italiano al Salone del Libro per presentare due volumi appena pubblicati: la storia per immagini dei Corpi Speciali italiani e quella di un giova
Tav, racconti di confine tra Francia e Italia
Tav, racconti di confine tra Francia e Italia
Salone 2017 Due scrittori, Ernesto Ferrero e Jacques Bruyas, hanno selezionato un'antologia di dieci libri