Fumo, il nuovo mal d’Africa

| Dalla Svizzera verde all’Africa nera, miliardi di sigarette dall’elevato contenuto di nicotina, catrame e monossido di carbonio. Secondo i produttori piacciono così, ma il dubbio è che ci sia l’intenzione di aumentare l’assuefazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

In Svizzera tutto è pulito e ordinato. La neve è più bianca che altrove, il cioccolato più buono, gli orologi più esclusivi e precisi, la strade molto più pulite, il senso civico dei cittadini tra i più elevati al mondo e le banche sono sicuramente le più discrete del pianeta. Soprattutto quando si tratta di accogliere valuta straniera, i banchieri elvetici interpretano nel migliore dei modi il vecchio adagio “pecunia non olet” che coniò l’imperatore latino Vespasiano quando tassò le latrine pubbliche. 

Anche le sigarette vendute nei vari cantoni sono tra le più pulite del mondo, almeno quelle destinate ai (sempre meno) fumatori svizzeri. Eh sì, perché sembra proprio che la Svizzera stia asfissiando alcune nazioni dell’Africa con sigarette che non può vendere all’interno dei propri confini per l’alto contenuto di catrame e l’elevato livello di assuefazione che provocano. Ed essendo la Svizzera il quinto esportatore al mondo di bionde, il problema è particolarmente grave.

Ogni anno in Svizzera sono prodotti qualcosa come due miliardi di pacchetti di sigarette, un quarto dei quali venduto sul mercato interno, mentre con il restante 75 per cento destinato all’esportazione circa 4 milioni di persone potrebbero fumare per un anno un pacchetto al giorno. Tra gli acquirenti più fedeli i fumatori del Marocco, che ogni anno acquistano dalla Svizzera quasi 3 mila tonnellate di tabacco, pari a miliardi e miliardi di sigarette. Stesse marche e identico produttore delle “bionde” vendute in Svizzera, peccato che quelle distribuite in Marocco siano più tossiche, creino maggior dipendenza e quindi siano più letali.

Secondo il sito di news economico-finanziarie “Business Insider”, la giornalista d’indagine Marie Maurisse (co-fondatrice della newsletter “Gotham City”, specializzata in diritto penale economico) ha deciso di scoprire se le sigarette svizzere comprate a Casablanca siano diverse da quelle vendute dai tabaccai di Ginevra. E così ha scoperto che - a differenza di quanto previsto dall’Unione Europea - le leggi svizzere permettono la produzione di sigarette più dannose destinate all’esportazione.

Coinvolgendo un team composto da ricercatori dell’Istituto per il Lavoro e la Salute di Losanna e di medici dell’ospedale universitario della stessa città, Maurisse ha fatto analizzare numerosi pacchetti delle stesse marche “made in Swiss”, acquistati in Marocco, Francia e Svizzera. È stata utilizzata la metodologia riconosciuta a livello internazionale per questo genere di analisi, che segue il cosiddetto “standard 10-1-10”, a indicare i massimi livelli di sostanze dannose che ogni sigaretta può contenere: 10 milligrammi di catrame, 1 di nicotina e 10 di monossido di carbonio.

Il risultato ha confermato che le sigarette acquistate in Marocco sono decisamente più dannose per la salute, con valori molto più elevati per ogni sostanza su cui è stato effettuato il test. Sono oltre 16 i mg di catrame nella sigaretta marocchina contro i circa 10 di quelle svizzere e francesi. Ben 1,3 milligrammi di nicotina rispetto a 0,75 mg. E infine - fatto particolarmente grave perché riduce l’ossigeno nel sangue - il monossido di carbonio delle sigarette vendute in Marocco è quasi il doppio (9,6 vs. 5,4 milligrammi) di quelle disponibili in Europa.

I produttori che sono stati contattati hanno replicato affermando che si tratta di scelte motivate dal bisogno di adattamento al gusto dei clienti locali, un po’ come si fa con la pizza o il kebab, che in ogni nazione in cui vengono preparati hanno un sapore diverso.

