Tav, racconti di confine tra Francia e Italia

| Salone 2017 Due scrittori, Ernesto Ferrero e Jacques Bruyas, hanno selezionato un'antologia di dieci libri

+ Miei preferiti
 Un viaggio letterario lungo i binari della nuova linea ferroviaria Torino-Lione  attraverso lo sguardo di autori moderni e contemporanei sui territori di confine tra Italia e Francia. E' il tema dell'incontro "Torino-Lione: un viaggio in dieci libri", organizzato oggi da TELT - Tunnel Euralpin Lyon Turin – al 30° Salone Internazionale del Libro. 

Uno scrittore italiano, Ernesto Ferrero, e uno francese, Jacques Bruyas, hanno proposto al viaggiatore un'antologia di testi che offrono una mappatura suggestiva delle terre al di qua e al di là delle Alpi. La letteratura come compagna di viaggio, occasione per misurare somiglianze e peculiarità, invito a superare il confine.

Dal Po al Rodano e ritorno, dieci libri per un percorso di conoscenza e scoperta: di paesi, culture, uomini, storie di ieri e di oggi. Dieci autori ci accompagnano all'altro versante delle cose, svelando la dimensione ignota di realtà che credevamo di conoscere. La montagna e i suoi simboli, le valli in cui si sono scontrati gli eserciti ma hanno preso vita nuove culture, la pianura e le sue città, il rapporto tra natura e artificio, immagini e linguaggi, tradizione e presente. La storia degli uomini che si fa narrazione e nutre il futuro. 

"Come spiega bene l'etimo latino – ha sottolineato Ernesto Ferrero - la parola ‘confine' mette in relazione due finitudini, due fines, per comprenderle in una nuova entità, più ricca e inclusiva. Dunque suggerisce un'idea di apertura, d'incontro, dialogo, approfondimento".

 

"La futura via ferroviaria Torino-Lione – ha ricordato Jacques Bruyasè una promessa di scambi fruttuosi tra due Paesi e due Regioni prospere dell'Europa, ma è anche la rinascita delle antiche vie delle arti, della seta e delle letterature straniere, come le parole malinconiche degli autori che lasciano immaginare le aspirazioni dei loro illustri antenati letterari".

"Una grande infrastruttura di carattere internazionale – ha detto Mario Virano, direttore generale di TELT - non è solo una questione trasportistica limitata alle regioni che attraversa, ma ha un carattere più ampio che riguarda anche l'esperienza individuale dei viaggiatori del futuro, le società e le culture dei cittadini d'Europa che con la Torino-Lione saranno ancora più vicini gli uni agli altri". Virano ha poi concluso: "Chi si occupa di infrastrutture  è portato a pensare che i problemi siano tecnici, economici e politici, ma abbiamo anche bisogno di avere dei 'rabdomanti' del cuore, del sentimento e della mente. Questo possono farlo solo gli artisti ed è importante lavorare anche con loro".

Durante l'incontro due allievi della scuola del Teatro Stabile di Torino, Ilaria Matilde Vigna e Pierpaolo Preziuso, hanno letto al pubblico di futuri viaggiatori pagine di Primo Levi, Guido Gozzano, Mario Soldati, Alessandro Perissinotto e Giorgio Calcagno per l'Italia; Stendhal, Madame de Staël, Honoré d'Urfé, Jean Giono e Marc Lambron per la Francia.

 

 

 

Salone del Libro
Polizia, i segreti per risolvere i casi più intricati
Polizia, i segreti per risolvere i casi più intricati
Le ultime tecniche di indagine, bilancio della 16a partecipazione al Salone del Libro
Scrittori (buoni) da salvare, rischiano l'estinzione
Scrittori (buoni) da salvare, rischiano l
Da 15 anni, "Adotta uno scrittore" ha permesso di salvare da estinzione sicura più di 314 professionisti della saggistica e della narrativa
Dedicato a chi vive, respira e racconta l'arte
Dedicato a chi vive, respira e racconta l
"L'arte racchiusa in un libro": una finestra sulle figure poco conosciute di autori per mestiere e passione, ma ancor di più farla arrivare ovunque sia possibile
Giornalisti embedded, vita dura per uno scoop
Giornalisti embedded, vita dura per uno scoop
Marco Alpozzi, torinese, giovanissimo, è un fotoreporter che ha già portato la propria macchina fotografica su scenari di guerra difficili e pericolosi
100SESSANTA5MILA746
100SESSANTA5MILA746
Numeri impressionanti, con una crescita che rappresenta la vera scommessa del Salone torinese, guidato da Massimo Bray e diretto da Nicola Lagioia
JFK, cosa resta? A confronto con Trump
JFK, cosa resta? A confronto con Trump
Caretto e Colombo, illustri americanisti alle prese con il declino o la rinascita dell'Impero Usa
Salone dei veleni, se le parole contano davvero
Salone dei veleni, se le parole contano davvero
Contestato Minniti da due autonomi dello Spazio Neruda, De Bortoli insiste con la Boschi, Travaglio & Davigo spiegano le loro verità su Consip e altro. Il Salone dei
Niente Ikea, meglio il Salone milanesi (forse) già pentiti
Niente Ikea, meglio il Salone
milanesi (forse) già pentiti
In bilico tra il sesto scudetto della Juventus e una giornata trascorsa tra stand e conferenze
Storie di giovani coraggiosi
Storie di giovani coraggiosi
Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Graziano, ha approfittato della presenza dell'Esercito Italiano al Salone del Libro per presentare due volumi appena pubblicati: la storia per immagini dei Corpi Speciali italiani e quella di un giova
Travaglio e Davigo, scoop e notizie in fuga
Travaglio e Davigo, scoop e notizie in fuga
E De Bortoli racconta i poteri forti (o quasi) che nel libro che ha rischiato di mettere in crisi il governo