Il "Dream team" dei trapianti reni in serie

| Molinette: nefrologi, chirurghi vascolari e urologi impegnati in una catena di interventi con eccezionali difficoltà tecniche

+ Miei preferiti
Nelle ultime 4 settimane sono stati effettuati una serie concentrata di

trapianti renali ad alta complessità come mai si è visto: 4

trapianti di doppio rene, di cui l'ultimo dopo perfusione dei reni con una

speciale apparecchiatura, un trapianto renale in paziente definita

"iperimmune" per l'alto rischio di rigetto e che per tale ragione ha

effettuato particolare studio immunogenetico e una specifica terapia

nefrologica di desensibilizzazione prima del trapianto, due terzi

trapianti renale, un trapianto renale in urgenza per carenza di accessi

vascolari per effettuare la dialisi ove il rene è stato trapiantato in

sede completamente diversa dal convenzionale. Questo oltre a un trapianto

da donatore vivente da fratello a fratello e a 5 trapianti "ordinari" da

donatori deceduti. Una girandola di trapianti renali caratterizzata da

difficoltà cliniche e chirurgiche le più elevate nel campo, tutte

concentrate in un tempo ristretto.

Difficile ricordare una serie così impegnativa affrontata con successo in

un periodo oltretutto in cui in molti ospedali ci sono riduzioni di

attività per le ferie. Questa caleidoscopica attività di trapianto renale è

possibile grazie al consolidato approccio multidisciplinare sul trapianto

renale che permette di fare trapianti altrove difficilmente possibili e di

farne anche tanti come in questo ultimo mese: la parte assistenziale

clinica verte sui nefrologi diretti dal professor Luigi Biancone e per la parte

chirurgica sui chirurghi vascolari diretti dal dottor Maurizio Merlo, sugli

urologi del professor Paolo Gontero e sugli anestesisti del dottor Pierpaolo

Donadio; la parte laboratoristica specifica è sostenuta dagli

immunogenetisti del professor Antonio Amoroso e dagli anatomo-patologi del

professor Mauro Papotti. Utile sempre ricordare che la componente

infermieristica è essenziale per la gestione dei pazienti, ancor più in

situazioni così complicate di base.

"Rimarchevoli sono i risultati sul trapianto di doppio rene - dice il professor

Biancone, responsabile del programma di trapianto renale delle Molinette -

che consente minor tempo in lista ed una funzionalità nel lungo termine

identica ed a volte superiore al trapianto di rene singolo per la stessa

categoria di donatore. Nella pratica clinica in determinate situazioni si

preferisce trapiantare due reni contemporaneamente nello stesso paziente

invece di uno per dare maggiori garanzie di funzionalità col risultato

alla fine di dare al paziente una massa funzionale superiore "ad

abundantiam". Oltretutto, nell'ultimo trapianto di doppio rene, i reni sono

stati sottoposti a perfusione continua con delle particolari macchine che

sono in grado di ricondizionare e meglio preservare la microcircolazione

renale e riossigenare i tessuti renali quando il rene è ancora in ghiaccio

ed il trapianto ha avuto subito un ottima partenza. La casistica dell'uso

delle macchine da perfusione in questi organi è ancora piccola in Italia su

questi reni ma i risultati sono molto interessanti "


Salute
Burioni al leghista Fedriga: 'Dovevi vaccinarti!'
Burioni al leghista Fedriga:
Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli è in ospedale con la varicella. Lui è contrario alle vaccinazioni obbligatorie. Il messaggio dello scienziato agli adulti: "Non vaccinarsi è un rischio, non solo per gli altri"
La verdura bio è davvero sana?
La verdura bio è davvero sana?
Prende sempre più piede la coltivazione biologica, da molti vista come la soluzione ai problemi di inquinamento, da altri semplicemente come un metodo meno efficace che non soddisferà i bisogni di cibo della popolazione del pianeta
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
La storia della campionessa di nuoto, la 18enne Rikako Ikee, ha commosso il Giappone. "E' più dura di quanto temevo". La solidarietà e la voglia di combattere. Gare sospese
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Dalla Svizzera verde all’Africa nera, miliardi di sigarette dall’elevato contenuto di nicotina, catrame e monossido di carbonio. Secondo i produttori piacciono così, ma il dubbio è che ci sia l’intenzione di aumentare l’assuefazione
"Cercasi bimbo/a con orecchioni per ricerca"
"Cercasi bimbo/a con orecchioni per ricerca"
Medico No Vax censurato con durezza dal mondo scientifico e dalla ministra Grillo: "In Italia non ci sono spazi per stregoni che vogliono spaventare le famiglie". Il medico Fabio Franchi aveva lanciato un appello sui social
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
Lorenzo malato, raccolta web da 500mila euro
In pochi giorni il grande cuore della rete consentirà al medico di Ancona Lorenzo Farinelli, 34 anni di andare negli Usa per sottoporsi a una nuova terapia contro il cancro. "Se non ce la farò, soldi alla ricerca"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
"Mio figlio è morto, aveva diritto di curarsi"
CANCRO 1/Drammatica denuncia del papà di un ragazzo morto di cancro a 15anni. Nel Sud strutture inadeguate per i malati oncologici. Il post di Luigi su Facebook è diventato virale. "Ora lotterò in tuo nome per gli altri"
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
Eleonora morì di leucemia, genitori a giudizio
CANCRO 2/La loro figlia 16enne morì di cancro nonostante avesse possibilità di guarire con la chemioterapia. Ma madre e padre la ricoverarono in una clinica dove fu curata con vitamine e cortisone secondo il metodo Hamer
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
No Vax, pericoloso inganno sulla meningite
Il governo giallo-verde non prevede fra le vaccinazioni obbligatorie quelle sulla meningite. "Molte morti sarebbero state evitate con una vaccinazione più incisiva", afferma la Simit. "Le raccomandazioni non bastano"
Morto l'uomo più anziano del mondo
Morto l
Un giapponese di 113 anni, era lucido e apprezzava ancora lo sport e i dolci. La nipote: "Una grande perdita, ieri leggeva i giornali ed era di buon umore". La moglie morta nel 1992. Classe 1905, dirigeva uno stabilimento termale