Marie Maurisse ha invece un’opinione differente, ritenendo che l’alto livello di nicotina faccia aumentare la dipendenza ai fumatori più giovani rendendoli così acquirenti affezionati. Ed è verso un mercato come l’Africa - con oltre un miliardo di abitanti, molti dei quali giovani con poca coscienza della necessità di salvaguardare la propria salute - che i produttori di sigarette stanno guardando per espandere il proprio business.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che l’Africa, con i suoi quasi 80 milioni di fumatori, pari al 6,5 per cento della popolazione, è il terreno più fertile per la vendita delle sigarette: del resto, quasi l’80 per cento dei fumatori nel mondo vive in Paesi a basso reddito. Inoltre, l’OMS ritiene che nel 2025 i fumatori in Africa saranno il 40 per cento in più rispetto al 2010 e che nel giro di una decina d’anni il numero dei morti, correlati al fumo di sigarette, nel continente raddoppierà rispetto a oggi. A fame, inquinamento, HIV ed Ebola ora si aggiunge (come se ce ne fosse bisogno) un concorrente davvero agguerrito.

Salute
Burioni al leghista Fedriga: 'Dovevi vaccinarti!'
Burioni al leghista Fedriga:
Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli è in ospedale con la varicella. Lui è contrario alle vaccinazioni obbligatorie. Il messaggio dello scienziato agli adulti: "Non vaccinarsi è un rischio, non solo per gli altri"
La verdura bio è davvero sana?
La verdura bio è davvero sana?
Prende sempre più piede la coltivazione biologica, da molti vista come la soluzione ai problemi di inquinamento, da altri semplicemente come un metodo meno efficace che non soddisferà i bisogni di cibo della popolazione del pianeta
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
La storia della campionessa di nuoto, la 18enne Rikako Ikee, ha commosso il Giappone. "E' più dura di quanto temevo". La solidarietà e la voglia di combattere. Gare sospese
"Cercasi bimbo/a con orecchioni per ricerca"
"Cercasi bimbo/a con orecchioni per ricerca"
Medico No Vax censurato con durezza dal mondo scientifico e dalla ministra Grillo: "In Italia non ci sono spazi per stregoni che vogliono spaventare le famiglie". Il medico Fabio Franchi aveva lanciato un appello sui social
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
In pochi giorni il grande cuore della rete consentirà al medico di Ancona Lorenzo Farinelli, 34 anni di andare negli Usa per sottoporsi a una nuova terapia contro il cancro. "Se non ce la farò, soldi alla ricerca"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
CANCRO 1/Drammatica denuncia del papà di un ragazzo morto di cancro a 15anni. Nel Sud strutture inadeguate per i malati oncologici. Il post di Luigi su Facebook è diventato virale. "Ora lotterò in tuo nome per gli altri"
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
CANCRO 2/La loro figlia 16enne morì di cancro nonostante avesse possibilità di guarire con la chemioterapia. Ma madre e padre la ricoverarono in una clinica dove fu curata con vitamine e cortisone secondo il metodo Hamer
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
Il governo giallo-verde non prevede fra le vaccinazioni obbligatorie quelle sulla meningite. "Molte morti sarebbero state evitate con una vaccinazione più incisiva", afferma la Simit. "Le raccomandazioni non bastano"
Morto l'uomo più anziano del mondo
Morto l
Un giapponese di 113 anni, era lucido e apprezzava ancora lo sport e i dolci. La nipote: "Una grande perdita, ieri leggeva i giornali ed era di buon umore". La moglie morta nel 1992. Classe 1905, dirigeva uno stabilimento termale
Vaccinazioni in calo, 35 morti per il morbillo
Vaccinazioni in calo, 35 morti per il morbillo
Epidemia in corso in tutta Europa, 35 morti di cui 7 in Italia. Casi in continuo aumento, ora anche in Polonia e Portogallo. In Italia si sono ammalate 2.548 persone, di cui molti adulti