Il "Dream team" dei trapianti reni in serie

| Molinette: nefrologi, chirurghi vascolari e urologi impegnati in una catena di interventi con eccezionali difficoltà tecniche

+ Miei preferiti
Nelle ultime 4 settimane sono stati effettuati una serie concentrata di

trapianti renali ad alta complessità come mai si è visto: 4

trapianti di doppio rene, di cui l'ultimo dopo perfusione dei reni con una

speciale apparecchiatura, un trapianto renale in paziente definita

"iperimmune" per l'alto rischio di rigetto e che per tale ragione ha

effettuato particolare studio immunogenetico e una specifica terapia

nefrologica di desensibilizzazione prima del trapianto, due terzi

trapianti renale, un trapianto renale in urgenza per carenza di accessi

vascolari per effettuare la dialisi ove il rene è stato trapiantato in

sede completamente diversa dal convenzionale. Questo oltre a un trapianto

da donatore vivente da fratello a fratello e a 5 trapianti "ordinari" da

donatori deceduti. Una girandola di trapianti renali caratterizzata da

difficoltà cliniche e chirurgiche le più elevate nel campo, tutte

concentrate in un tempo ristretto.

Difficile ricordare una serie così impegnativa affrontata con successo in

un periodo oltretutto in cui in molti ospedali ci sono riduzioni di

attività per le ferie. Questa caleidoscopica attività di trapianto renale è

possibile grazie al consolidato approccio multidisciplinare sul trapianto

renale che permette di fare trapianti altrove difficilmente possibili e di

farne anche tanti come in questo ultimo mese: la parte assistenziale

clinica verte sui nefrologi diretti dal professor Luigi Biancone e per la parte

chirurgica sui chirurghi vascolari diretti dal dottor Maurizio Merlo, sugli

urologi del professor Paolo Gontero e sugli anestesisti del dottor Pierpaolo

Donadio; la parte laboratoristica specifica è sostenuta dagli

immunogenetisti del professor Antonio Amoroso e dagli anatomo-patologi del

professor Mauro Papotti. Utile sempre ricordare che la componente

infermieristica è essenziale per la gestione dei pazienti, ancor più in

situazioni così complicate di base.

"Rimarchevoli sono i risultati sul trapianto di doppio rene - dice il professor

Biancone, responsabile del programma di trapianto renale delle Molinette -

che consente minor tempo in lista ed una funzionalità nel lungo termine

identica ed a volte superiore al trapianto di rene singolo per la stessa

categoria di donatore. Nella pratica clinica in determinate situazioni si

preferisce trapiantare due reni contemporaneamente nello stesso paziente

invece di uno per dare maggiori garanzie di funzionalità col risultato

alla fine di dare al paziente una massa funzionale superiore "ad

abundantiam". Oltretutto, nell'ultimo trapianto di doppio rene, i reni sono

stati sottoposti a perfusione continua con delle particolari macchine che

sono in grado di ricondizionare e meglio preservare la microcircolazione

renale e riossigenare i tessuti renali quando il rene è ancora in ghiaccio

ed il trapianto ha avuto subito un ottima partenza. La casistica dell'uso

delle macchine da perfusione in questi organi è ancora piccola in Italia su

questi reni ma i risultati sono molto interessanti "


Salute
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
La “fitness routine” di Mark Wahlberg
Si alza nel cuore della notte per iniziare gli allenamenti: gioca a golf, si sottopone a crioterapia, cena con la famiglia e va a dormire prima che faccia buio. Alla faccia della bella vita delle star
Legionella, 29enne è grave
Legionella, 29enne è grave
Oltre 140 casi in Lombardia, il batterio si nasconde nelle acque. Tra le misure precauzionali, la manutenzione degli impianti idrici casalinghi. Gli esperti
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Si mangia le unghie, le amputano il dito
Courtney, 20 anni, è riuscita a infliggersi delle ferite così profonde al pollice da scatenare una forma aggressiva di tumore. I medici sono stati costretti a intervenire in modo drastico
La donna che non può più piangere
La donna che non può più piangere
50 anni, si sottopone ad un intervento per asportare un tumore al cervello, ma il medico le toglie la ghiandola lacrimale
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Dopo il West Nile, ecco il Dengue
Un caso della grave infezione nell'Udinese, una persona in ospedale dopo la puntura di una zanzara. Il Dengue è diffuso in India può generare febbri emorragiche. Ancora in cura i malati di West Nile in Sardegna
La dieta che uccide, pericolo sul web
La dieta che uccide, pericolo sul web
Ancora in vendita on line pillole dimagranti a base di Dnp, un veleno che converte l'energia solo in calore. In Inghilterra condannato per la prima volta un pusher. Storia di una sua vittima, aveva 21 anni
Cellule addestrate per battere i tumori
Cellule addestrate per battere i tumori
Anche in Europa la "Car T", il nuovo ciclo di terapie per battere leucemia e linfoma, sia pediatrici che per adulti. Progetti per estendere i protocolli ad altri tipi di tumore
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Se aveste un figlio malato, fareste pagare meno i farmaci"
Un bimbo di 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex Pharmaceuticals per chiedere all'azienda di abbassare i costi dei farmaci necessari a contrastarla: "Per favore vendetela anche in Inghilterra"
Vorrei la pelle bianca
Vorrei la pelle bianca
In Africa l'uso smodato di creme sbiancanti sta creando nuove patologie, coinvolte migliaia di persone, anche bambini. Una moda pericolosa e incontrollabile, nei farmaci non testati sostanze tossiche
Legionella, emergenza finita? Forse
Legionella, emergenza finita? Forse
Secondo l'Ats di Milano l'epidemia con decine di casi e alcune vittime provocata dal temporale del 6 luglio che ha "attivato" il batterio annidato nelle torri di raffreddamento