Chirurgia 3d, la salvezza dall'endoscopio

| La prima volta in Otorino-Molinette: asportato un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che aveva colpito un bimbo di 11 anni dal naso al cervello

+ Miei preferiti
Intervento da record nel reparto di Otorino-Laringoiatria delle Molinette. E' stato asportato in modo non invasivo con un endoscopio 3D, passando attraverso una narice, un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che colpiva un bimbo di 11 anni dal naso al cervello. Un intervento innovativo e rivoluzionario.  

L'angiofibroma rinofaringeo (AR) è una rara neoplasia che colpisce quasi esclusivamente bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 ed i 21 anni, un tumore molto delicato che  può creare  emorragie anche durante l'intervento di asportazione. Anche se classificata come lesione benigna, l'angiofibroma ha un comportamento invasivo che può anche arrivare alla morte del paziente. Si sviluppa solitamente a livello della fossa nasale e da qui espandersi verso occhi e cervello.
La classificazione della patologia si basa sulle dimensioni: il 
caso che si è presentato al reparto di Otorinolaringoiatria pediatrica (diretta dal dottor Paolo Tavormina) della Città della Salute di Torino è quello di un bambino di 11 anni, affetto da un angiofibroma giovanile in uno stadio estremamente avanzato, che dal naso si estendeva fino all'interno del cervello (stadio IV), con una completa erosione dell'osso che separa il naso dalla base del cranio. 

Il bambino, dopo le procedure necessarie per ridurre al massimo il sanguinamento - effettuata dal Neuroradiologo professor Mauro Bergui - è stato operato da un'equipe combinata di Otorinolaringoiatria universitaria (diretta dal professor Roberto Albera) e di Neurochirurgia universitaria (diretta dal professor Alessandro Ducati). 

Con l'ausilio di un'avanzata strumentazione endoscopia 3D HD e di neuronavigazione TC-RMN guidata, l'équipe multidisciplinare formata dal professor Giancarlo Pecorari e dottoressa Claudia Bartoli (otorinolaringoiatri), dai neurochirurghi dottor Francesco Zenga, dal dottor Paolo Pacca e dall'anestesista dottor Sante Atlante, ha portato a termine con successo l'intervento. Si parla di successo poiché le dimensioni del tumore sono considerate una difficile sfida chirurgica con il solo approccio endoscopico: eppure, per la prima volta, una patologia così complicata è stata affrontata esclusivamente per via endoscopica tridimensionale che ha permesso una più elevata accuratezza e precisione dell'intervento. 

Un'operazione lunga (circa 7 ore), realizzata esclusivamente per via transnasale, con una perdita di sangue molto contenuta. L'asportazione del male è stata completa, non solo nell'enorme porzione del naso ma anche nell'estensione intracranica, dove aveva ormai raggiunto un diametro di circa di 7 cm dal naso al cervello. Il bambino non dovrebbe avere nessun danno estetico, funzionale o neurologico. In più, il decorso post-operatorio è stato rapido: dopo circa 20 giorni il bimbo è stato dimesso e restituito alla sua vita. 

Salute
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
"Noi ustionati, tra amore e discriminazione"
La coraggiosa e commovente storia di Sara, ustionata in modo grave a 15 anni, poi il lento ritorno a una vita normale. Gli atroci commenti della gente di fronte alle cicatrici delle ustioni. E gli angeli in camice bianco
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
Si alza nel cuore della notte per iniziare gli allenamenti: gioca a golf, si sottopone a crioterapia, cena con la famiglia e va a dormire prima che faccia buio. Alla faccia della bella vita delle star
Legionella, 29enne è grave
Legionella, 29enne è grave
Oltre 140 casi in Lombardia, il batterio si nasconde nelle acque. Tra le misure precauzionali, la manutenzione degli impianti idrici casalinghi. Gli esperti
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Courtney, 20 anni, è riuscita a infliggersi delle ferite così profonde al pollice da scatenare una forma aggressiva di tumore. I medici sono stati costretti a intervenire in modo drastico
La donna che non può più piangere
La donna che non può più piangere
50 anni, si sottopone ad un intervento per asportare un tumore al cervello, ma il medico le toglie la ghiandola lacrimale
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Un caso della grave infezione nell'Udinese, una persona in ospedale dopo la puntura di una zanzara. Il Dengue è diffuso in India può generare febbri emorragiche. Ancora in cura i malati di West Nile in Sardegna
La dieta che uccide, pericolo sul web
La dieta che uccide, pericolo sul web
Ancora in vendita on line pillole dimagranti a base di Dnp, un veleno che converte l'energia solo in calore. In Inghilterra condannato per la prima volta un pusher. Storia di una sua vittima, aveva 21 anni
Cellule addestrate per battere i tumori
Cellule addestrate per battere i tumori
Anche in Europa la "Car T", il nuovo ciclo di terapie per battere leucemia e linfoma, sia pediatrici che per adulti. Progetti per estendere i protocolli ad altri tipi di tumore
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Un bimbo di 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex Pharmaceuticals per chiedere all'azienda di abbassare i costi dei farmaci necessari a contrastarla: "Per favore vendetela anche in Inghilterra"
Vorrei la pelle bianca
Vorrei la pelle bianca
In Africa l'uso smodato di creme sbiancanti sta creando nuove patologie, coinvolte migliaia di persone, anche bambini. Una moda pericolosa e incontrollabile, nei farmaci non testati sostanze tossiche